Sì Conad, sei di nuovo in pArAdiso!

By 26 Aprile 2014News

Conad Reggio Emilia-Volley Iglesias 3-0 (25-7, 25-10, 25-15)
Conad Reggio Emilia: Dordei, Catellani (L), Bassoli 6, Magnani (2° L), Guemart 3, Tiozzo 6, Tondo 3, Bartoli 17, Sideri 2, Cuda 9, Benaglia 6, Santini 1, Tataru 2. All. Cantagalli
Volley Iglesias: Murenu 2, Pasciuta 4, Cacciatore 2, Usai 1, Spiga ne, Martufi (L), Della Nave 4, Mazzotta 3. All. Marotto
Arbitri: Solazzi e Selmi
Durata: 18′, 20′, 20′. Tot. 58′
Note Conad: ace 5, service error 12, muri 13, ricezione 60%, attacco 61%.
Note Iglesias: ace 0, service error 9, muri 0, ricezione 58%, attacco 26%

La Conad Reggio Emilia è nella storia e, dodici mesi dopo, di nuovo in pArAdiso.
Il paradiso della serie A, lasciata un anno fa ed ora ripresa sul campo dalla squadra di Luca Cantagalli al termine di una stagione formidabile.
Diciotto successi nelle venti gare di campionato sinora disputate, in totale venticinque su ventotto stagionali considerando le sfide di una Coppa Italia che, giusto una settimana fa, è finita nella bacheca del club giallorosso.
Ed ora, in una grande notte al Pala Bigi, anche la vittoria del campionato di B1, con due turni d’anticipo, è di una Conad che firma un clamoroso “double” e torna tra i grandi del volley italiano.
C’è un’altra, esaltante avventura nel prossimo campionato di A2 ad attendere il club giallorosso, capace di ripartire con un progetto nuovo ed entusiasmante ma, soprattutto, da subito vincente.
Merito di un grande lavoro, societario in primis e tecnico a partire da coach Cantagalli, che ha plasmato una squadra unita, compatta e capace di regalare non solo vittorie, ma anche un gran bel gioco.
Come non sottolineare l’apporto di uno staff di prim’ordine, dal vice Gallingani allo scoutmen Mori, dal preparatore atletico Ade al fisioterapista Montecchi, passando per il responsabile medico, il dott. Pantaleoni, sino a tutte quelle figure che lavorano nell’ombra ma rappresentano la spina dorsale del club.
E poi ci sono stati loro, 13 favolosi ragazzi capaci di prendersi tutto.
Capitan Michel Guemart è stata l’anima e le mani di questa Conad, Alessandro Bartoli il braccio armato e l’MVP di Coppa. Nicola Tiozzo la rivelazione, Juan Josè Cuda la certezza, Alessandro Tondo la strapotenza di un giovane che sta spaccando il mondo.
Davide Benaglia l’energia di un guerriero, Luca Catellani la follia di chi con le sue difese vuole andare oltre i confini della realtà.
E poi Alessandro Dordei e la sua grinta, Giuliano Tataru e un talento pronto da esplodere, Davide Bassoli l’uomo delle promozioni, Federico Santini, Francesco Sideri e Alessandro Magnani i giovani del futuro.
Questa è stata la Conad 2013/2014, impeccabile anche nell’ultima notte.
Con Iglesias si sognava esattamente quel che si è visto, davanti ad un pubblico sempre caloroso e al fianco della squadra, sino all’abbraccio finale tra magliette celebrative e una gioia immensa nel cuore.
Della partita, c’è poco da dire, se non di una Conad che non ha pietà dell’ultima della classe, peraltro giunta in via Guasco con soli 8 elementi.
E’ da subito dominio, con il primo set finito 25-7 e tanti protagonisti in campo, da Santini a Sideri sino all’ultima palla messa giù da Tataru.
Non cambia la musica nel 2° set, col sestetto base in avvio e poi i cambi, con Magnani e Bassoli in campo e ancora Tataru a chiudere: 25-10.
E il terzo set è una sinfonia giallorossa sino alla grande festa del ritorno in serie A!