NOTA DELLA SOCIETA’

By 12 Gennaio 2017News

CIVITA CASTELLANA PRESENTA RICORSO AL GIUDICE SPORTIVO PER CHIEDERE L’ANNULLAMENTO E LA RIPETIZIONE DELLA GARA DI DOMENICA SCORSA VINTA 3-1 DALLA CONAD REGGIO EMILIA

LA NOTA DELLA SOCIETA’: “APPRENDIAMO CON SORPRESA IL RECLAMO, PENSIAMO NON CI SIANO GLI ESTREMI PER UN PROVVEDIMENTO CHE SAREBBE CLAMOROSO, VISTI ANCHE NUMEROSI PRECEDENTI DEL GENERE, MAI PRESI IN CONSIDERAZIONE. CI PARE ESAGERATO ATTRIBUIRE A UN POSSIBILE ERRORE A META’ DEL SECONDO SET, LA SCONFITTA DI ULTERIORI DUE SET. SIAMO TRANQUILLI E PENSIAMO A PREPARARE LA PARTITA CONTRO MONDOVI’, CERCANDO DI VINCERE ANCHE QUESTA SUL CAMPO” 

La squadra festeggia sul campo la vittoria a Montefiascone per 3-1 contro Civita Castellana

Apprendiamo dal sito di Legavolley – nella newsletter legata ai provvedimenti disciplinari e alle decisioni del giudice sportivo – che la società Asd Volley Civita Castellana ha presentato ricorso per la gara di domenica scorsa 8 gennaio disputata a Montefiascone, vinta dal Conad Volley Tricolore Reggio Emilia per 3-1, chiedendo contestazione del risultato e ripetizione della partita per un video-check non concesso dall’arbitro. Il risultato di fatto ora è sub-judice e non ancora omologato, in attesa di un verdetto del giudice che sta esaminando il ricorso.

I fatti contestati. Sul risultato parziale di 13-12 per Civita nel secondo set, Banderò, opposto brasiliano di Civita Castellana, effettua un colpo di tacco: la palla viene giudicata dagli arbitri sul nastro e viene fischiato il quarto tocco, quindi punto assegnato a Reggio Emilia. La panchina di Civita però ha chiesto il video-check sostenendo la tesi del tocco a muro del centrale della Conad, Andrea Miselli e quindi il mani-out. Ma gli arbitri non hanno concesso la verifica video perché hanno valutato che la palla non avesse nemmeno oltrepassato il nastro, ritenendola dunque inutile.

La nota della società. “Abbiamo appreso con sorpresa il ricorso di Civita Castellana – dice il direttore sportivo Giorgio Barbareschi – Pensiamo che non ci siano gli estremi per un ricorso. Il video-check è uno strumento nuovo per la Serie A2 ed è normale che possano nascere delle incomprensioni o che dia spazio a diverse interpretazioni, data anche la normativa non perfetta in materia. Ci sembra però alquanto esagerato, leggendo le motivazioni inserite nel ricorso – ed eccessivo far risalire ‘la colpa’ di tre set persi a un singolo episodio, per quanto possa essere un errore, verificatosi nel secondo set. Tuttavia, siamo tranquilli. Anche in passato ci sono stati ricorsi di questo tipo, ma non sono mai stati presi in considerazione provvedimenti così estremi come la ripetizione della partita. Dunque, con grande serenità, andiamo avanti a preparare la partita contro Mondovì, consapevoli di aver vinto con merito, sul campo, il match contro una squadra forte come Civita Castellana. Ora noi pensiamo solo alla gara di domenica prossima contro il club piemontese contro cui proveremo a vincere ancora. Sempre sul campo”.

Leave a Reply

Facebook

Get the Facebook Likebox Slider Pro for WordPress