Conad, il sogno finisce sul più bello

By 5 Aprile 2015News

Alessandro Tondo in attaccoConad Reggio Emilia-Sieco Service Ortona 2-3 (25-20, 19-25, 25-16, 21-25, 13-15)
Conad Reggio Emilia: Della Corte 1, Catellani (L), Di Franco ne, Bertoli 7, Guemart, Tiozzo 18, Tondo 20, Bucaioni 1, Kody 25, Benaglia, Giglioli 12, Allesch, Morgese. All. Cantagalli
Sieco Service Ortona: Simoni 7, Guidone ne, Matricardi ne, Michalovic 34, Cortina (L), Toscani (2° L) ne, Di Meo 7, Lanci 1, Rivera 16, Cisolla, Moretti 8, Maiorana, Orsini ne. All. Lanci
Arbitri: Venturi e Fretta
Durata: 26′, 25′, 24′, 25′, 18′. Tot. 1h58′
Note Conad: ace 3, service error 18, muri 15, ricezione 62%, attacco 52%
Note Ortona: ace 4, service error 8, muri 10, ricezione 53%, attacco 45%

Il sogno finisce così, ad un passo dal traguardo, almeno quello parziale di portare la serie a gara-3.
La serie dei quarti di finale playoff la vince 2-0 Ortona, ma è una grande Conad quella che saluta il pubblico del Pala Bigi (quasi 1500 persone, record stagionale) con una partita giocata col cuore in mano dai ragazzi di Luca Cantagalli.
La Sieco Service, vincitrice della regular season, s’impone 15-13 al tie-break e chiude subito i conti, beffando Reggio che era stata avanti 1-0 e poi sul 2-1. E’ Michalovic (34 punti) il killer giallorosso, ma in una serata come quella vissuta a Pasqua c’è solo da applaudire entrambe le squadre per lo spettacolo offerto.
E la Conad Reggio Emilia, con un progetto più vivo che mai, dà già l’appuntamento ad un’altra stagione tra i grandi della serie A2.

LA PARTITA

Un grande pubblico a spingere la Conad per portare tutti quanti alla bella.
Coach Cantagalli propone la stessa squadra di gara-1, ma con Yvan Arthur Kody titolare in posto 2 per Della Corte.
Sorpresa in casa Ortona, con Cisolla che accusa un risentimento muscolare e Di Meo viene quindi schierato in banda assieme a Rivera.
La Conad ha gli occhi giusti, quelli della tigre.
Giglioli regala il primo strappo con l’ace del 9-7, Bucaioni apre tantissimo per gli esterni facendo lavorare il muro ospite e Kody e Tiozzo non perdonano.
Con il muro di Tondo su Michalovic si vola sino al 15-9, la Sieco Service prova a rientrare con lo slovacco, ma Reggio controlla alla grande e chiude 25-20.

SECONDO SET

La Conad sembra partire come nel primo set, ma Ortona cresce palla dopo palla, trovando fiducia da Michalovic e dallo stesso Di Meo, in difficoltà nel primo set.
Reggio rimane avanti sino al 10-8, poi cala vistosamente in ricezione e in cambio palla, dando spazio ad una seconda parte di set totalmente dominata dalla vincitrice della regular season.
Michalovic non sbaglia nulla, Rivera piazza contrattacco e muro su Kody della staffa (16-21), Cantagalli ci prova anche con Allesch per Bertoli, ma è 19-25 Sieco Service e tutto da rifare per la Conad.

TERZO SET

La Conad subisce il colpo? Tutt’altro, i giallorossi ripartono col sestetto base per scatenarsi in un terzo set verità.
E’ Matteo Bertoli l’assoluto protagonista, con un gran turno al servizio per il primo break (9-6), e poi in attacco per lanciare i padroni di casa sino al +6.
L’inerzia è girata nuovamente, è dominio giallorosso nel tripudio di via Guasco, che si esalta per il gran punto del 17-11 confezionato da una gran difesa di Catellani e dal contrattacco di Kody, sino al 25-16 che arriva in maniera piuttosto rapida con il “rigore” firmato da Nicola Tiozzo.

QUARTO SET

In avvio di quarto set, la salto flot di Di Meo e Moretti fa malissimo alla Conad, e la partita torna in altalena cambiando nuovamente padrone.
La Sieco Service fugge subito sino al 6-12, ma questa volta la Conad risponde e rimonta, spinta dalla propria gente.
I muri di Giglioli e Tondo sono vitali per i giallorossi, che ricuciono sino all’aggancio sul 17 pari.
E’ un finale splendido, la Conad sorpassa fermando ancora Michalovic con un grande lavoro a muro (20-19), ma la Sieco Service risponde colpo su colpo e riesce a portare la gara al tie-break, con la solita battuta di Di Meo a condannare Reggio: 21-25 e si va al quinto.

TIE-BREAK

Il tie-break giallorosso comincia male, con tre errori diretti e un clamoroso errore arbitrale su un attacco di Kody che lancia Ortona sino al 3-7.
La Conad non molla, con Tiozzo torna a -2 (5-7), ma la battuta tattica della Sieco Service fa realmente la differenza e vale la semifinale, meritata, per gli abruzzesi.
Finisce 13-15 dopo che la Conad ha annullato tre match-point, ma sono comunque applausi per la stagione giallorossa che finisce qua.