La forza di Città di Castello più forte del cuore della Conad: 0-3

By 22 Dicembre 2012News


Conad Reggio Emilia-Gherardi SVI Città di Castello 0-3 (20-25, 17-25, 20-25)
Conad Reggio Emilia: Luppi 9, Grassi ne, Grassano 9, Orduna 1, Goi (L), Tondo 3, Pellegrino 8, Barbareschi 15, Biribanti ne, Castellani, Groppi, Pagni ne. All. Cantagalli
Gherardi SVI Città di Castello: Franceschini, Fromm 12, Carminati ne, Lensi (2° L) ne, Grasso, Massari, Visentin 1, Sartoretti ne, Rosalba 7, Piano 7, Van Walle 15, Braga 6, Tosi (L). All. Radici
Arbitri: Piluso e Rossetti
Durata: 26′, 25′, 30′. Tot. 1h21′
Note Conad: ace 2, service error 13, muri 6, ricezione 59%, attacco 37%.
Note Città di Castello: ace 2, service error 6, muri 11, ricezione 61%, attacco 45%.

La regina Città di Castello chiude il 2012 con un en-plein straordinario, la Conad con un ko che non lascia però troppe scorie addosso.
Finisce così, con un 3-0 in favore della capolista imbattuta del campionato, il match del 13° e ultimo turno del girone d’andata, in un Pala Bigi comunque festante.
Al termine del match è infatti andata in scena la sfilata natalizia di tutte le formazioni del progetto Volley Tricolore, per chiudere il 2012 con il sorriso sulle labbra.
Sul campo, è stata una gara nella quale la Conad ha lottato eccome, senza però riuscire a muovere la classifica dopo le ultime due vittorie.
Non è bastato contro la strepitosa formazione di Radici, ma ora si pensa già al 2013 e alla prima di ritorno, dopo qualche giorno di riposo.
Il 6 gennaio arriverà Atripalda al Pala Bigi, e sarà ancora spettacolo.

LA PARTITA

Capitan Francesco Biribanti non ce la fa a recuperare dal problema al ginocchio accusato in settimana, e allora coach Cantagalli, che deve già rinunciare a Diachkov e Curti e quindi ha solo 11 uomini a disposizione, va con Gianluca Pellegrino in diagonale ad Orduna, con Barbareschi e Grassano in banda, Luppi e Tondo al centro, Goi libero.
In panchina la grande novità, con l’inserimento di Marco Pagni che va già a referto dopo i primi allenamenti in giallorosso.
Per la capolista Città di Castello nessuna defezione e formazione confermatissima: Visentin-Van Walle, Fromm-Rosalba, Piano-Braga, Tosi libero.
Città di Castello parte fortissimo con un grande lavoro a muro che la porta al +4 alla prima pausa tecnica.
Van Walle è micidiale in parallela (8-12), ma un grande Barbareschi prova a tenere lì la Conad.
Pellegrino trova l’ace del -2 sul 12-14, ma Fromm ristabilisce le distanze per il nuovo +4 al secondo stop.
Luppi e Tondo attaccano bene, ma il primo set è della capolista: 20-25.

SECONDO SET

Piano è scatenato in avvio di secondo set, con il martello della Gherardi SVI che lancia i suoi coi muri del 5-8.
Rosalba è perfetto in ricezione, Van Walle da prima e da seconda linea con gli attacchi del belga che significano +6 ospite alla seconda pausa.
Non c’è nulla da fare, la capolista è troppo forte per questa Conad.
Grassano e Barbareschi ci provano (14-17), ma Fromm chiude da campione: 17-25.

TERZO SET

Barbareschi è il guerriero di una Conad che ci prova in tutti i modi a tenere viva questa gara.
Il genovese firma il 6 pari e l’8 pari, ma Città di Castello è sempre avanti.
Sul 12-13 firmato da una magia di Orduna, Visentin risponde con un tocco di prima intenzione che scatena poi un po’ di baruffa.
Nulla di clamoroso, ma si rimane fermi praticamente 5 minuti con due gialli alla panchina giallorossa e al libero Tosi.
La Conad finisce sotto di 3 sul 13-16, Goi la rianima con un punto incredibile in copertura, ma non basta.
Van Walle è una sentenza (16-20), il finale è uno show tifernate con il muro di Braga su Barbareschi che vale il 20-25 e 12° successo in 12 gare per la capolista.

Leave a Reply

Facebook

Get the Facebook Likebox Slider Pro for WordPress