Monthly Archives

Ottobre 2019

Capitan Ippolito: “Niente drammi, ora si pensa a Castellana”

By | Senza categoria | No Comments

Dopo l’incontro di ieri Ortona è uscita vincitrice 3 a 1 dal PalaBigi, mentre Conad non è riuscita a portare a casa la vittoria per la prima partita in casa, la seconda giornata della serie A2 Credem banca. Dopo un inizio brillante, il gioco reggiano ha perso d’incisività e Ortona ha ingranato senza più fermarsi. «Potevamo riuscire meglio nelle azioni lunghe, specialmente nella fase muro-difesa, mentre loro hanno fatto una gran partita sia in attacco che al servizio», ha detto il secondo palleggiatore Catellani, più volte sostituto di Miselli in battuta. «È sempre un orgoglio entrare in campo e do il massimo – ha aggiunto –, anche nei momenti più delicati del match».

«È stata una partita combattuta, al secondo e terzo set un po’ meno – ha commentato alla fine del match il capitano Andrea Ippolito –. Al quarto, che invece ormai sembrava perso, siamo riusciti a recuperarlo con la grinta giusta fino a portalo ai vantaggi».

Una nota personale, e positiva, per Ippolito c’è: ieri sera il capitano ha raggiunto il record dei 200 ace in regular season. «Sono contento, la battuta poi è un fondamentale che mi piace moltissimo – ha commentato –. Forse devo ancora recuperare il ritmo dell’anno scorso, anche perché sono stato fermo per qualche giorno in preparazione e questo ha ritardato un po’ la mia costanza in battuta. Sono sicuro che riuscirò presto a regalare al pubblico del Bigi qualche ace.

Tanto più dopo l’esordio di stagione con la vittoria 3 a 1 a Cantù, la sconfitta brucia e il capitano non lo nasconde. «Però non facciamone assolutamente un dramma: questa è la realtà del campionato – ha continuato lo schiacciatore –. Per altro abbiamo perso contro una grande squadra, quindi complimenti a loro. Non ci è concesso rimanere a piangere su ogni punto negativo, soprattutto non nella A2 si quest’anno. Bisogna lavorare su ciò che non ha funzionato e tenere a mente quali sono i nostri fondamentali di sicurezza. Ora testa su Castellana».

 

 

                                 

Reggio – Ortona: al Bigi la Sieco vince 3 a 1

By | Senza categoria | No Comments

La rosa reggiana scende sul campo di casa con Pinelli alla regia e Zingel opposto, al centro Miselli e Mattei e in banda Ippolito e Dolfo, la protezione della seconda linea è affidata a Morgese. Al primo set Reggio domina fino al colpo di scena finale, quando Ortona la raggiunge sul 23 pari. La vittoria però resta della Conad, 26 a 24. Al secondo la Sieco impone il suo ritmo verso metà set, raggiungendo la vittoria 19 a 25, e sull’onda dell’entusiasmo porta a casa anche il terzo (18 – 25). Al quarto la tensione è ormai alle stelle: Conad raggiunge Ortona, che tuttavia chiude il match ai vantaggi (24 a 26).

LA PARTITA

Già dai primi punti l’incontro è avvincente (7 a 8), Reggio e Ortona proseguono in un testa a testa tra attacchi d’eccellenza e qualche errore di misura sul campo del Bigi. Con il capitano al servizio, Conad segna un primo distacco (15 a 13) e coach Lanci chiama i suoi a rapporto. Il gioco della Sieco rimane energico, ma non basta a sanare la svantaggio (21 a 18). Sul finale gli avversari non permettono di abbassare la guardia, raggiungendo il set ball a muro su Dolfo (23 a 24). Ribatte Miselli dal centro ed è di nuovo parità. È Zingel in attacco a chiudere il set 26 a 24 per Conad.

Continua in fibrillazione il secondo set, con un primo sorpasso reggiano sul 9 a 7 per quanto Ortona non abbia perso un briciolo di grinta. Tant’è vero che con Menicali in attacco e poi servizio la Sieco recupera il pareggio. Quando Ortona passa in vantaggio (14 a 16), è Bosco a chiedere il time out. Tra Zingel e Marks da entrambi i lati del campo arrivano attacchi di fuoco, ma la Sieco non molla la presa e punta alla chiusura (18 a 21). Menicali, di nuovo in battuta, porta a casa il set ball con un ace; è poi con un servizio out di Bellini che si chiude il secondo set (19 a 25).

Nessuna variazione sulla formazione reggiana al terzo set, ad eccezione di Bellini che entra al posto di Dolfo. Reggio torna in campo senza esitazione (7 a 6), ma la Sieco cavalca ancora l’onda della vittoria al secondo set con un Marks implacabile (12 a 16). Conad inizia ad accusare il colpo, specialmente sulla seconda linea, mentre Ortona prende davvero il via. Il servizio è nelle mani di Marks sul 15 a 21 per la Sieco. Reggio entra in fase di stallo, il set si chiude 18 a 25.

La Sieco ingrana fin da subito al quarto set (4 a 8), la Conad però – che ha mantenuto la stessa formazione del set precedente – reagisce si avvicina alla squadra ospite. Reggio è determinata a non lasciare la vittoria agli ospiti e nella rosa reggiana torna l’equilibrio (12 a 16). L’adrenalina cresce nel tentativo di riprendere la Sieco, che resta a pochi punti di vantaggio (18 a 21). Il capitano Ippolito in attacco trova i due punti che servono alla Conad per il pareggio sui 23. Il match ball di Ortona è sul filo del rasoio quando il videocheck conferma il tocco a muro su un attacco del capitano reggiano. La partita la chiude Marks, chiudendo in diagonale stretta il 26esimo punto.

TABELLINO

CONAD REGGIO EMILIA 1

SIECO SERVICE ORTONA 3

(26-24, 19-25, 18-25, 24-26)

Reggio Emilia: Pinelli 2, Catellani, Magnani, Zingel 24, Mattei 10, Miselli 10, Santini, Bellini 5, Ippolito 10, Dolfo 4, Scarpi, Morgese (L), Cagni (L).

Allenatore: Bosco.

Ortona: Pedron 1, Del Fra, Marks 25, Ottaviani 15, Simoni 6, Sesto, Menicali 9, Bertoli 20, Salsi, Carelli, Astarita, Toscani (L), Pesare (L).

Allenatore: Lanci.

Note: durata set 0.31, 0.26, 0.22, 0.33 totale 1.52 Reggio Emilia ace 4, muri 9, errori in battuta 15, errori avversari 22. Ortona ace 7, muri 8, errori in battuta 9, errori avversari 24.

Arbitri: Oranelli, Rolla.

Ortona in arrivo per la prima in casa

By | Senza categoria | No Comments

Questa domenica la Conad Reggio affronterà la seconda partita di campionato, prima in casa, contro la Sieco Service. I ragazzi di Bosco si misureranno con Ortona al PalaBigi, con fischio d’inizio alle 18. Dopo la vittoria di domenica scorsa a Cantù, Reggio ha messo da parte i primi tre punti, ma come ha dichiarato il centrale Andrea Miselli: «In questa serie A2 tutte le partite sono da affrontare col coltello tra i denti».

«Ortona è una squadra molto ben organizzata – ha continuato l’atleta reggiano –, specialmente in quest’ultima settimana ci siamo preparati al meglio per la prima in casa». Giocare nel proprio palazzetto, si sa, è spesso un fattore positivo sulla resa della squadra. L’ultima partita contro la Pool Libertas ha visto invece un attimo di ‘blackout’ al secondo set, quando la padrona di casa è salita in cattedra vincendo 25 a 19. «La settimana scorsa abbiamo iniziato un percorso, può essere che avvengano altri ‘incidenti’ – ha puntualizzato Miselli –. Sta a noi lavorare quotidianamente per evitare queste battute d’arresto. Arriveremo a toglierle del tutto, per portare a casa il risultato il prima possibile».

La Sieco Impavida Ortona è all’ottavo anno in serie A2 Credem banca e come Reggio è uscita vincitrice dalla prima di campionato (3 a 1 contro Mondovì). Tra i ritorni nella rosa avversaria ospite del PalaBigi troveremo il centrale Nicola Sesto (già ad Ortona nel 2015/16), mentre il punto di riferimento della rosa avversaria sarà il centrale Michele Simoni, erede dello scettro del capitano da Andrea Lanci.

«Ortona è una squadra completa, sarà uno scontro importante – ha commentato il libero Davide Morgese –. Il nostro punto di forza penso sia l’intesa di squadra e la tranquillità che ci porta ad affrontare insieme le situazioni difficili. Di contro loro hanno un opposto d’esperienza e un reparto centrali forte, anche in ricezione tengono molto bene. Starà a noi trovare i punti deboli e cercare di portare a casa la vittoria, giochiamo nel nostro ‘fortino’ che per molti avversari è un ‘tabù’. Speriamo in una buona prestazione e in un pubblico numeroso».

Gli impegni dei ragazzi vanno anche oltre il campionato: dopo l’inaugurazione dello spazio ‘Viva Vittoria’ in vicolo Trivelli con la presenza di tutta la squadra, stamattina Mattia Catellani, Luca Cagni e Andrea Miselli sono andati di persona ad ammirare il risultato di questo importante progetto. Piazza Prampolini è raggiante e colorata, ricoperta coi ‘quadrotti’ legati di quattro in quattro e fatti a mano, che saranno venduti come coperte per aiutare la ricerca del Santa Maria Nuova sul tumore al seno. «L’evento ha richiamato in piazza moltissime persone, è il giusto riconoscimento anche per coloro che si sono impegnati in questo progetto – ha commentato Miselli –. La piazza era davvero splendida così, tutta colorata». ‘Viva Vittoria’ ha visto la partecipazione di moltissime realtà sportive reggiane, tra cui anche Volley Tricolore. I ragazzi della Conad Reggio domani scenderanno in campo con la maglia da riscaldamento con il logo di ‘Viva Vittoria’. «Credo che sia giusto affrontare certe tematiche insieme alla collettività – ha affermato Miselli –. Un gioco di squadra che coinvolga tutti, siano essi sportivi o non, donne o uomini, di tutte le età. L’importante è far sì che l’informazione giri e siano in sempre di più a sposare la causa di Senonaltro».

Zingel da record: 400 muri in regular season

By | Senza categoria | No Comments

A Zingel mancava solo un punto a muro, prima della partita contro Cantù, per raggiungere il record dei 400 in regular season. Non c’erano molti dubbi, considerata la normale prestazione dell’atleta australiano, sul fatto che ci sarebbe riuscito. Così è stato, infatti, ma lui non si sbilancia troppo: «Ovvio che mi fa molto piacere aver raggiunto questo risultato, ma devo ammettere che non tengo molto conto delle statistiche. Tant’è vero che lo scopro ora, di aver raggiunto questo risultato», commenta Aidan sorridendo.

«L’ultima partita abbiamo lavorato molto bene a muro, sicuramente è stato indispensabile nel portare a casa la vittoria, così come più avanti dobbiamo assolutamente essere in grado di sfruttarlo – continua –. Per quanto mi riguarda, è sempre stato il mio fondamentale migliore. Non nascondo che sia una doppia soddisfazione sapere che ho superato i 400 mentre giocavo in un altro ruolo». Nella partita contro la Pool Libertas infatti Zingel ha giocato come opposto e non centrale. Ora, guardando alla stagione appena iniziata, viene da chiedersi se nonostante tutto possa già puntare a un altro record. «Sicuramente un altro fondamentale che preferisco è l’attacco – dice –, mentre nel servizio so di poter sempre migliorare ma credo non sarà mai uno dei miei punti di forza. Diciamo che spero di raggiungerne altri, di record, ma intanto mi godo questo».

Sesto al Bigi: “Non sarà una partita come le altre”

By | Senza categoria | No Comments

Tra le file degli avversari di domenica si riconoscerà un volto amico, quello di Nicola Sesto. Il centrale originario di Lamezia, dopo due stagioni a Reggio, quest’anno gioca nella Sieco Service, dove aveva già militato nel 2015/16.  La squadra di Ortona sarà ospite al Bigi, con fischio d’inizio alle 18, per la seconda partita del campionato in serie A2 Credem banca.

Il ricordo che Sesto mantiene di Reggio, a questo punto della stagione, resta vivido e «meraviglioso – commenta il centrale –. A Reggio ho sempre trovato, come dire, la mia dimensione. La sensazione di indossare un abito che ti calza a pennello. Specialmente la scorsa stagione, sia nei risultati raggiunti che nell’ambiente societario, sentivo di aver davvero trovato il mio posto. Il fatto di ripartire dopo un anno straordinario, sia a livello emotivo che prestazionale, porta con sé alcune difficoltà». 

Alla pari della Conad, anche Ortona esce vincitrice dalla prima di campionato, 3 a 1 contro Mondovì. «Quest’anno Ortona ha voglia di rilanciarsi e la vittoria contro la Synergy ci ha dato molta carica – continua Sesto –. Anche Reggio, che sul mercato si è assunta dei rischi, ha vinto la sua prima scommessa contro Cantù. Il loro gruppo è molto navigato, con giocatori d’esperienza a iniziare da Ippolito, che quest’anno non ricopre ‘un ruolo’, ma il suo ruolo. Andrea è sempre stato un capitano». 

Nicola Sesto, con una punta di malinconia, ammette che domenica per lui «non sarà una partita come le altre, la mia prima volta al PalaBigi da avversario. Noi però arriveremo convinti di potercela tranquillamente giocare ad armi pari». La struttura del Bigi, il tetto in particolare, potrebbe essere un’aggravante e «sarà importante ambientarsi sin dai primi punti – conclude –. Abbiamo le capacità per farlo, in primis degli ottimi battitori che potranno fare la differenza. La rosa reggiana su questo frangente è già esperta, oltre al fatto che sarà la prima partita in quella che è sempre stata la roccaforte del Volley Tricolore. Entrambe le squadre sono simili come assetto del roster, si prevede una partita dove ad avere la meglio saranno la pazienza e la determinazione a vincere».

Buona la prima per Reggio. Mattei: “Siamo partiti col piede giusto”

By | Senza categoria | No Comments

Buona la prima per la Conad Reggio, che porta a casa i primi tre punti della stagione vincendo tre a uno contro Cantù. «Era importantissimo partire col piede giusto – ha affermato dopo il match il centrale Andrea Mattei, realizzatore di 17 punti –. Sono molto soddisfatto della prestazione mia personale così come di tutta la squadra. Potevamo commettere molti meno errori al secondo, ma anche da parte loro c’è stata una gran prova di forza. Si sono meritati il set».

 

La partita di domenica 20 ottobre con la Pool Libertas ha visto un momento di ‘blackout’ reggiano al secondo set, dopo la vittoria 16 a 25 del primo. La risposta incisiva della padrona di casa però non ha smorzato la determinazione della Conad, che si è ripresa al terzo e ha chiuso il match al quarto set (22 a 25).

«L’importante era riprendere in mano la partita, e l’abbiamo fatto – continua Mattei –. Ognuno faceva il massimo delle sue potenzialità, si vedeva in campo la voglia di vincere condivisa da tutti i giocatori insieme. Non smetterò mai di dire che questo è un elemento fondamentale per la buona riuscita di un match».

 

«Siamo stati bravissimi, aggressivi da subito e capaci di riprendere la situazione in mano al terzo set – ha commentato Aidan Zingel, normalmente compagno di reparto di Mattei, ma che domenica ha giocato opposto –. Ci abbiamo creduto fino alla fine, ora aspettiamo tutti i tifosi al PalaBigi domenica per la prima in casa».

 

Sulla scia di questa prima vittoria, la rosa reggiana prepara l’accoglienza dell’Impavida marchigiana, il prossimo 27 ottobre ore 18 in via Guasco. «Adesso subito testa a Ortona – conclude Mattei –, perché iniziare col piede giusto è bello, ma proseguire bene è sicuramente meglio».

 

Conad inaugura la stagione con un 3 a 1 contro Cantù

By | Senza categoria | No Comments

Il palaParini di Cantù è in fibrillazione per la prima di campionato in serie A2 Credem banca. Fischio d’inizio alle 18: Conad s’impone al primo set sulla padrona di casa (16 a 25) mentre al secondo è la Pool Libertas ad avere la meglio (25 a 19). Dopo un riequilibrio di forze spetta a Reggio portare a casa il terzo (17 a 25). La rosa di coach Bosco rientra al quarto con una grinta notevole (22 a 25), chiudendo il match 3 a 1.

LA PARTITA

Coach Bosco schiera Zingel e Pinelli sulla diagonale, Mattei e Miselli al centro e capitan Ippolito con vice Dolfo schiacciatori; Cantù parte invece senza Poey. Conad inizia in vantaggio (3 a 7) e le distanze si mantengono nello svolgersi del primo set (10 a 15). Dopo l’ace di Pinelli, sul 12 a 19 per Reggio, Suraci cede il passo a Poey. Conad prende il largo (13 a 21) e il set point arriva col muro su Poey di Mattei, il quale chiude poi in attacco il primo set.

Stessi schieramenti al secondo sia per Reggio che per Cantù. Il ‘risveglio’ di Cantù ha come protagonista il cubano Poey (7 a 5). Per Reggio entra poco dopo in scena Bellini al posto di Dolfo ma la Libertas continua la sua ascesa (16 a 10). Nonostante Reggio cerchi d’imporsi, la padrona di casa lascia Conad ai 15 e si avvicina sempre più alla chiusura (21 a 15). Poey sbaglia al servizio sul set point, ma è il muro sull’attacco al terzo tocco di Pinelli a confermare la vittoria di Cantù.

Le forze paiono equilibrarsi al terzo set (7 a 7) fino alla presa di posizione reggiana, con rientro di Dolfo. Sul 15 a 10 per la Conad, Cominetti richiama i suoi al time out. Complice anche una piccola défaillance da parte di Poey, Reggio torna a dettare legge (16 a 21) e la squadra del Parini perde sicurezza. Mattei, in completa sincronia col Regista Pinelli, non solo porta a casa il 24esimo ma chiude il set a muro su Poey.

Il quarto set parte con la stessa determinazione del precedente (7 a 7) per poi proseguire punto a punto. Reggio e Cantù lottano con la medesima grinta offrendo al Parini un grande spettacolo. Sul 12 a 15 c’è un primo distacco della Conad e nella formazione canturina entra Maiocchi su Motzo. Siamo 17 a 22 per Reggio quando il videocheck conferma out il servizio dell’opposto cubano; è poi il capitano in attacco da zona due a chiudere il match.

 

TABELLINO

POOL LIBERTAS CANTU’ 1

CONAD REGGIO EMILIA 3

(16-25, 25-19, 17-25, 22-25)

Cantù: Baratti 1, Poey 14, Suraci 2, Gasparini, Cominetti 10, Regattieri, Motzo 15, Maiocchi 1, Monguzzi 5, Mazza, Arasomwan, Frattini 8, Butti (L), Rudi (L).

Allenatore: Cominetti.

Reggio Emilia: Pinelli 3, Catellani, Magnani, Zingel 18, Mattei 16, Miselli 8, Ippolito 12, Dolfo 6, Scarpi, Morgese (L), Cagni (L).

Allenatore: Bosco.

Note: durata set 0.22, 0.27, 0.26, 0.28 totale 1.43 Cantù ace 2, muri 7, errori in battuta 18, errori avversari 24. Reggio Emilia ace 3, muri 12, errori in battuta 18, errori avversari 31.

Abritri: Piubelli, Palumbo.

Conad freme per la prima di campionato, domani contro Cantù

By | Senza categoria | No Comments

La fase appena conclusa di preparazione e allenamenti congiunti sembra lunghissima, ora che la Conad si trova a due passi dall’inizio del campionato in serie A2 Credem banca. Domani alle 18, al PalaParini di Cantù, finalmente le briglie si scioglieranno e gli atleti reggiani potranno misurarsi nella loro prima partita della regular season contro la Pool Libertas.

 

Tra le novità di quest’anno si aggiunge un cambiamento per la visione delle partite in streaming. Le gare infatti saranno trasmesse gratuitamente su Legavolley.tv – www.legavolley.tv (sito a cura di GeniusLive).

«Dopo due mesi lunghi e intensi di preparazione, non vediamo l’ora di iniziare il campionato – commenta lo schiacciatore, Ludovico Dolfo –. Questi dieci giorni dopo l’allenamento con Macerata sono stati preziosi per mettere a punto gli ultimi ritocchi prima della gara contro Cantù. Sta a noi ora metterci all’opera e portare a casa la vittoria».

 

La partita di domenica potrebbe anche essere un’occasione speciale per il vice-capitano trevigiano, a cui attualmente mancano 7 attacchi vincenti per raggiungere il record dei 1500 in regular season. «I record personali fanno sempre piacere – ammette Dolfo –, ma la priorità resta sempre la prestazione e la riuscita di tutta la squadra. Starà anche al registra Pinelli – aggiunge ridendo – farmi arrivare al record».

 

«Le prime partite, e penso valga per tutte le squadre, sono sempre particolari – interviene il primo palleggiatore Riccardo Pinelli –. Normalmente restano ancora alcuni meccanismi da affinare. Bisognerà essere bravi a sfruttare le occasioni che arriveranno, così come pazienti nei momenti più delicati della partita».

Intervista pre-campionato a coach Bosco

By | Senza categoria | No Comments

L’inizio della stagione in serie A2 ora è davvero realtà, domenica 20 ottobre la Conad partirà alla volta di Cantù per la prima partita della regular season. A conclusione di questo periodo, tra partenze impreviste e allenamenti congiunti con le categorie B, A3 e Superlega, coach Bosco esprime le sue considerazioni in vista dell’inizio del campionato.

 

Coach, se dovessimo calcolare un ‘bilancio’ di questa prima fase come sarebbe?

«Sicuramente è in positivo, vista e considerata anche la partenza di Santangelo per la Corea. Anche durante i test match ci siamo sempre dimostrati all’altezza, eccezion fatta per Macerata. Avere degli ‘alti e bassi’, comunque, è nella normalità del periodo»

 

Un commento all’ultimo match, contro la Menghi Macerata?

«La Menghi ha fatto una gran partita, specialmente in attacco, mentre noi potevamo certo fare qualcosa di più. È mancata la sicurezza in fondamentali che di solito funzionano molto bene. È una partita da prendere in considerazione, ma senza farne un dramma: va analizzata come tutte le sconfitte e sfruttata per capire come impostare il lavoro in palestra»

 

 

La migliore prestazione tra tutti gli allenamenti congiunti?

«Quella contro la Consar Ravenna credo sia stata la migliore, finita 3 a 1 per loro ma con tutti i set ai vantaggi. C’è da dire che le partite con la B, Viadana e Portomaggiore, non penso vadano considerate in modo assoluto data la differenza di categoria. Vincere va bene ma dipende sempre come, devo dire che in generale sono state tutte ottime prestazioni»

 

Gli equilibri possono dirsi ristabiliti dopo la partenza di Santangelo?

«Per la squadra è stato un colpo molto forte, su questo non c’è dubbio. Ora dobbiamo lavorare con quello che abbiamo e, soprattutto, non deve essere un alibi. Siamo tutti consapevoli di dover fare il meglio che possiamo con le forze a nostra disposizione»

 

Il 20 ottobre inizia il campionato. Come vede il match contro Cantù?

«È una partita da affrontare con determinazione. Cantù è una squadra che lavora molto bene specialmente in difesa e con giocatori importanti come Poey e Cominetti, o lo stesso Motzo che arriva dal Club Italia. Consapevoli di andare incontra a una sfida che si presenta difficile, noi entreremo comunque al Parini con l’idea batterli. Sarà il campo a decretare il vincitore»

Allenamento Conad vs Menghi: 3 a 1 per Macerata

By | Senza categoria | No Comments

Si conclude 3 a 1 per gli ospiti l’allenamento congiunto di stasera alla palestra Rinaldini. Il match inizia punto a punto, fino all’imposizione di Macerata che si porta a casa il primo set (22 a 25). Reggio rientra in campo sottotono e la Menghi chiude il secondo con lo stesso risultato. È al terzo che Conad dice la sua (25 a 15) ma Macerata non si lascia scappare la vittoria e vince l’ultimo 20 a 25.

LA PARTITA

Lo scontro è acceso da subito, ma né Reggio né Macerata impongono il loro gioco fino a metà del set (7 a 7 – 15 a 15).  Un primo tempo di Mattei e un ace di Ippolito sembrano sbloccare la situazione, ma quando è la Menghi a passare avanti (17 a 19) il distacco non viene recuperato e Macerata chiude il primo set 22 a 25.  

La Menghi torna in campo più fiduciosa rispetto alla squadra di casa (4 a 7), che invece accusa il colpo in fase muro e difesa. Reggio ritrova vigore e raggiunge Macerata (15 a 15), una ripresa che induce coach Di Pinto al time out. La Menghi, forte dei suoi schiacciatori – Gonzales in particolare, mantiene la determinazione (20 a 21) e chiude anche il secondo 22 a 25.

Il terzo inizia con la stessa musica (4 a 7 per Macerata) ma Reggio reagisce con più fermezza. Coach Bosco opta per Zingel come opposto e Miselli al centro insieme a Mattei. Per la Conad Pinelli alla regia e al servizio, insieme a Zingel in attacco, sono l’antidoto all’esitazione (15 a 12). Ristabiliti gli equilibri Reggio avanza (21 a 15) e chiude il set 25 a 15.

Dopo aver smorzato l’ascesa maceratese la Conad riprende con la stessa energia (7 a 4). Macerata però non perde il focus e recupera terreno (11 a 15) specialmente quando Gonzales passa al servizio. La Conad stenta a dettare il proprio ritmo e quel vantaggio recuperato a inizio set comincia a pesare (16 a 21). La Menghi chiude il match su un rigore di Calonico.

 

Il commento del capitano Andrea Ippolito a fine partita:

«Dobbiamo ancora trovare la giusta quadra per alcune cose ma non siamo preoccupati. Al quarto set c’è stato un calo sia mentale che fisico. C’è da dire che loro di A3 hanno poco: non per niente sono nostre ex compagne categoria. La cosa importante e l’obiettivo degli allenamenti congiunti è questo, individuare ciò che non gira per arrivare al top della forma a inizio campionato. Rimaniamo carichi e fiduciosi in vista del 20 ottobre contro Cantù».

 

TABELLINO

CONAD REGGIO EMILIA 1

MENGHI MACERATA 3

(22-25, 22-25, 25-15, 20-25)

Reggio Emilia: Pinelli 2, Catellani, Magnani 5, Zingel 21, Mattei 14, Miselli 4, Pavesi, Ippolito 8, Bellini 10, Dolfo , Scarpi , Luchic, Morgese (L), Cagni (L)

Allenatore: Bosco.

Macerata: Nasari 14, Porcello 10, Menichetti, Calonico 8, Poli, Pasquale 10, Bruno, Rossignoli, Monopoli 1, Stella, Rizo Gonzales 20, Gabbanelli (L), Valenti (L)

Allenatore: Di Pinto.

Note: durata set 0.24, 0.26, 0.20, 0.23 totale 1.33 Reggio Emilia ace 5, muri 11, errori in battuta 17, errori avversari 25. Macerata ace 3, muri 8, errori in battuta 15, errori avversari 26.