Strapotere Conad, è decima vittoria consecutiva

By 19 Gennaio 2014News

Conad Reggio Emilia-Horizon Group Globo Civita Castellana 3-0 (25-16, 25-16, 25-20)
Conad Reggio Emilia: Dordei ne, Catellani (L), Bassoli 13, Magnani, Guemart 5, Tiozzo 8, Tondo ne, Bartoli 15, Sideri 1, Cuda 9, Benaglia 7, Santini ne, Tataru ne. All. Cantagalli
Horizon Group Globo Civita Castellana: Busellato 4, Proietti, Sorgente (L), Carloni ne, Ardenio, Milozzi, De Carolis ne, Beltran 3, Bacci 1, De Matteis 8, Ricci 5, Renzetti 14. All. Giovannetti
Arbitri: Mattei e Brancati
Durata: 23′, 24′, 26′. Tot. 1h13′
Note Conad: ace 5, service error 10, muri 16, ricezione 70%, attacco 54%.
Note Civita Castellana: ace 2, service error 10, muri 2, ricezione 67%, attacco 40%.

Uno show.
L’ennesimo show della Conad pigliatutto, che davanti al gran pubblico del Pala Bigi diverte e si diverte collezionando la decima vittoria nelle prime 10 gare di un campionato stellare.
Per completare un intero girone d’andata di sole vittorie, sabato prossimo contro i pisani del Castelfranco c’è la chance di scrivere un’altra pagina di storia.
In una domenica ancora una volta fantastica, la squadra di Luca Cantagalli non ha avuto pietà neppure dei viterbesi della Horizon Group Globo di Civita Castellana.
Un 3-0 senza discussioni, che significa mantenere i 5 punti di margine su Cagliari, rimasta sola ad inseguire i giallorossi.
Sono proprio i sardi l’ostacolo tra Reggio e il suo ritorno in serie A.

LA PARTITA

Si comincia con una premiazione che conta parecchio, ed è quella per l’ottenimento da parte del Volley Tricolore del marchio di qualità argento della Fipav per il lavoro sul settore giovanile.
Poi si va, con la Conad che presenta la novità di Davide Bassoli, alla prima da titolare dopo l’operazione estiva al ginocchio.
Il centrale di San Bartolomeo sostituisce Tondo, fermato per precauzione per un fastidio al sottorotuleo del ginocchio.
L’altro posto 3 è Benaglia, poi tutto confermato con Guemart-Bartoli, Cuda-Tiozzo e Catellani libero.
Civita Castellana risponde con Bacci-Renzetti, De Matteis-Ricci, Beltran-Busellato, Sorgente libero.
Proprio Bassoli apre alla grande la sua gara con 3 punti in un amen, è subito 7-4 Conad e sembra già un allungo importante.
Civita Castellana però risponde, mette pure la testa avanti (8-9) con due aces di Renzetti, ma è solo un lampo.
Tiozzo e due attacchi di Bartoli per la prima ondata giallorossa, con la tranquillità di chi sa di essere una vera e propria corazzata.
La muraglia della Conad diventa insormontabile per l’Horizon, con uno score di 6 muri che chiude ben presto il set.
Benaglia e capitan Guemart sono scatenati, con gli ospiti che cominciano a commettere anche qualche errore diretto di troppo e cedono 25-16 in una ventina di minuti.
Sinora, match senza storia con la Conad che attacca con il 71%.

SECONDO SET

La Conad non cala, anzi.
Juan Josè Cuda piazza subito diagonale e parallela per costringere Giovannetti al time out sull’immediato 5-2 giallorosso, poi pure l’ace del +5 alla pausa tecnica.
De Matteis prova a dare una piccola scossa per il -2 Horizon sull’8-6, ma la Conad è semplicemente imprendibile.
Bassoli ha tanta voglia di gioco e punti, sale a quota 7 in un amen con le sue veloci e poi arriva Nicola Tiozzo con attacco e muro del +6 sul 17-11.
Il martello veneto lascia poi spazio a Francesco Sideri, giustamente utilizzato da coach Cantagalli per fare esperienza ad alti livelli.
E il cagliaritano risponde alla grande, con l’ace del 24-16 che diventa un altro 25-16, come nel primo set, grazie all’ennesimo muro di Benaglia.

TERZO SET

Coach Cantagalli ripropone il sestetto di partenza per un terzo set nel quale la Conad vuole chiudere presto i conti.
E il dominio è totale, con Cuda che riparte come una furia dai 9 metri firmando un altro ace per il 5-2 e time out obbligato di Giovannetti.
La Conad ha un calo, l’Horizon prova ad approfittarne scappando a +2 (7-9), ma il pubblico del Pala Bigi e l’ace di Tiozzo ridanno intensità ad una partita che sembrava già finita.
Ci pensa Davide Bassoli a scrivere il sorpasso sul 12-11, ma adesso è gara vera e l’Horizon risponde colpo su colpo, rimanendo addirittura avanti al secondo stop: 15-16.
Il finale però, con un lavoro a muro pazzesco (16 in 3 set!), è tutto di marca giallorossa.
Capitan Guemart regala spettacolo in regia, Bartoli non sbaglia nulla su palla alta e arriva un altro 3-0 straordinario: 25-20.