Conad, la maledizione del tie-break colpisce ancora

By 18 Gennaio 2015News

Conad Reggio Emilia-Caffè Aiello Corigliano 2-3 (23-25, 25-17, 25-19, 20-25, 13-15)
Conad Reggio Emilia: Della Corte 9, Catellani (L), Di Franco 5, Bertoli ne, Guemart 6, Tiozzo 10, Tondo 18, Bucaioni ne, Kody 21, Benaglia 2, Giglioli ne, Allesch 1, Morgese. All. Cantagalli
Caffè Aiello Corigliano: Hrazdira 14, Calonico ne, Izzo 2, Taliani (L), Casciaro ne, Tomasello 5, Banderò 27, Mariano 13, Walker 1, Lavia 1, Menicali 10, Colarusso ne. All. Ricci
Arbitri: Luciani e Cappelletti
Durata: 30′, 27′, 26′, 25′, 20′. Tot. 2h08′
Note Conad: ace 5, service error 11, muri 12, ricezione 66%, attacco 43%
Note Corigliano: ace 3, service error 18, muri 13, ricezione 68%, attacco 50%

Questa volta c’è andata davvero vicina a spezzare la maledizione del Pala Bigi, nel quale la squadra di Luca Cantagalli ha vinto una sola gara.
Guemart e compagni giocano un’ottima gara contro la terza forza del campionato, ma la Caffè Aiello Corigliano passa al quinto set in via Guasco con una grande rimonta dal 2-1 per i padroni di casa.
E’ comunque un buon punto in chiave play-off, ma il rammarico è tanto per ciò che poteva essere e non è stato.

LA PARTITA

Nessuna sorpresa per Ricci e Cantagalli, che schierano i sestetti attesi con la Conad che conferma il nuovo assetto che vede Kody opposto a Guemart, Tondo e Di Franco al centro, Della Corte e Tiozzo in banda, Catellani libero con Morgese dentro per la seconda linea al posto di Della Corte.
La “nuova” Conad parte fortissimo, Di Franco e Kody sono super ed è 6-2 e time out Ricci.
La Caffè Aiello però c’è, torna sotto con Hrazdira e Menicali e impatta a 12.
E’ una partita bellissima ed equilibrata sino al 20 pari, quando Michal Hrazdira si trasforma nel killer della sua ex squadra.
Il martello ceco mette giù il pesantissimo contrattacco del 22-24, è Banderò a chiudere da seconda linea per il 23-25 ospite.

SECONDO SET

L’avvio di secondo set è shock per la terza forza del campionato.
Tre muri di uno strepitoso Tondo e il servizio di Della Corte portano ad un clamoroso 8-0 in favore dei padroni di casa, ma il parziale non è finito.
Un cartellino, un paio di errori in attacco di Kody e Corigliano prova a rientrare, anche se sul 19-10 sembra tutto comodo per la Conad.
Gli ospiti però piazzano un break di 6-0 col servizio tattico di Menicali e tornano al .3 (19-16), prima che Alessandro Tondo decida di trasformarsi in Superman.
Il centrale leccese piazza un attacco e tre aces uno più devastante dell’altro per la chiusura sul 25-17 reggiano (11 punti nel set per un Tondo clamoroso).

TERZO SET

La Conad ha davvero girato l’inerzia della gara, Tiozzo e Della Corte la spingono subito sul 7-4 anche in avvio di terzo set.
Corigliano sbaglia tanto, troppo al servizio, la distribuzione di capitan Guemart è praticamente perfetta e il resto lo fa la battuta dei giallorossi.
Anche Kody è “on fire” in questo fondamentale, per Reggio è tutto abbastanza semplice, dal 12-8 della pausa tecnica sino al +7 sul 20-13. Chiude Della Corte per il 25-19 che regala già un punto.

QUARTO SET

Il quarto set è una battaglia, la Conad è quasi sempre avanti ma non riesce a chiudere la gara nonostante i tanti errori al servizio della Caffè Aiello (8 nel solo terzo parziale).
Si arriva in equilibrio sino al 18 pari, poi il break firmato da Mariano risulterà decisivo, per il 20-25 Caffè Aiello. Per la terza volta consecutiva, al Pala Bigi si va al tie-break.

TIE-BREAK

La Conad parte sparata e scappa sul 3-0, ma una carambola con attacco messo giù da Izzo gira l’inerzia.
La Caffè Aiello sorpassa sul 5-6, fugge con Mariano e Banderò (8-10) e soprattutto col terrificante muro di Hrazdira su Kody per il +3 ospite.
La chiusura è di Banderò per il 13-15 ospite

SPOGLIATOI

Coach Cantagalli: “Peccato per quel 4° set…”

A fine gara, il rammarico di coach Luca Cantagalli è più che altro legato al quarto set, quando la Conad sembrava avere tutta l’inerzia a favore.
“Sì, piu che il tie-break, giocato molto bene da Corigliano, avremmo potuto chiuderla prima. Peccato perchè ci manca sempre qualcosina, sia a livello che mentale che naturalmente tecnico, ma in emergenza non potevo chiedere molto di più ai ragazzi”.
La Conad ha giocato una buona gara e il punto conquistato è comunque da considerare positivo: “Rimaniamo in corsa per i play-off ed è fondamentale muovere la classifica, chiaro che una vittoria avrebbe pesato molto. Maledizione del Pala Bigi? Non credo a queste cose…”.
Piero Allesch, entrato nel finale di gara, ha avuto un ottimo impatto: “Non me l’aspettavo assolutamente – spiega il triestino – ma è andata. Sulle ultime due battute ho pensato solo a mandarla di là senza sbagliare, peccato non sia arrivata la vittoria perchè credo che almeno 2 punti li avremmo meritati. Cresciamo però gara dopo gara, sono convinto che i play-off si possano raggiungere. Dobbiamo crederci”.

Leave a Reply

Facebook

Get the Facebook Likebox Slider Pro for WordPress