Visite mediche, poi doppi allenamenti tra il Centro Eden e il PalaEnza

By 26 Agosto 2014News

Con il raduno al Pala Bigi, è ufficialmente cominciata la stagione della nuova Conad Reggio Emilia, ma sarà in questi giorni che si farà sul serio con i primi duri allenamenti in palestra.
Ci si alternerà tra il centro Eden, nuovamente punto di riferimento per il lavoro in sala pesi e in piscina al mattino, e il PalaEnza di Sant’Ilario che nelle prime settimane di preparazione ospiterà la maggior parte degli allenamenti tecnici pomeridiani, che saranno poi effettuati ovviamente anche al Pala Bigi dove si giocheranno le gare di campionato.
La prima giornata intera di lavoro dei ragazzi di Cantagalli si aprirà però con le visite mediche al centro di Medicina dello Sport di via Melato a Reggio, sotto la direzione del dottor Massimo Pantaleoni, che seguirà come ogni anno i giallorossi. Poi sino a venerdì doppie sedute tra centro Eden e PalaEnza, programma similare anche la prossima settimana dopo il week-end di riposo. Mercoledì 10 settembre è già in programma il primo test pre-stagionale, con la Conad che sarà ospite di una delle big della prossima Superlega, Modena, nel tempio del Pala Panini.
Un inizio niente male per il grande ritorno in serie A2.

LA CONAD 2014/2015

Palleggiatori: Michel Guemart (’83, confermato), Luca Bucaioni (’82, Frejus FRA).
Opposti: Alessandro Tondo (’91, confermato), Giuseppe Della Corte (’92, Perugia A1).
Schiacciatori: Matteo Bertoli (’88, Milano A2), Yvan Arthur Kody Bitjaa (’91, Camerun), Nicola Tiozzo (’93, confermato), Piero Allesch (’95, Club Italia B1).
Centrali: Davide Benaglia (’89, confermato), Max Di Franco (’78, Ferrara B1), Emiliano Giglioli (’85, Milano A2).
Liberi: Luca Catellani (’91, confermato), Davide Morgese (’96, Campegine B2).

Staff tecnico

Luca Cantagalli (1° allenatore)
Paolo Zambolin (2° allenatore)
Alessandro Mori (scout-men)
Mauro Gallingani (team manager)
Antonio Montecchi (fisioterapista)
Bruno Barigazzi (preparatore atletico)
Massimo Pantaleoni (medico)

Leave a Reply