Category

News

Superlega più lontana, Reggio Emilia rivede Cuneo per gara 4

By | News

Conad Reggio Emilia ha la possibilità, con gara 3, di chiudere la serie e così aggiudicarsi la promozione in Superlega, ma l’impresa non sarà semplice, dall’altra parte della rete ci sarà la BAM Acqua S. Bernardo Cuneo pronta a riaprire la serie.

 

La partita termina con la vittoria della BAM Acqua S. Bernardo Cuneo per 3-2 contro una comunque combattiva Conad Reggio Emilia.

 

L’inizio del primo set vede le squadre fronteggiarsi punto a punto e ritrovarsi in parità sul 2-2, ma la BAM Acqua S. Bernardo Cuneo decide sin da subito di scatenarsi e ottiene tre punti di vantaggio sui reggiani (6-3); sul punteggio di 9-4 coach Mastrangelo opta per il time out tecnico per provare a limitare i padroni di casa, Held e compagni si riavvicinano momentaneamente ma Botto e Andric fanno si che il vantaggio sia ristabilito (13-8). Mian, entrato per il turno al servizio, mette in seria difficoltà la ricezione cuneese ma l’attacco di Botto segna il cambio palla sul punteggio di 17-11; Cuneo è padrona del momento e Pedron regala anche un ace ai tifosi presenti (21-13), Held innescando un mani fuori tenta la remuntada ma a chiudere il set è Andric sul 25-16.

 

Inizio di secondo set complicato per Conad Reggio Emilia, che nelle prime battute subisce il parziale di 4-0, con coach Mastrangelo costretto al time out immediato, Botto e Preti trascinano Cuneo ma Held non ci sta e tenta l’inizio del recupero con un attacco che viene toccato dal muro dei padroni di casa (6-3); anche Sesto si fa sentire e chiude le porte all’attacco di Preti sul punteggio di 9-6. La BAM Acqua S. Bernardo Cuneo allunga e scappa via sino a toccare il raddoppio sul punteggio di 14-7, un recupero incredibile di Morgese permette alla Conad Reggio Emilia di ridurre il vantaggio dei padroni di casa a meno cinque sul 16-11; un recupero solo momentaneo però visto che Cuneo allunga nuovamente. Mian entrato in campo risponde sin da subito presente alla chiamata di coach Mastrangelo e con un pallonetto trova il dodicesimo punto (20-12), ma i padroni di casa non lasciano altro spazio ai reggiani e con un pallonetto Preti porta a casa anche il secondo set (25-15).

 

Terzo set aperto con un muro a uno di Sesto, simbolo della voglia di non mollare della squadra reggiana (0-1) ma successivamente Cuneo prova l’allungo che gli permetterebbe di portare a casa la partita, così coach Mastrangelo decide di chiamare un time out (6-3), il muro composto da Scopelliti e Cantagalli trova il pareggio dell’8-8, il sorpasso dei reggiani arriva successivamente con un errore di Andric (11-12). Da qui inizia uno scambio di palloni che infiammano il palazzetto di Cuneo e che regalano uno spettacolo agli spettatori: Held trova il 16-15 e mentre Garnica tenta un attacco, il muro della BAM Acqua S. Bernardo Cuneo lavora perfettamente e pizzica la linea (18-16). In pochi minuti vengono chiamati un time out per formazione, sintomo della delicatezza del momento (19-18). Due punti consecutivi di Cantagalli segnano un minimo vantaggio per la Conad Volley Tricolore, che per riaprire la partita deve obbligatoriamente vincere il set (20-21); dopo un muro di Zamagni è Cantagalli a regalare un ace alla curva di tifosi reggiani presenti sul punteggio di 21-23 e infine Cominetti lo replica chiudendo il terzo set sul 22-25 e tenendo vivo il sogno reggiano.

 

Quarto set vede la Conad Reggio Emilia provare a scrollarsi via primo e secondo set, in tentativo di replica del terzo, e Zamagni incarna lo spirito battagliero alla perfezione con il muro del 4-2; tutta la squadra di Reggio Emilia si anima, con Cominetti, Held e Cantagalli che finalizzano tre punti consecutivi e con Scopelliti che si aggiunge con un muro dolomitico, mentre la panchina di Cuneo è costretta al time out (5-9). Cantagalli sfrutta il varco lasciato dal muro degli avversari e con un pallonetto conquista il dodicesimo punto (7-12), mentre Cuneo cerca di ridurre lo svantaggio con gli attacchi di Codarin e Botto, Held ristabilisce l’ordine con l’attacco dell’11-16. Il recupero oltre la cartellonistica di Cominetti e poi l’errore in attacco della BAM Acqua S. Bernardo Cuneo decreta il 13-18, ma Cuneo non vuole mollare e con il servizio di Sighinolfi si riavvicina prepotentemente ai reggiani, così coach Mastrangelo opta per il time out (16-18). Cantagalli con un attacco in parallela riesce a mantenere un leggero vantaggio, ma Cuneo non rende la vita facile alla Conad Volley Tricolore (21-22), successivamente sul punteggio di 21-24 coach Serniotti opta per un time out strategico ma è Cantagalli a mandare le squadre al tie break e a riaprire le sorti di un match che sembrava chiuso (22-25).

 

La BAM Acqua S. Bernardo Cuneo non ci sta e scesa in campo nel quinto set parte con un 3-0 che fa alzare in piedi tutto il pubblico, coach Mastrangelo corre ai ripari con un time out tecnico, la tensione in campo è palpabile da entrambi i lati della rete; Zamagni poi buca i tre metri avversari tentando un avvio di ripartenza (4-2), Held e Cantagalli si danno man forte determinando il 6-5. Nuovamente situazione di parità sul punteggio di 7-7, Scopelliti con una battuta salto flot trova un ace che vale il 9-10; mentre le squadre si rincorrono punto a punto, Cuneo prova l’allungo del 12-10, trovando due punti fondamentali che valgono oro, un muro avversario infine chiude la partita (15-11) e porta Cuneo sull’1-2 nella serie finale.

 

BAM Acqua S. Bernardo Cuneo – Conad Reggio Emilia 3-2

25-16 (25’) 25-15 (24’) 22-25 (30’) 22-25 (30’) 15-11 (18’)

BAM Acqua S. Bernardo Cuneo

Cardona n.e, Codarin 7, Filippi 1, Tallone n.e, Pedron 6, Rainero n.e, Lilli n.e, Botto 19, Bisotto L, Vergnaghi L, Preti 17, Andric 23, Sighinolfi 8

All. Serniotti Roberto

Conad Reggio Emilia:

Zamagni 7, Catellani -, Held 16, Sesto 4, Cagni n.e, Scopelliti 4, Cominetti 4, Mian 1, Cantagalli 21, Garnica -, Morgese L, Suraci 1, Marretta L

All Vincenzo Mastrangelo

Note Conad Reggio Emilia: ace 3, service error 17, ricezione 24%, attacco 42%, muri 10

BAM Acqua S. Bernardo Cuneo: ace 4, service error 16, ricezione 33%, attacco 50%, muri 16

 

Alessia Prandi

Reggio da urlo: vince gara 2 e con il morale alto va a Cuneo

By | News

Una gara 2 che si prospetta infuocata, un PalaBursi stracolmo pronto ad accogliere la BAM Acqua S. Bernardo Cuneo, le formazioni si daranno battaglia in un match che se vinto da Cuneo significherebbe 1-1 nella serie finale al meglio dei 5, mentre in caso contrario la Conad Reggio Emilia si porterebbe sul 2-0.

L’incontro termina con la vittoria della Conad Reggio Emilia per 3-1 contro una comunque combattiva BAM Acqua S. Bernardo Cuneo.

Primo set che parte con la squadra di Cuneo agguerritissima che prova sin da subito a scappare via con un muro di Sighinolfi (1-3), il time out del 2-6 è chiamato da Mastrangelo che vuole sin da subito far sentire la sua fiducia alla squadra; Cantagalli prova la ripartenza con un attacco da posto due che risulta incontenibile per la difesa ospite (5-9). Cuneo sembra non soffrire il fatto di dover giocare fuori casa e così coach Mastrangelo utilizza anche il secondo time out quando Andric, dai nove metri, decide di trovare tre punti consecutivi (5-12); in un set che sembra prendere un’unica direzione Held trova il punto del 9-17 ma questo non basta perché presto gli avversari si trovano con un ampio vantaggio sul punteggio di 14-21. Dopo un muro di Reggio Emilia, la panchina cuneese decide di chiamare il primo time out della partita (15-21), Held impensierisce gli avversari ma questo non basta a fermare la BAM Acqua S. Bernardo Cuneo che si porta a casa il primo set sul punteggio di (18-25)

Un Cominetti scatenato apre il secondo set con un pallone che gioca con il filo della rete e decide di cadere nel campo avversario (3-1), poi Botto con un ace però ritrova il pareggio del 5-5; il vicecapitano Nicola Sesto stampa un muro negando il passaggio a Cuneo e facendo correre a ripari coach Serniotti con un time out (10-7). La Conad Volley Tricolore con gli attacchi di Zamagni e Cantagalli riesce a mantenere un distacco di tre punti portandosi così sul punteggio di 15-12, successivamente arriva anche l’ace di Sesto che costringe Cuneo al secondo time out del set (20-15). Cominetti si mette a disposizione della squadra e prima con una difesa e poi con un attacco chiude il ventunesimo punto per i reggiani (21-16), Held poco dopo con un muro neutralizza l’attacco di Andric,  che poi replica chiudendo il set sul 25-17.

 

 

 

Il muro a uno di Zamagni apre il terzo set sul punteggio di 3-3, mentre Reggio Emilia sembra sospinta dal pubblico amico, Held e Cominetti schiacciano a terra diversi palloni; ma Cuneo non li lascia scappare (6-6). Poco dopo la Conad Volley Tricolore attua il sorpasso con il binomio del servizio di Garnica e di Held all’attacco, condito con difese straordinarie di Marretta, così sul punteggio di 10-8 coach Serniotti si ritrova costretto al time out tecnico. Held arriva con uno dei suoi soliti ace ad allungare sugli ospiti, portando le formazioni sul 13-9; è una Reggio Emilia che ritrova il suo orgoglio e che fa dimenticare il primo set ai tanti tifosi giunti al PalaBursi di Rubiera da ogni parte della provincia, con la formazione che lavora interamente per un unico obiettivo (16-10). Sesto al servizio da la possibilità ai suoi compagni di fare bene, con Cuneo che nel frattempo è costretta a diversi cambi, lasciando a Cominetti e a Cantagalli la possibilità di trascinare la squadra sul punteggio di 19-12; il muro di Cantagalli non lascia spazio all’attacco della BAM Acqua S. Bernardo Cuneo e conquista ben otto set point, con Sesto che successivamente la chiude sul 25-17.

Un inizio di set contestato su una scelta arbitrale dubbia che però porta al 3-0 reggiano, Cuneo si riprende e recupera sino ad arrivare al punteggio di 6-6 grazie all’ace di Codarin; ma la Conad Reggio Emilia vuole ripartire e non lascia correre nemmeno un punto, con Cantagalli e Held che sembrano indiavolati e chiamano il pubblico reggiano a racconta doppiando gli avversari di Cuneo (12-6) e costringendoli al time out. L’ace di Cantagalli infiamma gli animi dei tifosi presenti e porta le formazioni sul punteggio di 14-6, Zamagni con un primo tempo da man forte ai compagni spegnendo allo stesso tempo gli animi della BAM Acqua S. Bernardo Cuneo (17-9). Cominetti mette il turbo e con un pallonetto inganna il muro avversario sul punteggio di 20-11, un rigore lasciato a capitan Garnica avvicina la fine della partita (23-12), è poi Cantagalli a trovare il 24-12 e Zamagni, con un muro, a chiudere il match (25-14).

 

 

 

Conad Reggio Emilia – BAM Acqua S. Bernardo Cuneo 3-1

18-25 (26’) 25-17 (24’) 25-17 (25’) 25-14 (24’)

Conad Reggio Emilia:

Zamagni 13, Catellani n.e, Held 15, Sesto 5, Cagni -, Scopelliti n.e, Cominetti 11, Mian -, Cantagalli 21, Garnica 2, Morgese L, Suraci -, Marretta L.

All Vincenzo Mastrangelo

Ass. Fabio Fanuli

BAM Acqua S. Bernardo Cuneo

Codarin 5, Filippi -, Tallone 3, Vergnaghi -, Pedron 4, Rainero n.e, Lilli n.e, Botto 13, Bisotto L, Preti 3, Andric 10, Sighinolfi 9

All. Serniotti Roberto

Ass. Casale Marco

Note Conad Reggio Emilia: ace 4, service error 22, ricezione 33%, attacco 51%, muri 17

BAM Acqua S. Bernardo Cuneo: ace 6, service error 13, ricezione 39%, attacco 36%, muri 5

 

Alessia Prandi

Reggio Emilia e la sua preparazione in questi giorni di gare vicine

By | News

È nuovamente un 1-3 quello subito dalla BAM Acqua S. Bernardo Cuneo contro la Conad Reggio Emilia, come la finale di Coppa Italia i reggiani hanno saputo piegare i padroni di casa, portandosi avanti sulla serie 1-0. Il percorso per arrivare alla promozione in Superlega è lungo e tortuoso e questo coach Mastrangelo, nella consueta intervista post partita, non lo nasconde: “Il pericolo dopo la vittoria di gara 1 è pensare che sia finita, dev’essere ben chiaro che questa partita è solo la prima della serie, una lunghissima serie al meglio delle cinque partite. Cuneo ha ovviamente le potenzialità per arrivare al PalaBursi di Rubiera, giovedì sera, e pareggiare la serie, quindi dobbiamo essere bravi insieme ai ragazzi a rimanere concentrati al massimo, con il nostro modo di giocare. Stasera ci tengo a ringraziare, anche a nome dei ragazzi, chi ci sta permettendo di fare tutto questo, di avere una qualità di lavoro così elevata, quindi ringrazio gli altri coach Marcello Mattioli, Fabio Fanuli e il preparatore Massimo Rimoldi”.

 

Successivamente il coach decide di passare da intervistato a intervistatore e interpella i suoi vice, Marcello Mattioli è il primo a rispondere a Mastrangelo che gli chiede se si è aspettasse una Conad Volley Tricolore così: “Conosco i ragazzi e quello che abbiamo fatto in settimana, anzi quello che facciamo da inizio anno, e quindi posso dire che gara 1 è andata proprio come mi aspettavo; la scaramanzia in spogliatoio non manca ma le cose sono andate come previsto. Come ha detto coach Mastrangelo la serie è estremamente lunga e dovremo lavorare ancora tanto, dovremo crederci palla dopo palla, set dopo set e partita dopo partita”.

 

Fabio Fanuli poi, rifacendosi alla sua personale esperienza di giocatore, ribadisce quanto i play off possano essere un campionato a parte: “I play off sono una creatura strana, quando pensi di averli capiti tutto si ribalta; penso che la ricetta sia focalizzarsi sul qui e ora senza pensare troppo in avanti, si deve pensare a giocare una buona pallavolo, il resto poi arriva di conseguenza. Esprimere le qualità che i ragazzi hanno credo sia la chiave arrivati a questo punto”.

 

Infine, l’ultima domanda del coach è ricaduta sul preparatore atletico Massimo Rimoldi che, come altri nelle precedenti interviste hanno fatto, sottolinea l’importanza della forma fisica dei giocatori e del recupero da ben calibrare durante la settimana: “All’interno del periodo play off la programmazione del recupero e del lavoro di consolidamento da fare con i ragazzi in palestra è fondamentale, si gioca ogni tre/quattro giorni e quindi vengono richieste prestazioni fisiche importanti ai ragazzi; aggiungo, personalmente parlando, che ci siamo veramente meritati di essere qui oggi a giocarci la finale promozione perché è da Agosto che lavoriamo intensamente”.

 

L’appuntamento quindi è per giovedì 19 maggio alle ore 20:00 al PalaBursi di Rubiera per sostenere Garnica e compagni e per continuare a sognare tutti insieme, tutti muniti di mascherina FFP2 e prenotazione del posto a sedere effettuabile sul sito www.volleytricolore.it

 

Alessia Prandi

Intervista a Cantagalli prima di gara1 con Cuneo

By | News

Tre appuntamenti sicuri, quelli di domenica 15 maggio ore 18:00 a Cuneo, giovedì 19 maggio ore 20:00 al PalaBursi di Rubiera e poi quello di sabato 21 maggio ore 20:30 nuovamente a Cuneo, poi le eventuali gare 4 e 5.

La stagione dei record per la Conad Reggio Emilia prosegue, il miglior piazzamento in stagione, una Coppa Italia vinta, una Supercoppa giocata e infine questo: una finale playoff per la promozione in A2; un campionato che nessuno si sarebbe immaginato, la speranza di fare bene era sicuramente presente ma il campionato ha superato ogni più rosea aspettativa e speranza.

 

L’opposto reggiano Diego Cantagalli si fa portavoce di tutte le emozioni che la squadra sta provando: “Le emozioni sono difficili da descrivere, andiamo a giocarci una finale di campionato che per la maggior parte di noi sarà la prima volta; non ci sono parole in questo momento per descrivere quello che abbiamo fatto, sembra quasi di essere tutti ancora sotto shock, l’emozione è ancora altissima. Mercoledì sera abbiamo dimostrato ancora una volta quanto sappiamo soffrire e che siamo una squadra che non molla, nemmeno nei momenti difficili in cui abbiamo cercato di dare il nostro meglio, anzi abbiamo dato anche più di quel che potevamo. Il ringraziamento ai miei compagni è d’obbligo ma dobbiamo essere consapevoli che il nostro sogno non è finito, ora dovremo affrontare Cuneo, che si è attrezzata anche con un nuovo opposto, un grandissimo giocatore che fa del suo punto forte l’esperienza, so anche che questo non ci scoraggerà perché arrivati a questo punto non possiamo far altro che giocare e dare tutti noi stessi”.

 

La stagione quindi per la Conad Volley Tricolore continua e la squadra da appuntamento a tutti i tifosi per domenica 15 maggio alle ore 18:00 sulla diretta Youtube di Volleyball World, per sostenere i ragazzi nella sfida contro la BAM Acqua S. Bernardo Cuneo.

 

Alessia Prandi

Reggio Emilia vola in finale promozione: le parole di Mastrangelo e Morgese

By | News

Responsabilità, voglia e coraggio. Sono le parole chiave del match che si è concluso 2-3 con la vittoria della Conad Reggio Emilia sulla favorita Agnelli Tipiesse Bergamo, l’incredulità dell’impresa e della prestazione messa in campo dai ragazzi fanno da cornice a una partita spettacolare giocata su ogni pallone.

Coach Mastrangelo commenta emozionato e euforico l’impresa compiuta a Bergamo, ricordando anche tutte le difficoltà che si sono incontrate durante il cammino per arrivare fin qui: “Sarà la terza finale in un anno, Coppa Italia prima, Supercoppa poi e ora finale play off, che triplete. Inoltre oggi abbiamo vinto l’undicesimo tie break su quattordici giocati, è qualcosa di impressionante e incredibile quello che abbiamo fatto, per di più in casa loro; è sembrata come la semifinale di Coppa Italia, noi avanti 2-0, loro che recuperano e poi tie break a nostro favore. Oggi si è giocata una grande pallavolo, siamo stati capaci di tenere il loro ritmo e di superarli nei primi due set, il terzo e il quarto sono stati bravi loro a crescere e a giocare la loro miglior pallavolo, il quinto set però è la fotografia di un lavoro che abbiamo svolto tutto l’anno. La mia felicità per questo gruppo di ragazzi e per tutto il gruppo squadra è qualcosa che non è descrivibile a parole, avevo chiesto ai ragazzi di portarmi a giocare la mia terza finale promozione, che due volte mi è già sfuggita di mano, e loro lo hanno fatto; ci siamo regalati qualcosa che non sappiamo se si potrà ripetere nei prossimi anni, alcuni giocatori sono anche verso il fine carriera e quindi ci siamo presi la responsabilità di sfruttare l’occasione al meglio. Come sempre ora abbiamo solo quattro giorni per ricaricare le pile, insieme a staff tecnico, fisioterapico e preparatori perchè poi ci attende l’ultimo sforzo per la serie lunga cinque partite, che cercheremo di portare avanti il più possibile”.

La bandiera della squadra, il libero Davide Morgese, poi mette l’accento su quanto sia importante questo risultato, che nella stagione 2015/2016 gli era sfuggito quando Vibo Valentia aveva eliminato Reggio Emilia in semifinale: “La parola giusta per descrivere questo momento è incredibile, siamo arrivati a Bergamo pronti a giocarci il tutto per tutto, eravamo consapevoli della pericolosità della Agnelli Tipiesse Bergamo, che comunque in campionato aveva accumulato ben tredici punti di vantaggio sulla seconda, ma poi in campo abbiamo saputo dimostrare quanto valiamo; abbiamo compiuto un’altra impresa dopo Coppa Italia, abbiamo vinto in casa loro al tie break (17-19) avendoli portati a gara 3. Ovviamente in questi giorni ci prepareremo per la sfida contro Cuneo, ora verrà il bello, ci giocheremo l’accesso all’olimpo del volley, giocare una finale promozione è una cosa che a inizio anno molti di noi non avrebbero nemmeno pensato. L’emozione per me che sono qui da otto anni è veramente tanta, ringrazio i miei compagni per tutto il lavoro svolto e ora dovremo solo pensare a dare il nostro meglio per le prossime partite”.

 

La stagione quindi per la Conad Volley Tricolore continua e la squadra da appuntamento a tutti i tifosi per domenica 15 maggio alle ore 18:00 sulla diretta Youtube di Volleyball World, per sostenere i ragazzi nella sfida contro la BAM Acqua S. Bernardo Cuneo.

 

Alessia Prandi

Reggio Emilia conquista “la bella” e va in finale play off con Cuneo

By | News

Alla “bella” di gara 3 la Agnelli Tipiesse Bergamo sfida la Conad Reggio Emilia, dopo il vantaggio guadagnato in gara 1 dai bergamaschi i reggiani avevano saputo pareggiare in un incontro spettacolare giocato tra le mura del PalaBursi di Rubiera. Un incontro che determinerà chi sarà la seconda finalista, la prima a qualificarsi è stata la BAM Acqua S. Bernardo Cuneo che ha battuto in due match la Kemas Lamipel Santa Croce.

 

L’incontro termina con la vittoria della Conad Reggio Emilia per 2-3 contro una comunque combattiva Agnelli Tipiesse Bergamo.

 

L’equilibrio sembra dominare l’avvio del primo set con Cantagalli che decide di piegare le mani del muro a suo piacimento trovando il 3-4, dopo un leggero vantaggio reggiano Bergamo ricostruisce e ritrova la parità del 7-7; Zamagni successivamente con un primo tempo manda al servizio Cantagalli che trova l’ace del 9-13, che viene replicato poco dopo sul 9-15. Dopo un parziale recupero della Agnelli Tipiesse Bergamo, la panchina di Conad Reggio Emilia decide di chiamare un time out tecnico (12-16), una risposta dei reggiani in campo che non tarda ad arrivare ma Bergamo si attacca con le unghie e con i denti facendo segnare al tabellino il punteggio di 17-21. La formazione bergamasca chiama anch’essa uno dei due time out a disposizione (18-22), ma Cominetti conquista ben quattro set e poi è Cantagalli a chiudere il set sul 21-25.

 

Secondo set aperto con l’ace di Cominetti dell’1-3 con il compagno di reparto Held che trova il sesto punto con un attacco sui quattro metri (4-6), poi Bergamo corre ai ripari quando la formazione ospite giunge al raddoppio sul punteggio di 5-10. Il vice capitano Sesto con il suo muro sbarra la strada all’attacco di Pierotti sul 14-8, mentre Cantagalli lo replica in un muro solitario che vale il 9-16 e che fa spendere un time out agli avversari; i padroni di casa provano ad attuare la ripartenza ma un Cantagalli scatenato gliela nega (13-19). Held segue l’amico Cantagalli e con due attacchi consecutivi finalizza il 14-22, mentre con il servizio di Mian che mette in difficoltà la ricezione bergamasca, si conclude il set con un’invasione che costa ai padroni di casa il 15-25.

 

Terzo set di fuoco con Bergamo che vuole riaprire il match e Reggio Emilia che lo vorrebbe chiudere, parità quindi quasi scontata nell’apertura (3-3), ma successivamente i bergamaschi fanno infiammare il Palazzetto dello Sport di Bergamo e guidati da capitan Cargioli si portano sul 10-6. Zamagni buca i tre metri avversari nel tentativo di ripresa ma questa non riesce a pieno, così coach Mastrangelo chiama un time out sul punteggio di 15-11. L’Agnelli Tipiesse Bergamo con Larizza e Padura Diaz fa dimenticare al pubblico i set precedenti, mentre un muro di Cantagalli segna il quattordicesimo punto per la Conad Volley Tricolore (18-14) e dopo aver sfruttato al meglio le mani del muro avversario innescando un mani fuori costringe coach Graziosi al time out tecnico del 20-17. L’insidiosissimo turno al servizio di Cominetti combinato agli attacchi di Held portano Reggio Emilia al meno uno sugli avversari (20-19), ma questo non basta a contrastare Terpin e Pierotti che portano a casa il terzo set (25-21).

 

Sesto con un muro apre il quarto set sull’1-1 dopo un ace di Padura Diaz, mentre il primo tempo di Zamagni non riesce a variare la situazione di parità che persiste sul 5-5 e quando Bergamo prova a scappare, il coach Vincenzo Mastrangelo chiama subito un time out tecnico per invitare i suoi alla calma (8-5). Si susseguono poi quattro punti fondamentali per Reggio Emilia: l’ace di Cominetti, la chiamata a video check che da ragione ai reggiani, il muro di Sesto e per finire l’ace di Zamagni che segna il sorpasso (9-10), infatti poco dopo coach Graziosi chiama un time out per provare a fermare l’avanzata dei reggiani sul punteggio di 9-11. Sorpassi e controsorpassi, tentativi di allungo e riprese, sono queste le modalità con cui le formazioni stanno disputando un quarto set spettacolare (15-15), l’ace anche di Scopelliti arriva a dare man forte ai compagni sul 17-17 e successivamente un serie di video check interrompono il gioco. Bergamo riesce ad ottenere tre punti di vantaggio che potrebbero essere fondamentali e così coach Mastrangelo chiama un time out tecnico sul 22-19; l’attacco di Suraci del 23-21 non basta a recuperare lo svantaggio, perché il muro di Bergamo chiude il quarto set portando la partita al tie break (25-21).

 

È il quinto set quello che deciderà chi sarà la finalista, Cantagalli non ha la minima intenzione di rendere la vita facile a Bergamo (2-2), ma Bergamo riesce a ottenere sin da subito due punti di vantaggio (5-3); il time out sul punteggio di 7-5 è chiamato da coach Mastrangelo con Zamagni che risponde subito presente con un attacco nei tre metri. Il muro di capitan Garnica vuol dire 8-9 e time out per Bergamo, con la tensione che sale da ambo le parti e il palazzetto che si infiamma; Held con un pallonetto spinto si prende l’undicesimo punto e fa chiamare alla panchina bergamasca un nuovo time out sul punteggio di 10-11. Gli animi sono caldi e gli errori di entrambe le parti segnano il 13-13, mentre il punto di Bergamo spinge la panchina reggiana al time out (14-13), Held e Cantagalli tengono vivi con il defibrillatore la squadra sul punteggio di 17-17, ma a chiudere la partita e a mandare in finale Reggio Emilia è Held con un ace (17-19).

 

Agnelli Tipiesse Bergamo – Conad Reggio Emilia 2-3

21-25 (27’) 15-25 (25’) 25-21 (29’) 25-21 (36’) 17-19 (31’)

Agnelli Tipiesse Bergamo

Padura Diaz 26, Mancin -, Ceccato n.e, Abosinetti n.e, D’Amico L, Cargioli 9, Finoli 1, Baldi n.e, Terpin 14, Pierotti 13, De Luca L, Larizza 7

All. Graziosi Gianluca

Conad Reggio Emilia:

Zamagni 12, Catellani n.e, Held 21, Sesto 8, Cagni n.e, Scopelliti 1, Cominetti 16, Mian -, Cantagalli 27, Garnica 1, Morgese L, Suraci 1, Marretta L.

All Vincenzo Mastrangelo

Note Conad Reggio Emilia: ace 8, service error 18, ricezione 34%, attacco 48%, muri 12

Note Agnelli Tipiesse Bergamo: ace 4, service error 14, ricezione 41%, attacco 46%, muri 11

REGGIO EMILIA SCONFIGGE BERGAMO E CONQUISTA GARA 3

By | News

La Agnelli Tipiesse Bergamo si presenta al PalaBursi di Rubiera pronta a chiudere la serie e passare direttamente alle finali play off, la Conad Reggio Emilia invece proverà a riaprire la serie e ad andare a Bergamo per gara 3.

 

La partita si conclude con la vittoria della Conad Reggio Emilia per 3-2 contro una comunque combattiva Agnelli Tipiesse Bergamo.

 

Il primo set si apre con un muro a uno di Cantagalli che fa sin da subito esplodere il pubblico del PalaBursi di Rubiera che oggi ha il piacere di ospitare la squadra della A.C.Tricolore Reggiana 2003 (3-1), poi gli attacchi di entrambe le formazioni fanno presto segnare al tabellino il punteggio di 6-6. La Agnelli Tipiesse Bergamo prova a scappare sin da subito e sotto la regia di Finoli si portano sul 9-12, successivamente è coach Mastrangelo a richiedere un time out tecnico per invitare i suoi ragazzi alla calma (13-17); Held con una pipe prova la ripartenza e trova il diciassettesimo punto del 17-21. Un pallonetto di Bergamo conquista il primo set sul punteggio di 20-25 mettendo sotto i reggiani.

 

Zamagni nell’avvio del secondo set con un primo tempo buca i tre metri avversari e porta le formazioni sul 3-1 mentre Diego Cantagalli segna il punto del 7-3, Reggio Emilia mette così il turbo e arriva presto al 10-5 costringendo coach Graziosi al time out tecnico. Diego Cantagalli regala il primo ace reggiano sul 13-6, poi aggiunge il raddoppio (14-6), il gap creato da Reggio Emilia si allunga e coach Graziosi è costretto al secondo time out (17-8). Sesto con un muro chiude le porte all’attacco di Padura Diaz (19-9) mentre Cominetti gli da man forte e sfrutta al meglio le mani del muro arrivando sino al punteggio di 22-11, Zamagni infine chiude il set in favore dei reggiani (25-17).

 

Terzo set che inizia con le squadre in perfetta parità sul parziale di 4-4, alcuni palloni dubbi infiammano gli animi del PalaBursi, pronto a sostenere i suoi pupilli della Conad Volley Tricolore (6-7); sul punteggio di 6-9 è coach Mastrangelo a richiedere un time out tecnico, successivamente Cantagalli risponde subito presente alla chiamata del tecnico conquistando il settimo punto (7-9). Dopo un’azione corale incredibile dei reggiani è capitan Garnica a portare a casa il punto (12-13), Held e Cantagalli si scatenano e dopo l’ace dell’italo-olandese, che trova anche il pareggio (16-16), coach Graziosi opta per il time out ma Held dai nove metri è implacabile e conquista un altro ace che vale il sorpasso del 18-17. Contro time out di Reggio Emilia, chiamato in contemporanea al contro sorpasso dei bergamaschi (18-19), un pallonetto di Zamagni pizzica la linea e il video check chiamato dai reggiani da ragione ai padroni di casa (22-21). Il set grazie ai recuperi di entrambe le squadre va ai vantaggi, mentre Cantagalli firma il 25-25, un pallone giocato da Terpin però porta Bergamo a chiudere il set e a portarsi a casa il sorpasso (26-28).

 

Cantagalli con il suo attacco inganna il muro di Bergamo mentre la palla si insacca nella rete (4-2), il compagno Cominetti poi firma il 6-3 e coach Graziosi poco dopo decide di richiedere time out tecnico (7-3). La Agnelli Tipiesse Bergamo però non ha la minima intenzione di mollare e porta Reggio Emilia al pareggio dell’8-8, costringendo coach Mastrangelo al time out, Zamagni risponde agli attacchi degli ospiti con due punti consecutivi (11-10). Entrambe le formazioni danno spazio ad uno spettacolo di altissimo livello, giocando ogni pallone sul filo, la parità del 14-14 lo dimostra; arriva anche il punto dal libero reggiano Morgese sul 17-16. Time out richiesto da Conad Reggio Emilia dopo l’ace di Finoli (18-19), time out che riporta la situazione in parità 21-21 e con Sesto che schiaccia un pallone incontenibile per la difesa ospite (24-22) appena ha l’opportunità Cantagalli chiude il quarto set e manda le squadre al tie break (25-23).

 

Quinto set che si prospetta di fuoco con le formazioni che si attestano sul 2-2 e capitani chiamati a rapporto dall’arbitro per proteste da entrambe le parti, subito dopo Cantagalli risponde con un ace che vale il 3-2 e un altro ace arriva da Cominetti sul punteggio di 6-4. Animi roventi che scaldano giocatori, panchine e pubblico, pubblico che fa tremare le tribune quando Held conquista l’8-6 e manda le squadre al cambio campo; sono due i muri del vicecapitano Sesto (10-6) e con l’ace del capitano che li segue la Conad Reggio Emilia ottiene un distacco di cinque lunghezze (11-6). Un incredibile Cantagalli infine chiude la partita sul punteggio di 15-9, portando così la serie a gara 3 in cui si deciderà la finalista che sfiderà la BAM Acqua S. Bernardo Cuneo, già qualificata.

 

Conad Reggio Emilia – Agnelli Tipiesse Bergamo 3-2

20-25 (24’) 25-17 (26’) 26-28 (37’) 25-23 (33’) 15-9 (19’)

Conad Reggio Emilia:

Zamagni 11, Catellani -, Held 20, Sesto 11, Cagni n.e, Scopelliti -, Cominetti 10, Mian -, Cantagalli 34, Garnica 3, Morgese L, Suraci -, Marretta L.

All Vincenzo Mastrangelo

Agnelli Tipiesse Bergamo

Padura Diaz 15, Mancin -, Ceccato n.e, Abosinetti n.e, D’Amico L, Cargioli 7, Finoli 2, Baldi -, Terpin 14, Pierotti 9, De Luca n.e, Larizza 15.

All. Graziosi Gianluca

Note Conad Reggio Emilia: ace 7, service error 25, ricezione 43%, attacco 58%, muri 9

Note Agnelli Tipiesse Bergamo: ace 3, service error 11, ricezione 30%, attacco 42%, muri 10

 

Alessia Prandi

CuraRe Onlus e Volley Tricolore insieme per il progetto All Inclusive

By | News

CuraRE Onlus festeggia la vittoria in Coppa Italia A2 del Conad Volley Tricolore sostenendo l’inclusione sportiva in Appennino 

 L’associazione Curare Onlus e la società sportiva Volley Tricolore hanno effettuato una donazione al progetto provinciale All Inclusive Sport: grazie al loro contributo tre bimbi con disabilità saranno affiancati da un tutor nelle loro attività sportive 

CuraRE Onlus festeggia la vittoria della Coppa Italia serie A2 di Conad Volley Tricolore sostenendo il progetto All Inclusive Sport, coordinato dal centro di servizio per il volontariato CSV Emilia, per favorire l’inclusione dei bambini con disabilità nell’associazionismo sportivo locale.  

Per celebrare la vittoria della Coppa Italia Serie A2 della squadra Conad Volley Tricolore, CuraRE Onlus ha scelto di sostenere una realtà che opera per l’inclusione di tutti i bambini nello sport: per questo primo anno, in particolare, ha deciso di aiutare i bambini del comune di Castelnovo ne’ Monti, dove la Conad Volley Tricolore svolge il suo annuale ritiro estivo.  

Nel concreto, una donazione di 2.000 euro (1.500 euro messi a disposizione da CuraRE Onlus, 500 euro da Conad Volley Tricolore) finanzierà la presenza, per tutta la durata del prossimo anno sportivo, di tre tutor di All Inclusive Sport, che affiancheranno in allenamento altrettanti bambini con disabilità nelle loro discipline preferite, all’interno di un gruppo squadra di coetanei. Nell’anno sportivo 2021/22, grazie al sostegno del Comune di Castelnovo Monti, i bambini/ragazzi con disabilità affiancati gratuitamente da un tutor di All Inclusive Sport in allenamento sono 12 (200 in tutta la provincia reggiana), e sono già numerose le richieste d’iscrizione in lista d’attesa per il prossimo anno sportivo.  

La consegna del simbolico assegno è avvenuta in una bella serata di condivisione, ospitata martedì 3 maggio dal ristorante albergo Villa Cupido di Cella. Al momento collettivo hanno preso parte rappresentanti di CuraRE Onlus, gli atleti e i dirigenti di Conad Volley Tricolore, le famiglie e i coordinatori del progetto All Inclusive Sport, una delegazione del Comune di Castelnovo Monti, presente anche la consigliera regionale Stefania Bondavalli. 

“È importante partire dalle nuove generazioni – ci racconta Deanna Ferretti, presidente di Curare Onlus – per lanciare un particolare messaggio e costruire insieme un futuro dove c’è spazio per tutti. Il fatto che la disabilità venga vista come una ricchezza e non come un ostacolo può realizzarsi solo se fin da piccoli i nostri bambini vengono abituati a giocare, e quindi costruire relazioni con altri bambini. Speriamo che, con questo piccolo gesto, oltre a festeggiare l’importante risultato ottenuto della Volley Tricolore, riusciamo a sensibilizzare tutta la comunità reggiana a sostenere questo progetto”.  

“Come Volley Tricolore – aggiunge il direttore della società sportiva Loris Migliari – da diversi anni sosteniamo e ci facciamo testimonial di Curare Onlus per il Mire il nuovo dipartimento Materno Infantile di Reggio Emilia ed anche in questa occasione non possiamo che appoggiare questa bella iniziativa, che oltre a festeggiare il grande risultato ottenuto dalla squadra in questo campionato, rispecchia i nostri valori di sensibilizzazione e attenzione per lo sport e il territorio. 

Per noi sostenere insieme a CuraRE Onlus l’inclusione dei bambini disabili nell’attività sportiva è importante, in particolare siamo molto contenti che in questo caso siano famiglie e bambini della comunità montana, un luogo a noi caro dove è nata la stagione 2021/2022 e dove grazie al raduno pre-campionato la squadra ha iniziato il suo percorso tecnico e soprattutto di coesione del gruppo.” 

“Siamo davvero grati per questo sostegno ad All Inclusive Sport – conclude Federica Severini di CSV Emilia – La pratica sportiva, soprattutto quando basata sui valori fondanti dell’inclusione, è uno strumento fondamentale per la salute, il benessere e la crescita positiva di bambini e ragazzi. Inoltre, in una realtà territoriale come quella della Montagna, essere inclusi in un gruppo sportivo significa entrare a far parte di una piccola comunità che vive anche al di fuori degli allenamenti, moltiplicando così le occasioni di socializzazione anche per i bambini con disabilità”

Le testimonianze e i racconti portati dalle famiglie presenti hanno toccato il cuore dei partecipanti all’evento e hanno messo in risalto l’importanza che questo progetto ha per i bambini e le famiglie coinvolte, piccoli gesti a volte possono fare la differenza e proprio per questo Volley Tricolore e Curare Onlus hanno deciso di sostenere il progetto di All Inclusive.

Interviste dopo gara 1

By | News

Ancora una volta la Agnelli Tipiesse Bergamo, durante gara 1 delle semifinali play off, ha saputo prevalere sulla Conad Volley Tricolore con un parziale di 3-1, la sfida non è stata semplice per nessuna delle due formazioni che si sono battute sino all’ultimo pallone. Roberto Cominetti, schiacciatore della formazione reggiana, commenta quanto sia difficile giocare contro una formazione che si è incontrata più e più volte nel corso del campionato, con i giocatori che ormai si conoscono a memoria: “Arrivati a questo punto ci conosciamo bene, ma oggi non siamo riusciti a batterli, analizzeremo in settimana cosa non ha funzionato e sicuramente noi nella sfida che giocheremo domenica in casa al PalaBursi di Rubiera dovremo limitare ancora maggiormente i nostri errori, penseremo naturalmente a giocarcela nelle migliori condizioni possibili. Nonostante i tanti ace quando siamo riusciti a fargli tenere palla staccata non siamo riusciti poi a bloccarli, questo è quello che ha fatto la differenza oggi, se hanno i palloni nei tre metri i loro attaccati riescono quasi sempre a finalizzare”.

 

Anche il libero Davide Morgese condivide le parole del compagno, poi aggiunge anche un’analisi più tecnica: “Il loro punto forza maggiore è sicuramente il muro-difesa, sono arrivati primi in campionato con un distacco enorme dalla seconda, anche se sappiamo che i play off sono un campionato a parte questo è già un buon indicatore del loro ottimo livello. Tanti complimenti a loro perché ci hanno messo in difficoltà in praticamente tutti i fondamentali, anche se noi durante tutto il secondo e il terzo set ce la siamo giocata fino in fondo, pallone su pallone. Tutto quello che è stato fatto oggi non è assolutamente da buttare, perché in questa settimana ci sarà da ripartire da qui, analizzando ciò che non ha funzionato e studiando e cercando ulteriori punti deboli loro”.

 

Coach Mastrangelo ci tiene anche a vedere i lati positivi della partita giocata dai suoi ragazzi: “Il primo set purtroppo siamo risultati non efficaci in campo, successivamente abbiamo giocato un secondo e terzo set ad altissimo livello, raggiungendoli e superandoli poi, siamo andati sul 25-25 nel finale del terzo, ma alla fine l’hanno chiusa loro; la differenza è stata sicuramente il muro di Bergamo, che ha portato a sbagliare anche noi in attacco. Siamo fuori casa e dobbiamo contare che è la prima di più partite, adesso aspettiamo la prossima domenica quando il nostro obiettivo sarà quello di pareggiare la serie e riportarli qui a Bergamo per gara 3. Noi siamo fiduciosi, è tutto l’anno che giochiamo al loro livello, l’hanno sempre spuntata loro ma è stato sempre per un pallone, il tutto si gioca su un filo davvero sottile; adesso torniamo a casa, abbiamo finalmente una settimana intera per prepararci al ritorno di questa serie, augurandoci anche di ritrovare un PalaBursi pieno di tifosi”.

 

Appuntamento quindi a domenica 8 maggio al PalaBursi di Rubiera alle ore 18:00, muniti di prenotazione (effettuabile sul sito www.volleytricolore.it) e mascherina FFP2 per sostenere i ragazzi che proveranno a portare avanti la serie contro Bergamo e a tenere vivo il sogno reggiano.

 

 

Alessia Prandi

Bergamo trionfa ancora una volta su Reggio Emilia

By | News

È un risultato storico per la Conad Volley Tricolore aver raggiunto le semifinali play off, la squadra così eguaglia l’annata 2015/2016 dove la Conad Volley Tricolore era stata poi eliminata dalla Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia; dall’altra parte della rete a sfidare i reggiani saranno ancora i giocatori della Agnelli Tipiesse Bergamo, le formazioni si incontreranno della sesta sfida stagionale.

L’incontro termina con la vittoria della Agnelli Tipiesse Bergamo per 3-1 contro una combattiva Conad Volley Tricolore

Inizio complicato per la Conad Reggio Emilia, che in avvio del primo set, subisce il parziale di 4-1 e sul parziale di 8-3 coach Mastrangelo decide subito di chiamare un time out tecnico per dare indicazioni ai suoi giocatori. La battuta di Garnica, servendosi anche della rete, inganna la ricezione bergamasca che così subisce il primo ace del match (8-6), la Agnelli Tipiesse Bergamo a muro sembra indistruttibile e così allunga in suo vantaggio, ma Diego Cantagalli decide di restituire un muro sul punteggio di 13-9; Cominetti poi dai nove metri tira un pallone che segna l’ace che vale il 14-11. Garnica regala un nuovo ace ai tifosi presenti al palazzetto e a quelli collegati da casa (18-14) ma questo non contiene Bergamo che così allunga ulteriormente il vantaggio grazie agli attacchi di Terpin e Padura Diaz (22-14), Held con l’ennesimo ace prova a recuperare ma a chiudere il set è Padura Diaz sul punteggio di 25-17.

 

Cantagalli con una diagonale da posto due apre il secondo set sul 3-3 mentre Garnica poco dopo conquista un ace che vale il primo vantaggio reggiano (4-5), un recupero incredibile quello di Terpin che vola addosso ai tabelloni pubblicitari mentre i suoi compagni segnano il punto del 10-8. L’ace di Held dopo un pallone contestato vale il quindicesimo punto (14-15), mentre l’amico Cantagalli riesce da posto due a sbloccare una rotazione pericolosa sul punteggio di 17-19; coach Graziosi richiede un time out poco dopo (19-21) ma successivamente un muro di Cominetti e poi l’incredibile turno al servizio e i due ace di Hed regalano a Reggio Emilia il 19-25.

L’incredibile diagonale di Held pizzica l’angolo del campo e regala il 2-2, sulla scia della parità è anche la parallela tirata da Cominetti del 7-7; Zamagni conquista un mani fuori e il primo più due del set, così coach Graziosi chiama un time out sul punteggio di 9-11. Garnica trova il buco nella difesa avversaria e schiaccia di seconda intenzione (10-12), ma subito dopo avviene un sorpasso dei padroni di casa, è poi Scopelliti con un muro a risolleva il morale dei reggiani (15-16) e a permette rea Held di trovare l’ennesimo ace del 15-17. Bergamo con due muri consecutivi ritrova il sorpasso del 20-19 e così coach Mastrangelo si ritrova costretto a chiamare un time out, gli avversari non perdono la concentrazione e un ottimo Padura Diaz guadagna due set point per la sua squadra (24-22); gli attacchi di Cominetti e Scopelliti mandano le squadre ai vantaggi (25-25) ma infine a chiudere il set è Padura Diaz sul punteggio di 27-25.

Quarto set che parte combattutissimo sin da subito con Held che trova il quarto punto (3-4), poi però Bergamo vola su un vantaggio di più quattro, trascinata anche dal proprio capitano Cargioli (10-6). Cominetti prova a risollevare gli animi di Conad Reggio Emilia con due ace sul punteggio di 13-11, a cui segue una richiesta di time out tecnico da parte di Graziosi che ha ottimi risultati, poco dopo infatti a chiamare time out è coach Mastrangelo (17-12). Scopelliti schiaccia il pallone nelle mani di Padura Diaz che non riesce a contenerlo (19-15) ma Bergamo è spietata e riesce a mantenere il distacco creato e arriva sino al punteggio di 22-16; al servizio Cominetti trova l’ace del 22-18 e Cantagalli chiude le porte agli avversari due volte ma è Pierotti a chiudere il match sul punteggio di 25-21.

 

Agnelli Tipiesse Bergamo – Conad Reggio Emilia 3-1

25-17 (23’) 19-25 (26’) 27-25 (35’) 25-21 (29’)

Agnelli Tipiesse Bergamo

Padura Diaz 20, Mancin -, Ceccato n.e, Abosinetti n.e, D’Amico L, Cargioli 10, Finoli 1, Baldi n.e, Terpin 11, Pierotti 15, De Luca L, Larizza 7

All. Graziosi Gianluca

Conad Reggio Emilia:

Zamagni 6, Catellani n.e, Held 17, Sesto -, Cagni n.e, Scopelliti 5, Cominetti 12, Mian -, Cantagalli 18, Garnica 6, Morgese L, Suraci -, Marretta -.

All Vincenzo Mastrangelo

Note Conad Reggio Emilia: ace 13, service error 18, ricezione 34%, attacco 43%, muri 5

Note Agnelli Tipiesse Bergamo: ace 5, service error 18, ricezione 24%, attacco 57%, muri 12

 

 

 

Alessia Prandi