“Sì, porto Tiozzo al Mondiale. Vi spiego perchè”

By 14 Agosto 2013News

Diventa una Conad mondiale, quella che si appresta a ricominciare lunedì 19, con il raduno al Pala Bigi, la nuova stagione agonistica.
Almeno per le prime due settimane di preparazione, coach Luca Cantagalli dovrà rinunciare a Nicola Tiozzo, martello classe 1993 e uno dei colpi pregiati del mercato giallorossa.
La sua assenza, in realtà, è per l’arrivo di una splendida notizia che si attendeva con ansia.
Nicola è stato infatti convocato dal ct della nazionale azzurra Marco Bonitta per disputare i campionati del mondo Under 21 in programma in Turchia dal 22 agosto al 1° settembre.
L’ex tecnico della Cavriago che fu, ha scelto il nuovo giocatore della Conad tra i 12 che martedì 20 agosto partiranno per il mondiale.
Prima, gli azzurri disputeranno un torneo internazionale di 4 giorni, con Brasile, Argentina e Giappone come rivali e gran chiusura sabato con le finali a Castione della Presolana, in provincia di Bergamo.
Nella serata di mercoledì, l’esordio con il Brasile, test-match importantissimo in previsione mondiale.
E nel ritiro azzurro, abbiamo raggiunto coach Bonitta per farci raccontare tutto su Nicola…
“E’ un ragazzo che ha qualità morali importanti, è la prima cosa che mi piace sottolineare.
L’ho seguito durante l’inverno e, anche se il risultato della squadra non è stato eccezionale (Conselice è retrocessa in B2, ndr), lui ha sempre mantenuto una buona costanza di rendimento.
Credo fosse giusto dargli l’opportunità di misurarsi su un palcoscenico come il mondiale, si è allenato bene mettendosi alla pari con altri ragazzi già abituati a certi ritmi e ha meritato la convocazione. Credetemi, non gli ho regalato nulla”.
Tecnicamente, che tipo di giocatore è Tiozzo?
“Hai detto bene, tecnicamente – continua Bonitta.
Lo definisco un giocatore di questo tipo, molto più tecnico che potente.
E’ un discreto ricettore e un buon attaccante, dove ha vari colpi e una palla veloce.
A muro deve ancora fare un salto di qualità, ma ha un’ottima battuta in salto che sarà utilissima.
Si può dire che la Conad abbia fatto un bel colpo, grazie anche alle indicazioni di coach Bonitta?
“Non voglio prendermi meriti che non ho, mi è stato chiesto un parere e ho detto come stanno le cose, ovvero che Nicola è un buon giocatore.
E sicuramente sì, un bel colpo per una squadra che vuole fare bene in B1”.
A proposito di giocatori che Bonitta conosce bene, una riflessione anche su Alessandro Bartoli, il primo grande colpo dell’estate giallorossa.
“Non posso che parlare bene di Alessandro – l’analisi del tecnico ravennate.
Per lui parlano i numeri e quel che ha fatto vedere anche nell’ultima stagione.
Con me a Ravenna ha fatto un campionato costante ad alto livello, diventando un uomo capace di fare la differenza.
Dopo anni nei quali è stato definito una promessa, ora si può dire che è un giocatore vero”.
Oltre a Tiozzo, ecco gli altri 12 convocati da coach Bonitta per il torneo internazionale in terra bresciana e bergamasca: Izzo. Giannelli, Borgogno, Picco, Diamantini, Partenio, Randazzo, Ricci, Nelli, Milan, Della Volpe e Tailli.

Leave a Reply

Facebook

Get the Facebook Likebox Slider Pro for WordPress