Si avvicina la sfida alla capolista Ortona, con Cisolla e Michalovic che…

By 6 Novembre 2014News

Coach Luca CantagalliAl lavoro.
E’ l’unica medicina che conosce la Conad per provare a tornare a fare punti dopo i due ko consecutivi con Alessano e Corigliano.
L’occasione è dietro l’angolo, visto che domenica al Pala Bigi (ore 18) arriverà la capolista di questa serie A2 UnipolSai, la Sieco Service Ortona che comanda il torneo con 7 punti ottenuti nelle prime 3 gare.
Una sfida difficile, ma che la truppa di Luca Cantagalli vuole giocarsi alla pari. Per farlo, bisognerà essere al meglio e dagli allenamenti quotidiani arrivano buone notizie, con Matteo Bertoli e Nicola Tiozzo verso il recupero per essere nuovamente a disposizione sin dall’inizio. Sempre in posto 4, si è invece fermato Piero Allesch: il classe ’95 che domenica scorsa a Corigliano ha stupito nella sua prima da titolare in A2, ha accusato febbre alta e potrebbe dover rimanere fuori per il duello con la capolista.
Una prima della classe che, guidata anche in questa stagione da coach Nunzio Lanci, ha puntato sulla continuità per crescere anno dopo anno.
Sfiorata la finale play-off nell’ultimo torneo di A2, la Sieco Service è ripartita dal palleggio di Andrea Lanci, così come dai muri di Simoni, che al centro fa coppia con Daniele Moretti, giocatore espertissimo che la categoria la conosce come le proprie tasche.
Gli innesti sono di altissima qualità: si va dal libero Cortina (ve lo ricordate ad Atripalda?) all’ex della gara, quell’Antonio De Paola che giocò a Reggio nella stagione 2009/2010, sino ai due colpacci. Nel ruolo di opposto, lo slovacco Michalovic (lo scorso anno a Latina in A1) si è rivelato un bomber quasi immarcabile, aggirandosi su una media di oltre 30 punti a partita (92 in totale nelle prime 3 gare). E qualche settimana fa, è sbarcato ad Ortona un certo Alberto Cisolla, che a 37 anni si è rimesso in discussione nella serie cadetta dopo aver vinto tutto e trascinato la nazionale italiana all’argento olimpico nel 2004 e al trionfo agli Europei 2005. Un simbolo del nostro volley che potremo ammirare nella notte del Pala Bigi.

Leave a Reply

Facebook

Get the Facebook Likebox Slider Pro for WordPress