COMPLETATO IL REPARTO OPPOSTI: ECCO IL BABY GIGANTE ROSSATTI

By 20 Luglio 2016News

COMPLETATO ANCHE IL RUOLO DEGLI OPPOSTI: IN ARRIVO IL CLASSE ’94 FEDERICO ROSSATTI. “UN BEL REGALO DI COMPLEANNO PER ME. VOGLIO RITAGLIARMI IL MIO SPAZIO CON UMILITA’ E ALL’OCCORRENZA POSSO GIOCARE ANCHE IN BANDA”
IL DS BARBARESCHI: “FEDERICO E’ GIOVANE MA VANTA GIA’ ESPERIENZA IN B1. E’ UN PROSPETTO MOLTO INTERESSANTE”

Federico Rossatti, classe '94, è alto 203 centimetri

Federico Rossatti, classe ’94, è alto 203 centimetri

Si va sempre più delineando il roster del Volley Tricolore. E soprattutto si completano i reparti. Assieme all’asso camerunense Kody, il ruolo di opposto offrirà come alternativa un giovane molto interessante nel panorama nazionale, tanto che è un ex Club Italia, ovvero uno dei migliori prospetti per il futuro. Si tratta di Federico Rossatti, classe ’94, 2,03 metri d’altezza, che nelle ultime stagioni si è messo in luce in serie B1 con Forlì. Nato a Verona, ma residente a Mezzolombardo, è cresciuto nel settore giovanile dell’Argentario per poi a 17 anni essere selezionato dal Club Italia. Da lì è passato a Forlì con cui ha vinto il campionato di B2 e salendo in B1.

“Quest’anno avrei voluto misurarmi con la serie A – ha detto l’atleta – ma quasi non ci speravo più ormai. Invece è arrivata questa chiamata da Reggio che è stato un bel regalo di compleanno visto che li compio dopodomani (il 22). L’ho presa al volo e sono molto contento. Mi sento pronto, anche perché a Forlì giocavo con un sestetto di tutto rispetto e con tanti compagni che avevano esperienza in serie A. Voglio cercare di ritagliarmi il mio spazio, con umiltà e di crescere. La prima cosa da fare è adattarsi alla velocità di gioco della serie A. Inoltre, all’occorrenza posso anche giocare in banda, insomma posso essere un jolly. Sarà un anno di crescita per me e mi hanno parlato benissimo della città. Non vedo l’ora di iniziare”.

Soddisfatto per questo colpo il direttore sportivo Giorgio Barbareschi: “Federico è giovane, ma ha già fatto esperienza in serie B1 ed ha grandi doti atletiche che ne fanno un prospetto molto interessante. Quando gli ho proposto di venire a Reggio, mi ha colpito per il suo grande entusiasmo che traspariva dalle sue parole e non vedo l’ora di scoprire quanto in alto potrà arrivare”.