UN GRANDE FINALE DI 2016 PER LA CONAD

By 28 Dicembre 2016News

IL 2016 DEL VOLLEY TRICOLORE SI CHIUDE ALLA GRANDE CON UN SUCCESSO
L’ANALISI DI COACH DALL’OLIO SULLA VITTORIA DI BRESCIA: “L’INFORTUNIO DI TIBERTI CI HA FACILITATO, MA SIAMO STATI BRAVI NEI NOSTRI PUNTI DI FORZA. MA NON POSSIAMO ANCORA PERMETTERCI DI FARE CALCOLI, GUARDIAMO GARA DOPO GARA”.
A DARE LA SVOLTA LE FORZE FRESCHE BECCARO E MISELLI: “LA NOSTRA FORZA E’ LA PANCHINA LUNGA, SPERIAMO CHE QUESTO CI PORTI A RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI PREFISSATI”.
IL DS BARBARESCHI: “ABBIAMO TANTA QUALITA’ E NON MI STUPISCE QUESTO RISULTATO A BRESCIA. D’ORA IN AVANTI SONO TUTTE FINALI” 

Coach Pupo Dall’Olio mentre dà indicazioni

La vittoria ottenuta dalla Conad a Brescia porta grande entusiasmo a Reggio che chiude così con un successo un 2016 ricco di soddisfazioni (dalla semifinale playoff nella scorsa stagione alla corsa di quella attuale).
Il Volley Tricolore si trova in piena zona playoff: quinto posto a pari merito con Mondovì, mentre il distacco dall’accoppiata Civita Castellana-Brescia è di solo un punto. La vetta del girone blu del campionato di Serie A2 UnipolSai invece occupata da Spoleto è lontana solo 4 punti, ma soprattutto alle spalle Bergamo è a – 3. Insomma, una situazione ideale anche se ora occorre continuare su questa strada. Ogni partita ora diventa fondamentale.
Come quella di Brescia ieri: la Centrale del Latte era prima in classifica e non aveva mai perso in casa durante la stagione. La Conad ci è riuscita davanti a 1.200 spettatori che battevano le mani per i lombardi. 

Il palleggiatore Luca Beccaro che col suo ingresso ha dato la svolta

Per coach Pupo Dall’Olio è la seconda vittoria consecutiva da quando ha preso le redini del team: 6 punti conquistati. Insomma il massimo bottino possibile. Soddisfatto, ma molto onestamente e lucidamente parte dal grave infortunio accorso al capitano di Brescia, Tiberti (rottura tendine d’achille, 6 mesi di stop): “Faccio un grosso in bocca al lupo a Tiberti. Il suo infortunio è stato forse determinante nell’andamento della partita. Magari avrebbero perso lo stesso, ma per Brescia è un giocatore importante. Per quanto riguarda noi, abbiamo giocato in scioltezza il primo set, poi quando loro hanno cambiato qualcosa ci siamo trovati con l’obbligo di dover vincere e siamo stati un po’ contratti. La cosa che mi è piaciuta è che abbiamo sopportato gli aspetti che non ci veniavano bene e abbiamo amplificato i nostri punti di forza. E questo è importante: non si può sempre pensare di vincere giocando bene, ma bisogna accettare anche gli errori. Ora arriva un periodo fondamentale per noi: fino al 5 gennaio (al PalaBigi arriva Cantù alle 20,30) non ci saranno partite e questo ci permetterà sia di riposarci un po’, ma anche di lavorare fisicamente in modo intenso e più mirato. Poi avremo il tempo anche di recuperare chi sta poco bene come Norbedo che ha avuto una contrattura prima di Brescia. Classifica? Dobbiamo guardare partita dopo partita, non possiamo ancora permetterci di fare dei calcoli”. 

L’esultanza dopo un punto di Andrea Miselli

Il direttore sportivo Giorgio Barbareschi loda la squadra: “Brescia è una squadra che ci porta bene. Abbiamo vinto 3-0 sia all’andata sia al ritorno. A Reggio coincise con l’inizio della risalita, quella di ieri spero coincida con l’inizio di un finale di stagione importante e vincente. Siamo l’ammazzacapoliste? Mah, questo è un campionato strano, ogni settimana ce n’è una diversa visto l’equilibrio che regna in questo girone. Ma proprio per questo ciascuna partita diventa una finale e va affrontata come tale. Il livello tra le prime e le ultime in classifica non è poi così distante, ci sono e ci saranno tanti risultati a sorpresa. Ma noi non siamo sorpresi di essere venuti a Brescia a vincere, perché ne abbiamo le possibilità. Certo l’infortunio a Tiberti ci ha facilitato perché ha tolto a loro un giocatore fondamentale. Ma voglio mettere l’accento su un aspetto: la nostra forza è la profondità, ovvero avere 13 giocatori che chi più e chi meno, che hanno avuto l’opportunità di dimostrare il proprio valore e di far vedere le proprie qualità al servizio della squadra. Noi abbiamo tanti giocatori di qualità. E contro Brescia lo si è potuto vedere con gli ingressi di Beccaro e Miselli che hanno fatto due grandi partite”.

Il palleggiatore Luca Beccaro è entrato nel terzo set al posto di Soli e ha dato una grande svolta: “Ci siamo fatti un bel regalo di Natale. Nonostante i parziali non dicano questo, è stata una partita molto sofferta. Non c’era un gran ritmo in campo e quindi siamo stati bravo col gruppo a venire fuori da alcune situazioni difficili”.

Grande protagonista anche il centrale Andrea Miselli, capace di dare un grande contributo: “E’ stato bello entrare e dare il mio apporto. È stata una sorpresa anche per me e sono molto contento sia a livello personale sia per la squadra: questa vittoria ci ha permesso di recuperare punti importanti in chiave di alta classifica. Siamo una squadra di 13 titolari? Dall’inizio dell’anno penso che siamo un gruppo affiatato e questo permette di essere tranquillo anche a chi entra in campo o gioca meno e di fare bene. Spero che questa fortuna di avere una panchina lunga ci possa portare a raggiungere i frutti sperati”. 

L’opposto Arthur Kody. Mvp del match con 26 punti

L’Mvp della partita è stato senza dubbio l’opposto camerunense Kody che ha siglato 25 punti facendo il Babbo Natale della situazione e “regalando” così una buona fetta di vittoria alla Conad: “Non era facile vincere a Brescia, noi ce l’abbiamo fatta e siamo davvero soddisfatti. Siamo stati decisi e precisi fin dall’inizio. E siamo stati bravi a riprenderci dopo qualche errore di troppo. Questa è una vera vittoria di squadra”. 

Ma il 2016 non finisce qui: domani, giovedì 29 dicembre, al PalaEnza di Sant’Ilario ore 19,30 c’è l’ultima fatica dell’anno: un allenamento congiunto contro Montecchio Maggiore. 

Leave a Reply