Monthly Archives

Dicembre 2016

L’ULTIMO IMPEGNO DELL’ANNO PER LA CONAD E’ VINCENTE

By | News | No Comments

TANTE BUONE INDICAZIONI PER COACH DALL’OLIO DOPO L’ALLENAMENTO CONGIUNTO AL PALAENZA CONTRO MONTECCHIO MAGGIORE 

Tra le mura di casa del Volley Tricolore – al PalaEnza di Sant’Ilario – si è svolto l’allenamento congiunto tra i reggiani ed il team di Montecchio Maggiore in cui milita l’ex Conad, Emiliano Gilioli. Dopo un po’ di riscaldamento le due squadre hanno giocato una bella paritella per mantenere il ritmo durante questa pausa dalle vacanze natalizie (si tornerà in campo il 5 gennaio alle 20,30 al PalaBigi dove arriverà Cantù. Un’occasione per mettere in pratica gli insegnamenti di coach Dall’Olio che ha anche potuto fare qualche esperimento. Spazio a chi ha giocato meno nell’ultimo periodo, come Rossatti, Bevilacqua, Miselli e Beccaro che hanno poi giocato vari set ai 15 e ai 25. Non sono mancati i richiami all’ordine da parte dello staff per mantenere l’asticella del rendimento ai massimi livelli. Ottima prestazione di Miselli sia in attacco che a muro, da notare anche la prestazione di Bevilacqua offensivo sia in prima che in seconda linea. Circa due ore di allenamento conclusosi con la vittoria per 3-1 da parte del Volley Tricolore, ma con note positive per entrambe le squadre.

Il tabellino

CONAD VOLLEY TRICOLORE REGGIO EMILIA 3
SOL LUCERNARI MONTECCHIO MAGGIORE 1

REGGIO EMILIA: Soli 1, Scaltriti 12, Bevilacqua 10, Cargioli 9, Rossatti 20, Miselli 17, Morgese, Dolfo, Kody 6, Silva, Beccaro 1, Suljagic, Norbedo. Allenatore: Dall’Olio
MONTECCHIO MAGGIORE: Mariella 5, Bertella 4, Mercorio 13, Pranovi 23, Nowakowsky 5, Gilioli 7, Franchetti 4, Frizzarin, Lollato, Zivojinovic, Mancin, Battocchio, Pretto. Allenatore: Marconi

UN GRANDE FINALE DI 2016 PER LA CONAD

By | News | No Comments

IL 2016 DEL VOLLEY TRICOLORE SI CHIUDE ALLA GRANDE CON UN SUCCESSO
L’ANALISI DI COACH DALL’OLIO SULLA VITTORIA DI BRESCIA: “L’INFORTUNIO DI TIBERTI CI HA FACILITATO, MA SIAMO STATI BRAVI NEI NOSTRI PUNTI DI FORZA. MA NON POSSIAMO ANCORA PERMETTERCI DI FARE CALCOLI, GUARDIAMO GARA DOPO GARA”.
A DARE LA SVOLTA LE FORZE FRESCHE BECCARO E MISELLI: “LA NOSTRA FORZA E’ LA PANCHINA LUNGA, SPERIAMO CHE QUESTO CI PORTI A RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI PREFISSATI”.
IL DS BARBARESCHI: “ABBIAMO TANTA QUALITA’ E NON MI STUPISCE QUESTO RISULTATO A BRESCIA. D’ORA IN AVANTI SONO TUTTE FINALI” 

Coach Pupo Dall’Olio mentre dà indicazioni

La vittoria ottenuta dalla Conad a Brescia porta grande entusiasmo a Reggio che chiude così con un successo un 2016 ricco di soddisfazioni (dalla semifinale playoff nella scorsa stagione alla corsa di quella attuale).
Il Volley Tricolore si trova in piena zona playoff: quinto posto a pari merito con Mondovì, mentre il distacco dall’accoppiata Civita Castellana-Brescia è di solo un punto. La vetta del girone blu del campionato di Serie A2 UnipolSai invece occupata da Spoleto è lontana solo 4 punti, ma soprattutto alle spalle Bergamo è a – 3. Insomma, una situazione ideale anche se ora occorre continuare su questa strada. Ogni partita ora diventa fondamentale.
Come quella di Brescia ieri: la Centrale del Latte era prima in classifica e non aveva mai perso in casa durante la stagione. La Conad ci è riuscita davanti a 1.200 spettatori che battevano le mani per i lombardi. 

Il palleggiatore Luca Beccaro che col suo ingresso ha dato la svolta

Per coach Pupo Dall’Olio è la seconda vittoria consecutiva da quando ha preso le redini del team: 6 punti conquistati. Insomma il massimo bottino possibile. Soddisfatto, ma molto onestamente e lucidamente parte dal grave infortunio accorso al capitano di Brescia, Tiberti (rottura tendine d’achille, 6 mesi di stop): “Faccio un grosso in bocca al lupo a Tiberti. Il suo infortunio è stato forse determinante nell’andamento della partita. Magari avrebbero perso lo stesso, ma per Brescia è un giocatore importante. Per quanto riguarda noi, abbiamo giocato in scioltezza il primo set, poi quando loro hanno cambiato qualcosa ci siamo trovati con l’obbligo di dover vincere e siamo stati un po’ contratti. La cosa che mi è piaciuta è che abbiamo sopportato gli aspetti che non ci veniavano bene e abbiamo amplificato i nostri punti di forza. E questo è importante: non si può sempre pensare di vincere giocando bene, ma bisogna accettare anche gli errori. Ora arriva un periodo fondamentale per noi: fino al 5 gennaio (al PalaBigi arriva Cantù alle 20,30) non ci saranno partite e questo ci permetterà sia di riposarci un po’, ma anche di lavorare fisicamente in modo intenso e più mirato. Poi avremo il tempo anche di recuperare chi sta poco bene come Norbedo che ha avuto una contrattura prima di Brescia. Classifica? Dobbiamo guardare partita dopo partita, non possiamo ancora permetterci di fare dei calcoli”. 

L’esultanza dopo un punto di Andrea Miselli

Il direttore sportivo Giorgio Barbareschi loda la squadra: “Brescia è una squadra che ci porta bene. Abbiamo vinto 3-0 sia all’andata sia al ritorno. A Reggio coincise con l’inizio della risalita, quella di ieri spero coincida con l’inizio di un finale di stagione importante e vincente. Siamo l’ammazzacapoliste? Mah, questo è un campionato strano, ogni settimana ce n’è una diversa visto l’equilibrio che regna in questo girone. Ma proprio per questo ciascuna partita diventa una finale e va affrontata come tale. Il livello tra le prime e le ultime in classifica non è poi così distante, ci sono e ci saranno tanti risultati a sorpresa. Ma noi non siamo sorpresi di essere venuti a Brescia a vincere, perché ne abbiamo le possibilità. Certo l’infortunio a Tiberti ci ha facilitato perché ha tolto a loro un giocatore fondamentale. Ma voglio mettere l’accento su un aspetto: la nostra forza è la profondità, ovvero avere 13 giocatori che chi più e chi meno, che hanno avuto l’opportunità di dimostrare il proprio valore e di far vedere le proprie qualità al servizio della squadra. Noi abbiamo tanti giocatori di qualità. E contro Brescia lo si è potuto vedere con gli ingressi di Beccaro e Miselli che hanno fatto due grandi partite”.

Il palleggiatore Luca Beccaro è entrato nel terzo set al posto di Soli e ha dato una grande svolta: “Ci siamo fatti un bel regalo di Natale. Nonostante i parziali non dicano questo, è stata una partita molto sofferta. Non c’era un gran ritmo in campo e quindi siamo stati bravo col gruppo a venire fuori da alcune situazioni difficili”.

Grande protagonista anche il centrale Andrea Miselli, capace di dare un grande contributo: “E’ stato bello entrare e dare il mio apporto. È stata una sorpresa anche per me e sono molto contento sia a livello personale sia per la squadra: questa vittoria ci ha permesso di recuperare punti importanti in chiave di alta classifica. Siamo una squadra di 13 titolari? Dall’inizio dell’anno penso che siamo un gruppo affiatato e questo permette di essere tranquillo anche a chi entra in campo o gioca meno e di fare bene. Spero che questa fortuna di avere una panchina lunga ci possa portare a raggiungere i frutti sperati”. 

L’opposto Arthur Kody. Mvp del match con 26 punti

L’Mvp della partita è stato senza dubbio l’opposto camerunense Kody che ha siglato 25 punti facendo il Babbo Natale della situazione e “regalando” così una buona fetta di vittoria alla Conad: “Non era facile vincere a Brescia, noi ce l’abbiamo fatta e siamo davvero soddisfatti. Siamo stati decisi e precisi fin dall’inizio. E siamo stati bravi a riprenderci dopo qualche errore di troppo. Questa è una vera vittoria di squadra”. 

Ma il 2016 non finisce qui: domani, giovedì 29 dicembre, al PalaEnza di Sant’Ilario ore 19,30 c’è l’ultima fatica dell’anno: un allenamento congiunto contro Montecchio Maggiore. 

CAPOLAVORO CONAD A BRESCIA

By | News | No Comments

CAPOLAVORO CONAD: ESPUGNATO IL PARQUET DELLA CAPOLISTA BRESCIA
GLI UOMINI DI COACH DALL’OLIO RIFILANO UN SECCO 3-0 ALLA CENTRALE DEL LATTE E FANNO UN BALZO IN CLASSIFICA FONDAMENTALE IN OTTICA PLAYOFF. KODY STREPITOSO: 25 PUNTI A REFERTO

Un capolavoro in piena regola. La Conad saccheggia Brescia, abbattendo la Centrale del Latte di Cisolla & co. col punteggio di 3-0 nella 4a giornata di ritorno del campionato di Serie A2 UnipolSai, confermandosi ancora una volta “l’ammazzacapoliste”. Una vittoria fondamentale in ottica playoff: il Volley Tricolore aggancia Mondovì a 24 punti al terzo posto, a un punto di distanza proprio da Brescia, ma soprattutto allunga su Bergamo sesta in classifica (quindi virtualmente fuori dai playoff) che ha guadagnato 2 punti (Conad a +3). Tre punti che pesano, perché se si vanno a sommare agli altri 3 punti conquistati contro i lombardi all’andata: nel caso di passaggio al girone playoff, Reggio Emilia sarebbe in completo vantaggio contro Brescia nei confronti diretti che avranno parecchia voce in capitolo. Per coach Pupo Dall’Olio è en-plein: due vittorie su due ed entrambe guadagnando il massimo bottino possibile. Un impatto devastante. Così come nel match di oggi lo è stato Kody, autentico mattatore della gara con 25 punti. Anche se è stata una vittoria corale, anche di chi è entrato dalla panchina come Miselli.

La partita Cargioli in battuta apre l’incontro ma è Cisolla che conclude l’azione segnando il primo punto per Brescia. Sul 2-4 per Reggio Emilia viene chiamato il primo check di verifica su attacco di Cisolla, palla fuori e decisione arbitrale invertita: 2-5! Il vantaggio della Conad aumenta a +5 ma Brescia insiste e tenta la rimonta con Esposito alla battuta sul 8-12. Kody cerca e trova l’ace sul 13-18 costringendo lo staff di Brescia al timeout ma poco dopo viene chiamato anche da coach Dall’Olio per mettere un po’ di ordine nella formazione reggiana. Doppio cambio per il Volley Tricolore, entrano Rossatti e Beccaro (in battta) per Silva e Soli, e Beccaro trova l’ace! Infortunio per Tiberti, palleggiatore di Brescia, che viene costretto ad uscire dal campo e sostituito con Statuto. Kody conquista il primo setball, Dolfo al servizio ed è ancora Kody a mettere la firma sul set chiudendolo 21-25: 0-1

Cargioli apre il secondo set segnando il primo punto per il Volley Tricolore. Sul 4-2 in favore di Brescia, per la Conad esce Soli ed entra Beccaro. Reggio Emilia insegue a -2, entra Miselli che con due muri porta la Conad in vantaggio sull’11-12. Ace per Dolfo ed i giallorossi allungano a +3. 16-22 per la formazione di Reggio Emilia ma Cisolla attacca di potenza e recupera palla per Brescia che si avvicina pericolosamente per 22-23. Dolfo batte per il set e i reggiani chiudono 22-25: 0-2!

Primo punto per Brescia messo a terra da Cisolla nel terzo set, la squadra di casa è in vantaggio sul 4-2 ma Kody pareggia i conti. Il Volley Tricolore passa in vantaggio per 9-11 e mantiene il +2 con un primo tempo di Cargioli. Timeout per Brescia, il gioco riprende ma è ancora la Conad a condurre il set. Cambio per Brescia che le prova tutte per rientrare in partita: entra Rodella per Tartaglione. Attacco vincente di Miselli che segna il ventesimo ed il Volley Tricolore allunga a +4 sul 17-21. Ed è Cargioli chiude il set per 18-25. L’incontro si conclude per 0-3 in favore di Reggio Emilia.

Il tabellino

CENTRALE DEL LATTE MC DONALD’S BRESCIA 0
CONAD VOLLEY TRICOLORE REGGIO EMILIA 3
(21-25, 22-25, 18-25)

BRESCIA: Agnellini 8, Bisi 16, Tartaglione 7, Statuto 1, Esposito 5, Cisolla 6, Fabi, Rodella 1,
Tiberti 1. Libero: Fusco. Non entrati: Cruz, Sorlini, Tasholli, Lazzri. Allenatore: Zambonardi
REGGIO: Norbedo, Miselli 4, Soli 2, Dolfo 11, Cargioli 8, Kody 25, Silva 3, Suljagic, Beccaro 2, Bevilacqua, Rossatti, Scaltriti. Libero: Morgese. Allenatore: Dall’Olio.
Arbitri: Morgillo e Somansino.
Note: Durata set: 31′, 31′, 25′ totale: 1’27 h. Brescia ace 3, errori battuta 7 , muri 8, errori avversari 17. Reggio Emilia ace 4, errori battuta 9, muri 13, errori avversari 20.

CONAD A BRESCIA NEL BOXING DAY

By | News | No Comments

CONAD DI SCENA A BRESCIA: QUELLO CON LA CENTRALE DEL LATTE DIVENTA UNO SCONTRO DIRETTO FONDAMENTALE PER CONTINUARE A SOGNARE I PLAYOFF. MORGESE E KODY SUONANO LA CARICA: “NON TEMIAMO NESSUNO, SERVE L’ATTEGGIAMENTO GIUSTO E POSSIAMO VINCERE CONTRO CHIUNQUE” 

Davide Morgese in ricezione

In Inghilterra è il Boxing Day col calcio della Premier League a fare da padrone, mentre in Italia nel giorno di Santo Stefano la protagonista assoluta è la pallavolo. E così, oggi pomeriggio alle ore 18 (diretta streaming SporTube), la Conad è attesa a Brescia, nella tana della capolista Centrale del Latte Mc Donald’s. Un match valido per la 13a giornata di campionato di Serie A2 UnipolSai, nonché 4a giornata di ritorno.

Una gara fondamentale. Il Volley Tricolore viene da una grande vittoria contro Castellana Grotte a Reggio Emilia e vuole continuare a sognare i playoff, essendo in piena corsa: 5° posto con 21 punti, uno da Civita Castellana al quarto posto e due da Mondovì terza in classifica o addirittura solo 4 punti dal duo di testa Brescia-Spoleto. Alle spalle della Conad c’è Bergamo a 19 punti. Saranno di fatto queste sei a giocarsi l’accesso nelle prime cinque, dato che Cantù è più attardata a 13 punti al 7° posto.

Il match di oggi diventa quindi uno scontro diretto nella fase cruciale della stagione. Anche all’andata, Brescia era in testa alla classifica, ma fu sconfitta al PalaBigi da una grande Conad che centrò il primo successo stagionale e aprì la serie di vittime illustri guadagnandosi l’appellativo di “ammazzacapoliste” che oggi torna in auge. Aspetti che la dicono lunga su quanto sia costante la squadra lombarda che viene da tre vittorie consecutive, dopo lo stop nell’ultima di andata nel derby contro Bergamo. 

Il “Black Mamba” Arthur Kody

Quella bresciana è una squadra tostissima. Ha un gioco già collaudato avendo cambiato poco dall’anno scorso. Stesso allenatore, ovvero Zambonardi, e stessi punti cardini. A partire da Alberto Cisolla, che alla soglia dei 39 anni sembra non invecchiare mai e che ancora schiaccia a terra punti su punti risultando quasi sempre il top scorer dei suoi. Alla regia c’è la garanzia dell’espertissimo Tiberti, mentre a fare male il riconfermato Bisi, di scuola Modena, a cui si aggiungono gli innesti di Tartaglione che l’anno scorso ha fatto bene a Castellana Grotte e il centrale Esposito arrivato da Tuscania. Insomma, una squadra completa e davvero dura da battere.

Ma la truppa di coach Dall’Olio ci crede. A suonare la carica è il libero Davide Morgese: “Veniamo da una bella vittoria e la partita con Brescia l’abbiamo preparata bene. D’ora in avanti saranno tutti scontri diretti dato che il girone si è spaccato in due: siamo in sei a giocarci cinque posti. Siamo fiduciosi, ma ci sono anche gli avversari in campo quindi non dipenderà tutto da noi. Non ci sono squadre che temiamo, possiamo giocarcela con tutti, ma le partite si vincono con l’atteggiamento giusto. Ed è quello che dovremo fare”.

Non ha paura nemmeno l’opposto Kody. “Brescia è una squadra di alto livello e non a caso è prima in classifica. Sarà una partita in cui non dobbiamo mollare, dobbiamo ragionare con la mente e con freddezza. Ma soprattutto giocare al massimo. Vogliamo farci un bel regalo di Natale. E ci crediamo perché quest’anno in trasferta giochiamo bene. Brescia ha giocatori fortissimi come Cisolla, ma se giochiamo al massimo delle nostre possibilità, possiamo vincere contro tutti”.

UN VOLLEY TRICOLORE IN VERSIONE BABBO NATALE…

By | News | No Comments

I RAGAZZI DEL VOLLEY TRICOLORE BABBI NATALE PER UN GIORNO: REGALATI DONI E SORRISI AL REPARTO PEDIATRICO DELL’ARCISPEDALE SANTA MARIA

“La felicità è reale solo se condivisa”. Così quest’anno i ragazzi del Volley Tricolore hanno voluto festeggiare il Natale portando doni e sorrisi ai bambini del reparto pediatrico dell’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. 
La società reggiana non era sola in questa bella iniziativa, il sacco di Babbo Natale è stato riempito da Mikasa, Credito Cooperativo Reggiano e Laura Onlus che hanno donato mini palloni da pallavolo e pupazzi da regalare ai piccoli pazienti.

Con gli atleti del Volley Tricolore, hanno fatto visita ai bimbi del reparto anche Rita e Carlotta di Laura Onlus, associazione di volontariato a sostegno di progetti, associazioni, giovani e di chiunque abbia un reale bisogno di aiuto. Come nella pallavolo, anche in occasioni come questa si vince solo se si gioca di squadra così, sotto la guida del Dottor Sergio Amarri, Primario del reparto, hanno riempito i cesti dei doni e sfoggiato il sorriso migliore; si sono fatti largo tra le corsie del reparto consigliando i bambini nella scelta del giocattolo migliore e portando un po’ di serenità anche ai genitori, felici di quei momenti di spensieratezza ed allegria.

In questo periodo in cui tutti siamo assorbiti dalla fretta e dalla frenesia, e cerchiamo di districarci tra addobbi natalizi e regali non dobbiamo dimenticare che il dono più prezioso che possiamo offrire è il nostro tempo, privo di valore economico ma ricco di valore morale, come a dire “sono qui, in questo attimo Esisto per Te”.
Ringraziando il personale dell’Arcispedale Santa Maria Nuova e tutti coloro che hanno partecipato donando risorse, tempo ed energie per far sorridere i bambini che passeranno le Feste in ospedale; la Società Volley Tricolore, tutto lo staff e gli atleti vi augurano un Sereno Natale, accanto alle persone a voi care e tra i sorrisi più sinceri.

UN GRANDE ESORDIO PER COACH PUPO DALL’OLIO

By | News | No Comments

“CHI BEN COMINCIA E’ A E META’ DELL’OPERA”. PUPO DALL’OLIO E IL SUO ESORDIO: “AI RAGAZZI DEVO DIRE BRAVI, MA NON DOBBIAMO MOLLARE LA PRESA, A SANTO STEFANO ANDIAMO A BRESCIA E DOVREMMO ESSERE BRAVI A GESTIRE LE FESTE NATALIZIE. LORO SONO UNA SQUADRA TOSTA”
DOLFO: “A BRESCIA ESAME VERO, SARA’ BATTAGLIA FINO ALLA FINE” 

Coach Pupo Dall’Olio dà indicazioni a Pietro Soli

La vittoria contro Castellana Grotte ha dato un dolce sapore a questo Natale per il Volley Tricolore. Che però non possono abbassare la guardia. Non c’è tempo infatti di digerire panettone e pandori, lunedì 26 dicembre ore 18, il giorno di Santo Stefano, si scende subito in campo in trasferta contro Brescia, prima in classifica in coabitazione con la Monini Spoleto, per la 4a giornata di ritorno del campionato di Serie A2 UnipolSai.

Ma si respira un clima di grande fiducia, grazie anche all’ottimo impatto del neoallenatore Pupo Dall’Olio che ha cominciato con una vittoria. “Non credo di aver rivoluzionato nulla, ho sfruttato la scia di Costi e Zambolin che mi hanno preceduto. Domenica abbiamo fatto una buona partita, affrontata con l’atteggiamento giusto. Abbiamo avuto buona costanza di gioco, anche se abbiamo commesso qualche sbavatura in difesa, ma dobbiamo lavorarci. Ma devo dire che per essere il primo impatto, i ragazzi sono stati bravi, si sono dimostrati disponibili e costanti. Brescia? Non è un caso che sia nelle prime posizioni, hanno giocatori esperti e di valore. Cisolla e Tiberti che è tra i migliori della A2. E poi Bisi sta facendo molto bene. Col Natale di mezzo dovremmo essere bravi a gestire la situazione alimentare e del riposo. Sarà una partita aperta e la mia squadra può giocarsela tranquillamente.

Come conferma anche Ludovico Dolfo: “Contro Castellana abbiamo ottenuto tre punti d’oro, li volevamo fin dall’inizio e li abbiamo messi subito in difficoltà. Pupo ha messo ordine ed equilibrio nel nostro gioco. Il muro sta funzionando bene. Ora avanti così. Contro Brescia sarà un esame vero, il nostro obiettivo sono i playoff. A Brescia sarà battaglia fino alla fine, vogliamo vincere e non ci poniamo limiti”.

Gli fa eco il centrale Marco Norbedo: “Il risultato di domenica scorsa è frutto del lavoro fatto in settimana con Pupo; è stata una settimana difficile, perché quando arriva un allenatore nuovo bisogna calibrarsi, ma siamo riusciti a lavorare benissimo. Non abbiamo fatto l’errore di rilassarci come altre volte. Brescia? Torno contro la mia ex squadra e sarà una partita speciale per me. Sarà un’altra bella sfida tosta, noi cercheremo di essere al completo e di dare il 100%”.

LA CONAD SCHIANTA CASTELLANA GROTTE

By | News | No Comments

ESORDIO SUPER PER COACH DALL’OLIO: LA CONAD REGOLA CASTELLANA GROTTE IN UN’ORA E GUADAGNA TRE PUNTI FONDAMENTALI PER LA CORSA PLAYOFF. KODY E DOLFO TRASCINANO LA SQUADRA CON 38 PUNTI IN DUE 

Tutti insieme a celebrare la vittoria al PalaBigi

Una strepitosa Conad regola in poco più di un’ora Castellana Grotte per 3-0 nella 3a giornata di ritorno del campionato di Serie A2 UnipolSai e guadagna tre punti fondamentali per la corsa playoff. Ora il Volley Tricolore vola a 21 punti. Un esordio dunque che meglio non poteva aspettarsi il neo trainer Pupo Dall’Olio. La Conad ha vinto in modo agevole contro i pugliesi che non hanno mai dato l’idea di essere in partita, ma il merito è soprattutto dei reggiani. Ad “ammazzare” la partita senza storia, i 22 punti di Kody e i 16 a referto di Dolfo. E ora si ritorna in campo a Santo Stefano alle 18 a Brescia, nella tana della Centrale del Latte, per un scontro ad alta quota.

La cronaca. Inizio match equilibrato con un punteggio parziale di 3-3. Prima richiesta di video check su attacco di Kody, verifica resa impossibile da un mal funzionamento dei sistema del videocheck e quindi la decisione arbitrale non subisce variazioni ed il punto rimane a Castellana Grotte. Il Volley Tricolore passa in vantaggio grazie all’attacco di Dolfo, 7-6. Il vantaggio della Conad si dilata e sul 14-10 gli ospiti ricorrono al timeuot. I padroni di casa sono in partita e corrono a prendersi il set, con un margine di 7 punti sugli avversari Giulio Silva fa un super recupero e tiene alta la concentrazione dei compagni. Primo set-ball sul 24-16 con Soli alla battuta, muro di Kody che chiude il set, 25-16!

Il secondo set vede subito in vantaggio il Volley Tricolore per 4-1. I padroni di casa salgono a +5 e va al servizio Capitan Silva, muro di Dolfo che conquista un altro punto per la formazione di Reggio Emilia. Scopelliti in battuta per Castellana Grotte ma l’azione si conclude a favore del Volley Tricolore per 12-6. Reggio Emilia imprendibile, 19-9 ed ace di Kody! Muro di Cargioli e doppio-cambio per la formazione casalinga, entrano Beccaro in battuta e Rossatti. Attacco vincente di Dolfo, ancora doppio-cambio e tornano in campo Silva e Soli. Sul 24-13 va Cargioli in battuta, azione e set conclusa a sorpresa dal regista di Reggio Emilia, Pietro Soli! Secondo set chiuso per 25-13.

Proprio Soli apre il terzo set. Reggio Emilia ancora in vantaggio sul 4-3. Muro di Dolfo che segna il punto del +3 . Mai abbassare la guardia, gli avversari di Castellana Grotte si fanno sotto sul 10-8 con Lavia alla battuta ma Dolfo si impone e recupera il servizio per i suoi. La formazione ospite insegue a -5, muro vincente di Kody per il quale viene chiesta la verifica al check ma il punto è per i reggiani! Con Sighinolfi in battuta gli ospiti si avvicinano sul 17-15. La palla torna al Volley Tricolore e Soli segna un ace! Muro di Marco Norbedo e la formazione di Reggio torna a +5. Silva mette giù la palla del 23-17 e Dolfo conquista il match ball! Punto di Marco Norbedo che chiude il set per 25-18 e l’incontro 3-0 per il Volley Tricolore.

Il tabellino

VOLLEY TRICOLORE REGGIO EMILIA 3
MATERDOMINI VOLLEY CASTELLANA GROTTE 0
(25-16, 25-13, 25-18)

REGGIO: Norbedo 5, Soli 2, Dolfo 16, Cargioli 6, Kody 22, Silva 6, Beccaro, Rossatti. Non entrati: Suljagic, Miselli, Bevilacqua e Scaltriti. Libero: Morgese. Allenatore: Dall’Olio
CASTELLANA GROTTE: Casoli 4, Scopelliti 4, Buzzelli 3, Bellei 8, Lavia 11, Sighinolfi 2, Losco 1, Gargiulo, Longo, Losco. Non entrato: Disabato. Liberi: Primavera, Catania. Allenatore: Fanizza.
Arbitri: Rossetti e Luciani
Note: Durata set: 23’,21’,21’, totale 1 h 05’. Reggio ace 3, errori battuta 7, muri 11, errori avversari 18. Castellana Grotte ace 2, errori battuta 7, muri 2, errori avversari 15.

LA CONAD RICEVE CASTELLANA GROTTE

By | News | No Comments

LA CONAD DOMANI ALLE ORE 16 RICEVE CASTELLANA GROTTE AL PALABIGI : 50 MOTIVI PER VINCERE… DAL CINQUANTENARIO DELLA PALLAVOLO CAVRIAGHESE ALL’ESORDIO IN PANCHINA DI PUPO DALL’OLIO. FINO AL BEL REGALO PER I TIFOSI E UNA SORPRESA PER I NATI NEL ’66… 
DOLFO E SOLI CARICANO: “CON COACH DALL’OLIO SIAMO IN OTTIME MANI, ORA DOBBIAMO PENSARE A VINCERE. I PUNTI COMINCIANO A PESARE E VOGLIAMO I PLAYOFF” 

Il nuovo coach Pupo Dall’Olio assieme al vice allenatore Paolo Zambolin

La prima di Pupo Dall’Olio, il mezzo secolo di storia della Pallavolo Cavriaghese, embrione da cui è nato poi il Volley Tricolore, una bella festa di Natale e un sogno playoff da rincorrere e acciuffare per i capelli. Questi e cinquanta altri motivi ha la Conad domani per vincere. Al PalaBigi alle ore 16 arriva la Materdomini Castellana Grotte per la 12a giornata di campionato di Serie A2 UnipolSai, nonché 3a di ritorno.
Una vittoria è d’obbligo e possibilmente con tre punti perché altrimenti si corre il rischio di allontanarsi troppo dalla zona playoff. Il Volley Tricolore è sesto in classifica a 18 punti, a un punto dal quinto posto valido per accedere al girone promozione al termine della regular season (l’accoppiata Bergamo-Civita Castellana a quota 19 punti).

I punti in classifica però non significano nulla, perché mai come quest’anno regna l’equilibrio assoluto in Serie A2. Distanze corte e ribaltamenti da domenica a domenica. Questo è per dare l’idea di quanto debba stare attenta la Conad alla Materdomini Castellana Grotte. I pugliesi sono a quota 11 punti, terzultimi, a soli due punti di vantaggio dall’ultimo posto. Ma sono in netta ripresa: nelle ultime tre partite ne ha vinte due conquistando sei punti battendo Grottazzolina e niente poco di meno che Civita Castellana. Domenica scorsa invece ha perso solo al tie-break. Castellana Grotte, allenata dal confermatissimo coach Fanizza, punta su un roster tutto italiano e che finora ha raccolto meno di quel che realmente vale. A partire dall’esperto opposto classe ’88 Giacomo Bellei, arrivato dalla Calzedonia Verona dopo una lunga militanza in SuperLega, è sicuramente il più pericoloso. Non da meno Cristian Casoli, che nonostante i suoi 41 anni, picchia ancora come un ragazzino (e l’anno scorso durante i playoff contro Vibo Valentia ce ne siamo accorti purtroppo…). La regia è affidata al talentuoso Buzzelli, classe ’94 scuola Trento, arrivato da Vibo anche lui. Pericolosi anche il martello Fiore (ex Ortona), e i centrali Scopelliti e Sighinolfi (scuola Modena) che i nostri Miselli, Soli, Bevilacqua e Scaltriti conoscono molto bene. 

Ludovico Dolfo ha già lavorato con Dall’Olio a Treviso

Domani ci sarà anche l’esordio di Pupo Dall’Olio come allenatore della Conad, incarico ricevuto quattro giorni fa, dopo le dimissioni di James Costi per problemi familiari e l’ottimo traghettamento messo in atto da Paolo Zambolin che resta come vice di assoluta fiducia di Dall’Olio, dato che i due erano assieme in quel Piacenza dei miracoli, arrivato fino alla finale scudetto.
Un arrivo sulla panchina reggiana che ha portato grande entusiasmo. 

Lo conosce bene Ludovico Dolfo che suona la carica in vista di domani: “Con Pupo ho condiviso la stagione in cui ero un giovane della Sisley Treviso: c’era gente come Papi, Cisolla, Gustavo e mi fece esordire in A1 e gliene sarò sempre grato. Siamo fortunati ad essere allenati da Pupo. Ha tanta esperienza, già questi giorni lo si sta notando; stiamo lavorando bene e siamo carichi per domani. Siamo in buone mani. Vogliamo la vittoria per restare nelle prime cinque, ma dobbiamo stare attenti perché Castellana è una buona squadra. Hanno fatto fatica nel girone d’andata, ma hanno giocatori esperti e pericolosi come Casoli, Fiore e Bellei. Sarà una partita difficile, ma dobbiamo vincere”.

E se Dall’Olio è stato un’icona come palleggiatore e soprattutto della mitica Panini Modena, non può che essere felice l’alzatore Pietro Soli: “Siamo fortunati ad avere l’opportunità ad esser allenati da Pupo. Prima di essere un allenatore già vincente di altissimo livello, è stato un giocatore fortissimo che ha vinto tutto. A tutti, ma a me e Luca (Beccaro) in particolare essendo palleggiatori ci può aiutare a migliorare. Castellana Grotte? Sono punti molto importanti, ora non si può più sbagliare perché siamo in un momento cruciale della stagione. Incontrerò il mio ex compagno Sighinolfi? Vinca il migliore, ma comunque vada andremo a mangiare una pizza assieme dopo…”. 

Il palleggiatore Pietro Soli è pronto a migliorare sotto i consigli di Dall’Olio

In più saranno festeggiati i 50 anni della Pallavolo Cavriaghese. E prima del match verrà organizzato un momento celebrativo assieme al sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi ospite al PalaBigi. Inoltre, ci sarà un’iniziativa a sorpresa rivolta ai 50enni nati nel 1966.
E per augurare Buon Natale, il Conad Le Querce (per l’occasione il titolare Mauro Rondanini sarà l’ospite in panchina) regalerà a ogni spettatore un panettoncino, come cadeau.

DOMENICA SI FESTEGGIA IL CINQUANTENARIO DELLA PALLAVOLO CAVRIAGHESE

By | News | No Comments

DOMENICA AL PALABIGI SI FESTEGGIA IL CINQUANTENARIO DI QUELLA CHE FU LA PRIMA RADICE DELLA SOCIETA’: LA PALLAVOLO CAVRIAGHESE 
IL PRESIDENTE BERTACCINI: “QUANTI RICORDI E CHE FAVOLA QUELLA PROMOZIONE DEL 2005-2006. ABBIAMO PORTATO CAVRIAGO E REGGIO NELLA PALLAVOLO CHE CONTA…”
E DOMENICA AL PALAZZETTO UNA SORPRESA PER TUTTI I 50ENNI NATI NEL ‘66 

Una delle prime formazioni della Pallavolo Cavriaghese del 1966

Il 20 dicembre 1966 nacque la Pallavolo Cavriaghese, radice di quello che oggi è il Volley Tricolore. E così domenica, in occasione del match di campionato di Serie A2 contro la Materdomini Castellana Grotte al PalaBigi (ore 16), ci sarà un momento in cui verranno celebrati i 50 anni della splendida favola di provincia capace di arrivare fino alla Serie A2 negli anni a cavallo tra 2005 e 2007, in cui non vi era più una realtà pallavolistica cittadina (dopo la fase discendente” della Giglio e della Prep). Fino ad oggi dove il Volley Tricolore Reggio Emilia (nato nel 2012 proprio grazie alla fusione tra Pallavolo Cavriaghese, Correggio Volley e New Volley Scandiano) è la massima espressione del volley reggiano.

“Una favola davvero bella – dice il presidente del Volley Tricolore, Giulio Bertaccini – Di cui faccio parte da 26 anni, una bella fetta di vita. Mi appassionai alla pallavolo perché giocava mia moglie e seguivo anche la Prep. Poi ho cominciato a seguire la squadra di Cavriago e pian piano ho cominciato a inserirmi in società, fino ad essere nominato presidente. Credo che se siamo ancora qui dopo questa scalata, sono state fatte tante cose positive. Certo, ho commesso anche qualche errore, ma in buonafede. Ma assieme ad altri abbiamo il merito di aver portato Cavriago e ora Reggio nella pallavolo che conta. I miei ricordi più belli? Beh, il fatto di essere arrivato ad essere vicepresidente di Legavolley la dice lunga sulla bontà del lavoro, visto che quella non è una carica che si impone, ma è elettiva. Ma se devo dire la soddisfazione più grande è senza dubbio la promozione in serie A del 2005-2006. Perché fu qualcosa di inaspettato, nonostante avessimo davvero un gruppo di ottimi giocatori. Furono giorni di grandi feste e tornavo a casa sempre alle 6 del mattino… Vincere il match decisivo per la promozione contro una squadra blasonata contro Mantova fu davvero spettacolare. Conservo ancora a casa la lettera del presidente Fipav Malerba e del sindaco di Cavriago. Ogni tanto le rileggo per rendermi conto di quello che abbiamo fatto, essendo una realtà piccola. Tutto quello che abbiamo fatto è frutto di amicizia ed entusiasmo d’altri tempi. E dobbiamo continuare così anche nel Volley Tricolore”. 

… e una formazione di oggi

Così domenica, prima del fischio d’inizio, verrà celebrato un momento per ricordare i 50 anni di quello che è stato il seme fondamentale per la nascita poi del Volley Tricolore. Il club ha invitato l’Amministrazione Comunale al PalaBigi, il sindaco Luca Vecchi e l’assessore Mirko Tutino essendo nella giunta del Comune di Cavriago negli anni della grande promozione.

E inoltre, ci sarà anche una sorpresa per tutti i 50enni nati nel ’66 che potranno scoprire solo venendo al palazzetto…

Un po’ di storia L’avventura di questo mezzo secolo di storia comincia proprio nel ’66 con la Polisportiva Cavriaghese, poi Antonio Coscelli decide di trasformarla in senso unico concentrandosi maggiormente sulla disciplina pallavolistica: nasce così il GS Cavriaghese con Milo Cepelli, fino ad allora giocatore della C a Reggio Emilia, che comincia ad allenare le giovanili del Cavriago e nel ’74 inserisce gli elementi migliori delle proprie giovanili nella compagine preesistente di prima divisione. Questa operazione si rivela proficua, tanto che in breve tempo la squadra di Cepelli sale due categorie e milita in C2 per alcuni anni. Nell’82 avviene poi la fusione con la società reggiana Cbr e si decide di portare la C a Reggio e lasciare a Cavriago solo il settore giovanile ed una terza divisione. Data la superiorità tecnica dei giocatori presenti nella formazione suddetta la società giallonera si trova nuovamente in serie C.

E’ allora che James Costi decide di tornare al proprio paese natio prendendo in mano la serie C2; con una squadra composta quasi esclusivamente da giocatori di Cavriago il team di Costi passa in C1. Nell’annata 90/91 arriva l’agognato risultato che consacra la società giallonera al difficile campionato di B2. Quell’anno Giulio Bertaccini, imprenditore di Sant’Ilario e appassionato di volley, decide di mettersi in gioco ed entra a pieno titolo nella Cavriaghese diventandone il presidente. Per 3 anni viene disputato un difficile campionato di salvezza, ma successivamente l’impianto economico di Cavriago si fa più forte e presto arriva la promozione in B1 (’96). Seguono alcuni anni difficili in cui la prima squadra barcolla tra la salvezza e la retrocessione (’99), fino a che nell’annata 1999/2000 arriva Claudio Benedetti a guidare il team alla promozione in B1. Dopo un anno passato a cercare la salvezza nella nuova categoria, entra in società anche Loris Migliari come general manager, adottando nuove soluzioni gestionali per la società. Inizia quindi la scalata verso la vetta di B1. Nel 2004 la squadra, sponsorizzata Conad Le Querce è riuscita a piazzarsi in quinta posizione a soli 3 punti dai play-off. 

Il presidente del Volley Tricolore, Giulio Bertaccini, durante l’ultima promozione in Serie A2

Ma è l’annata 2005-2006 che consacra il Volley Cavriago all’olimpo del campionato cadetto di serie A2; i risultati raggiunti dal gruppo di Benedetti hanno superato le più rosee aspettative riuscendo così a galvanizzare l’intero movimento pallavolistico reggiano che, nelle ultime giornate di play-off, si è stretto attorno ai gialloneri sostenendoli nell’immane sforzo della promozione, ottenuta in una storica finale giocata con la blasonata Burro Virgilio Mantova. Due mesi prima, proprio contro i Virgiliani, la Cavriago, allora Edilesse, fu sconfitta nella finale di Coppa Italia conquistando “solo” uno storico secondo posto. Il primissimo anno di serie A (stagione 2006/2007) per l’Edilesse Cavriago ha rappresentato una nuova incredibile avventura per tutti i collaboratori; confermato l’allenatore e buona parte del sestetto Cavriago parte bene nelle prime giornate, ma poi perde la strada e Claudio Benedetti lascia la panchina vacante. E’ a questo punto che arrivano gli ultimi due colpi di mercato dell’Edilesse: Marco Bonitta in panchina e Luca Cantagalli capitano della nuova Edilesse. Cavriago nel girone di ritorno realizza 22 punti e sfiora la salvezza, ma retrocede come quart’ultima. Nella stagione 2007-2008 la squadra parte con l’obiettivo di ritornare in A2. In andata si incontrano più difficoltà delle previste. Il cambio di panchina si impone e al posto di Preti Giovanni, arriva il “Prof.” Gianpaolo Guidetti. Alla fine del campionato, è conquistata l’agognata promozione con l’Agnelli Bergamo, rivelatasi avversaria quanto mai coriacea. La stagione 2008-2009 vede la conferma dell’allenatore e di parecchi atleti. Nel girone di andata emergono difficoltà e avvengono diversi infortuni a giocatori importanti. E’ così che arriva sulla panchina Edilesse, Massimo Dagioni mentre ritorna un atleta mai dimenticato a Cavriago: l’opposto brasiliano William Kirchhein. Il campionato si conclude con la permanenza in A2. Nella stagione 2009-2010 si inizia con la conferma di Dagioni, ma verso la fine del girone di andata, visti i risultati, deve lasciare il testimone a Marco Bonitta. Il ritorno del campione del mondo porta l’Edilesse ad uno storico 10° posto e, per la prima volta, alla partecipazione ai play-off per la promozione in A1. Nel 2010-2011 con una squadra quasi completamente rinnovata e la conferma di Marco Bonitta, Edilesse Conad scrive un’altra pagina di storia con l’8° posto e la bellezza di 49 punti in classifica.

Nel 2011-2012 la squadra retrocede e nell’estate del 2012 fonda il progetto Volley Tricolore.

L’annata sportiva vede la compagine reggiana, che ha scelto i colori sociali giallorossi, conquistare l’accesso ai play off promozione da cui esce al primo turno.
Nella stagione 2013/2014, la crisi economica e le difficoltà finanziarie accompagnate dalla decisione di Correggio Volley di uscire dal progetto fanno sì che Volley Tricolore operi una scelta dolorosa ma necessaria e salutare: rinunciare alla serie A2 e partecipare al campionato di B1.
Le scelte radicali e il rigore economico applicato non impediranno di vivere un’annata da incorniciare che vede Volley Tricolore vincere il campionato con tre giornate di anticipo e conquistare la Coppa Italia di B1 che ne certifica la leadership nazionale nella propria categoria.
Il campionato 2014/2015, per i giallorossi, si presenta come l’inizio della costruzione di una solida presenza in A2. Continua la politica di rigore ma ciò non impedisce alla squadra di conquistare l’ottavo posto (l’ultimo utile) per partecipare ai Play Off dove offre due prestazioni all’altezza e fa tremare la corazzata Sieco Ortona vincitrice della Regular Season. Solo un 15-13 nel tie break elimina il Volley Tricolore.
La stagione 2015/2016 sarà ricordata come la stagione dei record sotto la guida di coach Luca Cantagalli grazie al quinto posto finale in regular season ma che se la limitiamo al semplice girone di ritorno vede la squadra reggiana dominare il campionato. Il piazzamento finale è il frutto di una partenza falsa che a Natale vedeva il Volley Tricolore all’ultimo posto.
Come se non bastassero i record non sono finiti; infatti la squadra guadagna lo storico accesso in semifinale cedendo solamente al tie-break ai vantaggi in gara 2 e gara 3 contro Vibo Valentia che poi verrà promossa in SuperLega.

DALL’OLIO NUOVO COACH DEL VOLLEY TRICOLORE

By | News | No Comments

UFFICIALE: FRANCESCO “PUPO” DALL’OLIO E’ IL NUOVO ALLENATORE DEL CONAD VOLLEY TRICOLORE REGGIO EMILIA: “AVEVO VOGLIA DI TORNARE A RESPIRARE L’ODORE DELLA PALESTRA E DELLA PARTITA. HO STIMOLI E MOTIVAZIONI ALTISSIME. NON VEDO L’ORA DI COMINCIARE”
PAOLO ZAMBOLIN RESTA COME SUO VICE, COME NEL 2006-2007 A PIACENZA DOVE ASSIEME CONQUISTARONO LA FINALE SCUDETTO IN A1

IL DS BARBARESCHI: “CREDIAMO CHE SIA LA SCELTA GIUSTA PER FARE UN ULTERIORE SALTO DI QUALITA’ E FAR CRESCERE QUESTA ROSA” 

Pupo Dall'Olio è il nuovo coach della Conad

Pupo Dall’Olio è il nuovo coach della Conad

Il Conad Volley Tricolore Reggio Emilia comunica di aver affidato la panchina della prima squadra per la stagione in corso di Serie A2 UnipolSai a un nuovo allenatore che già oggi pomeriggio verrà presentato alla squadra al PalaEnza di Sant’Ilario, dove dirigerà anche il suo primo allenamento.

Si tratta di Francesco “Pupo” Dall’Olio, 63 anni il prossimo 30 dicembre. Al suo fianco resterà come vice allenatore Paolo Zambolin che ha guidato egregiamente, con grande professionalità e risultati ottimi, la squadra in campionato dopo che James Costi – a cui la società aveva affidato l’incarico a inizio stagione – aveva rassegnato le dimissioni per gravi motivi familiari.
Dall’Olio e Zambolin andranno così a ricomporre la coppia che trascinò nella stagione 2006-2007 la Copra Piacenza in finale scudetto di Serie A1.

“Pupo” Dall’Olio non avrebbe bisogno di presentazioni. Ma per chi si avvicinasse alla pallavolo solo ora, si può partire ad illustrare la sua carriera da giocatore.
Dall’Olio è stato uno dei più grandi palleggiatori della storia italiana e non solo. Ha cominciato la carriera nella Panini Modena, squadra della sua città, di cui diventerà una grande colonna e assoluto protagonista: qui ha giocato 11 stagioni consecutive dal 1970 al 1981. Poi due stagioni alla Casio Milano, una alla Bartolini Bologna, poi il ritorno per altre due stagioni a Modena. Poi Catania, altre due stagioni a Bologna, una a Spoleto, due a Montichiari, il ritorno ancora a Bologna per due stagioni con la promozione dalla A2 alla A1 e infine chiude la carriera a Modena. A livello di club il suo palmares è ricchissimo: 4 Scudetti, 6 Coppe Italia, 5 Coppe delle Coppe e una Coppa Cev.
Con la nazionale ha giocato 243 partite e ha vinto un Bronzo Olimpico a Los Angeles nel 1984.

Curriculum che da allenatore non è certamente da meno. Ha cominciato nel ’95-’96 con Gioia del Colle in A1, poi nel ’96-’97 ha vinto la A2 con Ferrata portandola nella massima serie. Nel ’97-’98 torna a Modena, nella sua città da allenatore, vincendo quasi tutto: Supercoppa Italiana, Coppa Italia e Coppa dei Campioni. Nel ’98-’99 porta Parma dalla A2 alla A1. E le due stagioni successive ritorna a Ferrara in A1. Nel 2001-2002 allena Asti in A2, poi tre stagioni a Padova in massima serie. Grandi annate le passa a Piacenza dal 2005 al 2007: qui vince una Top Teams Cup e soprattutto porta (con Zambolin vice allenatore) la Copra alla finale scudetto. Nel 2007-2008 allena Perugia (dove avrà come giocatore anche Giorgio Barbareschi), infine nel 2008-2009 firma con la Sisley Treviso e nel 2010 con Bastia Umbra in A2.

“In realtà – le prime parole di Pupo Dall’Olio – Non sono proprio fermo da sei anni. Negli ultimi due anni e mezzo ho fatto esperienze incredibili. Ho lavorato con la Federazione di Modena, poi son passato a lavorare per il Club Italia femminile e infine nello staff di Marco Bonitta nella nazionale donne, dove mi dedicavo in particolar modo alle palleggiatrici. Mi son fatto una certa cultura della pallavolo femminile e mi sarebbe piaciuto allenare nel campionato donne, ma sono sempre rimasto aggiornato su SuperLega e Serie A2 maschile. Così è arrivata questa chiamata improvvisa da parte di Reggio Emilia e ho accettato. È successo tutto così rapidamente che devo ancora rendermene conto. Abbiamo trovato un accordo in modo molto veloce, poi Barbareschi lo conoscevo già avendolo avuto come giocatore a Perugia e tutto è stato più semplice. Ho tanta voglia, le motivazioni sono altissime e non vedevo l’ora di tornare a sentire l’odore della palestra e della partita. Ritrovo Paolo Zambolin con cui ho condiviso un’esperienza felice e importante a Piacenza e questo è già un piccolo vantaggio per me, avere una persona fidata all’interno di una società appena si arriva è importante. Obiettivi? Intanto voglio premettere che so che prima di me c’è stato qualcun altro, prima Costi e poi Paolo, tra l’altro facendo un ottimo lavoro. La strada è già tracciata, perciò non c’è bisogno di fare rivoluzioni. Però chiaramente porterò le mie idee e il mio credo. C’è un mix di giocatori più maturi per la categoria e altri più giovani che scalpitano. Sarà mio compito utilizzare al meglio queste risorse. Il primo obiettivo è quello di migliorare, poi vedremo strada facendo. Il campionato di Serie A2 è lungo e impegnativo. È equilibrato e tutte le domeniche ci sono sorprese. Dobbiamo essere pronti ad affrontare ogni tipo di difficoltà”.

Il direttore sportivo Giorgio Barbareschi dà il benvenuto al nuovo allenatore parlando a nome della società: “Innanzitutto vorrei ringraziare Paolo Zambolin e Marco Verdi che hanno condotto egregiamente la squadra con risultati ottimi. L’emergenza dopo le dimissioni di Costi è stata gestita molto bene. Detto questo, abbiamo individuato in Pupo Dall’Olio la soluzione migliore in questo momento. Una figura che vanta un grande rispetto da parte di tutti nel’ambiente e che porta sicuramente tanta qualità e io conoscendolo bene perché mi ha allenato a Perugia, so come lavora.
E crediamo con lui di poter fare un salto in avanti in questo senso, in questa seconda parte di campionato per valorizzare questo gruppo che si sta distinguendo bene. Abbiamo trovato subito un accordo e Pupo ha sposato il nostro progetto. Dunque ora non resta altro da fare che mettersi a lavorare assieme”.

Facebook

Get the Facebook Likebox Slider Pro for WordPress