CONAD SCONFIGGE 3 A 1 I LUPI DELLA KEMAS LAMIPEL DOPO UN MATCH MOZZAFIATO

Si preannunciava uno scontro infuocato ed è stato proprio così. Reggio porta a casa 3 punti dopo la vittoria 3 a 1 contro Santa Croce. Primo set vinto dalla padrona di casa, mentre i Lupi toscani sono stati protagonisti invece del secondo set, riuscendo a imporre totalmente il loro gioco. Il terzo set infuocato vede uscire vincitrice Reggio 26 a 24. Al quarto Mastrangelo chiama in campo Chadtchyn al posto di Bellei, che accusa un dolore alla spalla, così come Silva mantiene il suo posto 4. Momenti di tensione si alternano ad azioni di grande intesa, Conad chiude la partita 3 a 1 arrivando a 43 punti in classifica.

LA PARTITA

Reggio inizia il match con un gioco pulito e va in leggero vantaggio sui Lupi, che dal canto loro commettono qualche errore nel prendere le misure del PalaBigi. Ben presto Santa Croce inizia a prendere il ritmo, i due opposti Wagner e Bellei rispondono colpo su colpo in attacco. Proprio su un attacco di Giacomo Bellei il punteggio segna 8 a 6 per i padroni di casa. Nonostante l’attacco dei Lupi inizi a farsi più incisivo, Conad non molla. Spettacolare il recupero in difesa di Morgese che permette la costruzione dell’azione, quindi il punto di Bellini in attacco. Sull’11 a 7 per Reggio ecco il primo time out di coach Pagliai. Wagner, ora meno minaccioso, viene bloccato più volte a muro e manda più di un attacco out cercando la diagonale stretta. Bellei passa al servizio sul 15 a 9 per Reggio, dopo un involontario tocco a muro dell’ex ‘reggiano’ Grassano. I Lupi comunque non abbandonano la caccia, restano sempre in agguato a distanza di pochi punti. L’attacco da seconda linea di Bellini si riconferma indifendibile ed è sempre lui a portare il punteggio 21 a 15 per Reggio. A questo punto Pagliai chiama il secondo time out. Il 24esimo punto reggiano arriva dopo un primo tempo di Benaglia, che poi passa al servizio. Il seti si chiude con un attacco di Bellei che il muro del Lupi non riesce a bloccare.

Il secondo set vede scendere in campo Snippe e il reggiano Miselli. Quest’ultimo riesce a mettere sensibilmente in difficoltà la difesa reggiana. I Lupi impongono il loro gioco fino al sorpasso (4 a 6 per Santa Croce), fino all’errore di Snippe al servizio. Coach Mastrangelo opta per il time out quando il distacco aumenta, siamo 5 a 8 per i Lupi. Il muro di Sesto su Wagner fa impazzire il tifo reggiano, il servizio ora è nelle mani di Ippolito ed è subito ace per raggiungere la parità di punti. Con Miselli al servizio Santa Croce torna ad imporsi, la tensione sale e iniziano le polemiche a suon di videocheck. Giacomo Bellei porta a casa un altro ace e trova subito dopo il punto in attacco, Conad torna in parità con la squadra ospite. Dopo una serie di servizi sbagliati (consecutivi Wagner, Bellini, Snippe e Benaglia) il punteggio segno 15 a 16 per i Lupi. Conad resta sempre a due punti di svantaggio, senza riuscire a imporsi e subendo la prima linea d’attacco Snippe-Miselli-Wagner. Dopo un fallo segnato ad Acquarone Santa Croce chiama time out, avendo la padrona di casa a un sol punto di distanza. Chadtchyn, salito al posto di Sesto, sbaglia il servizio e i Lupi arrivano a 21 punti, contro i 19 di Conad. Wagner trova il punto in lungolinea, per poi passare al servizio. Quando Bellini viene murato in attacco coach Mastrangelo chiama time out. Snippe trova il 24esimo punto con un attacco in lungolinea, ma è Colli da zona quattro a chiudere il set.

Il gioco reggiano parte giù di tono, Santa Croce già inizia a ingranare bene sia in attacco che in difesa. Il muro Ippolito-Sesto e l’ace di Benaglia al servizio risvegliano Reggio dal torpore, Conad raggiunge Kemas Lamipel in parità. Bellei recupera una difesa di Fabroni quasi imprendibile dopo un attacco di Wagner, il pubblico è in delirio: siamo 8 a 6 per Reggio. I Lupi tentano altrettanto un recupero l’azione successiva, ma Colli attacca sulla rete. Ecco il primo time out di coach Pagliai. Santa Croce è attonita dopo gli ultimi scambi, sul servizio di Fabroni Conad prende ancora un po’ di distanza. Ippolito segue il capitano spingendo al servizio e trova l’ace diretto sul libero Ferraro. Sul tocco a muro di Bargi si arriva 15 a 12 per Conad, passa al servizio Silva salito al posto di Bellini. Snippe picchia sempre in battuta, ma Morgese riesce a contenere il colpo in ricezione e Fabroni aggiusta il tutto con un secondo tocco diretto, trovando il punto nei tre metri. Dopo un punto dato col mani-out del muro su Bellei, coach Pagliai si gioca anche il secondo time out. Wagner non si lascia spaventare dal muro reggiano e i Lupi tornano in agguato. Mastrangelo chiama time out sul 19 a 18 per Conad. Dopo un servizio out di Miselli anche Bellei sbaglia la battuta, ma si rifà subito in attacco: 22 a 20 per Reggio. Ippolito attacca e il muro dei Lupi tocca la palla, è il set point per Conad. Due errori reggiani lasciano avvicinare Santa Croce, su un attacco di Wagner si arriva 24 pari. Finisce in rete il servizio di Bargi e Conad porta a casa il terzo set con un muro di Sesto su Wagner.

Bellei esce di scena a causa di un dolore alla spalla, al suo posto entra Chadtchyn. Silva inaugura bene l’inizio del quarto set, dopo un punto in diagonale lunga eccone uno d’astuzia con un pallonetto toccato da Wagner e poi finito out. In ogni caso i Lupi non si lasciano intimidire e il punteggio segna presto due punti di vantaggio per Santa Croce. Con Fabroni al servizio cambia di nuovo la musica, è proprio con un suo ace che si arriva 8 a 6 per Conad. Rientra ora in campo Grassano al posto di Snippe, ma Fabroni insiste e porta a casa un altro ace. Continua la sfilata di battute vincenti con Ippolito, Conad è a +5 di respiro rispetto ai Lupi. Dopo un attacco di Wagner finito out, ecco il cambio anche per l’opposto avversario e al suo posto sale Tamburo. I Lupi iniziano una lenta risalita, complici anche molti errori reggiani, Mastrangelo chiama quindi time out sul 13 a 10 per Conad. Su un attacco out di Snippe si arriva 15 a 10, Pagliai chiama in campo anche Taliani al posto di Colli. Poco dopo sale al servizio Snippe, i Lupi a questo punto si fanno sempre più vicini e il gioco reggiano perde grinta. Fabroni risveglia gli animi con un attacco al secondo tocco che finisce mani-out, ma è out anche il suo servizio. Sesto mette i puntini sulle ‘i’ con due primi tempi e si arriva 21 a 19 per Reggio. Conad si avvicina ancor di più alla chiusura del match e Pagliai chiama time out. Chadtchyn serve e pare essere out, ma l’arbitro chiama il videocheck che conferma il punto a Reggio. È Silva in attacco a portare a casa il match point, per poi passare al servizio. Pallonetto mani-out di Ippolito e Conad chiude la partita 3 a 1.

Leave a Reply

Facebook

Get the Facebook Likebox Slider Pro for WordPress