Monthly Archives

Marzo 2016

UN PULLMAN PER SEGUIRE LA CONAD

By | News | No Comments

VOLETE TIFARE CONAD ANCHE IN TRASFERTA? ECCO IL PULLMAN CHE DOMENICA VI PORTA AI PLAYOFF…
E MERCOLEDI’ AL PALABIGI, BIGLIETTO UNICO AL COSTO DI 10 EURO, MA GLI ABBONATI PAGHERANNO 5 EURO

I nostri splendidi tifosi al PalaBigi

I nostri splendidi tifosi al PalaBigi

Si avvicinano i Play Off di Serie A2 UnipolSai. Domenica alle 18, la Conad affronterà il primo turno in trasferta a Monterotondo (Roma), contro Civita Castellana che si è classificata al 4° posto, una posizione davanti al Volley Tricolore, avendo così il vantaggio di giocare la prima partita in casa.
E cresce anche l’entusiasmo dei tifosi che avranno l’opportunità di sostenere la squadra che lotta per conquistare una storica semifinale, in un’annata altrettanto storica (il 5° posto in A2 è record assoluto per la società).

Così, il Volley Tricolore organizza per domenica un pullman per chiunque volesse seguire la squadra in trasferta nel primo round dei playoff.
Il ritrovo sarà domenica alle 9,45 davanti al Tribunale di Reggio Emilia (via Avvenire Paterlini) da cui si partirà alle 10. La disponibilità è di 30 posti, perciò occorrerà prenotare. E lo si può fare fino alle 20,30 di venerdì 1 aprile.
Il costo indicativo del pullman è di 30 euro più il biglietto per la partita (7 euro intero, 5 euro ridotto per under 14 e over 65. Il pranzo sarà libero al sacco o in Autogrill.
Per informazioni o prenotazioni telefonare al numero: 335.5613851 oppure Morena 328.7506576
Oppure si può mandare anche un messaggio in chat privata sul facebook del Volley Tricolore.

Mentre per quanto riguarda il match di ritorno che si disputerà mercoledì 6 aprile al PalaBigi di Reggio, alle 20,30, il prezzo del biglietto unico sarà di 10 euro. Ma coloro che sono stati abbonati durante il campionato, pagheranno 5 euro.

STORICA CONAD! VITTORIA CONTRO ORTONA E 5° POSTO IN CASSAFORTE. AI PLAYOFF CONTRO CIVITA CASTELLANA

By | News | No Comments

STORICA CONAD! VINCE 3-0 CONTRO ORTONA GRAZIE ALLE PROVE SUPER DI CETRULLO (19 PUNTI) E DOLFO (18 PUNTI) E METTE IN CASSAFORTE IL 5° POSTO, MAI RAGGIUNTO PRIMA PER IL VOLLEY TRICOLORE. AI PLAYOFF AFFRONTERA’ CIVITA CASTELLANA: PRIMA GARA DOMENICA FUORI CASA E POI RITORNO MERCOLEDI’ AL PALABIGI 

Il Volley Tricolore nella storia: mai prima d'ora aveva raggiunto il 5° posto in classifica

Il Volley Tricolore nella storia: mai prima d’ora aveva raggiunto il 5° posto in classifica

 

Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare. La Conad vince 3-0 al PalaBigi contro Ortona e si piazza al 5° posto della classifica alla fine della Regular Season. Sugli scudi soprattutto Leano Cetrullo che segna 19 punti e Ludovico Dolfo con 18, oggi davvero ispiratissimo. Un risultato storico, mai raggiunto prima dal Volley Tricolore e che premia la squadra di coach Cantagalli dopo una seconda parte di stagione fenomenale. Una vittoria che lascia in tasca le calcolatrici, perché con questa la 5a posizione è in cassaforte e ai playoff, Reggio se la dovrà vedere con Civita Castellana che ha perso lo scontro diretto contro Tuscania (che si piazza 3° e la spunta solo grazie al maggior numero di vittorie rispetto ai marchigiani a pari punti) al tie-break dopo aver condotto 2-1. Prima gara domenica alle 18 a Monterotondo (Roma) e ritorno alle 20,30 sotto i riflettori del PalaBigi mercoledì prossimo. Un bellissimo regalo a un grande pubblico che oggi ha sostenuto la squadra; tanti bambini hanno ricevuto le uova di Pasqua offerte dal main sponsor Conad, lanciate direttamente dai giocatori delle due squadre sugli spalti.

Il 3-0 ottenuto oggi contro Ortona regala alla Conad i playoff contro Civita Castellana

Il 3-0 ottenuto oggi contro Ortona regala alla Conad i playoff contro Civita Castellana

Il primo punto del match lo firma Ortona, ma Dolfo e Cetrullo – che contro la sua ex squadra, con cui ha pure vinto il titolo di miglior realizzatore in A2 qualche stagione fa, ci tiene sempre a fare bella figura – poi cominciano la loro giornata super e iniziano a martellare portando la Conad sul 5-4 e poi sull’8-4. Reggio allunga col pirata Benaglia e poi ancora con Dolfo grazie a una splendida pipe: 12-7. Ma Ortona, nonostante non abbia più ambizioni di classifica, vende cara la pelle e con un ace e una pipe di Paoletti (7 punti a referto nel primo set) tenta la rimonta e arriva fino al 12-10. Cantagalli non ci sta e chiama time-out, Tondo al ritorno sul parquet suona la riscossa, ma Ortona non molla mai: 14-13. Allora si scatena Cetrullo (9 sullo score a fine set per lui), ma gli abruzzesi tengono: 18-16. Gli ospiti cominciano a forzare un po’ e collezionano errori in serie, così Cetrullo con un ace e Tondo con un grande muro mettono il Volley Tricolore sul 21-17. L’Impavida Ortona ritorna sotto sul 21-19, Cantagalli richiama i suoi in panchina e al rientro ecco l’allungo che poi risulterà decisivo: 23-19. Poi ecco il solito KK, il Kangaroo Killer Tom D.P., inserito per decidere il set come spesso fa e l’australiano piazza un ace favoloso per il 24-19. Gli abruzzesi annullano due set ball, ma Dolfo piazza il colpo del 25-21 e 1-0 per Reggio.

Marchiani confeziona una palla per Cetrullo alle sue spalle. L'opposto abruzzese ha messo a segno contro la sua ex squadra ben 19 punti, risultando il top scorer della Conad. L'alzatore invece ha offerto una prestazione fantastica

Marchiani confeziona una palla per Cetrullo alle sue spalle. L’opposto abruzzese ha messo a segno contro la sua ex squadra ben 19 punti, risultando il top scorer della Conad. L’alzatore invece ha offerto una prestazione fantastica

Nel secondo set i primi punti sono sempre di Ortona con la Conad che sbaglia troppo soprattutto in battuta: 4-6. La Sieco Service allunga sul +3: 5-8, ma Dolfo spezza il momento positivo con un grande ace. Cetrullo porta Reggio prima sotto di due punti (8-10) e poi a una sola lunghezza: 10-11. Poi però Ortona centra ancora un bel break e va ancora sul +3: 12-15. Ma Cetrullo e Dolfo oggi sono impressionanti e bombardano fino al 15-15. Da qui, la Conad non tornerà più sotto, a colpi di ace della banda e dell’opposto: 20-17. Prova col time-out a spostare l’inerzia coach Nunzio Lanci, ma Tondo di forza con due punti consecutivi porta il Volley Tricolore fino al 22-18. Tenta il miracolo Ortona che comunque tiene botta arrivando al 24-22, ma Dolfo è ancora spietatissimo: 25-22 e 2-0!

Ludovico Dolfo ha messo a segno 18 punti ed è stato devastante oggi: suoi tutti i colpi del ko in ogni set

Ludovico Dolfo ha messo a segno 18 punti ed è stato devastante oggi: suoi tutti i colpi del ko in ogni set

Terzo set che potrebbe dare la certezza del 5° posto alla Conad, ma Ortona come da copione comincia meglio la frazione: 0-2. Ma ecco che Benaglia suona subito la rimonta con un bel primo tempo: 4-2. Il pubblico del PalaBigi, bello numeroso che nonostante la festività di Pasqua ha risposto alla grandissima, applaude Morgese dopo un miracoloso salvataggio e si diverte. Allora i ragazzi, spronati e caricati dal tifo, decidono di regalare una grande prova. Tondo a muro domina e Dolfo si scatena ancora con la complicità di Cetrullo: 12-8. Il coach di Ortona, Lanci, chiama time-out, ma non sortisce l’effetto sperato. Tondo è una macchina da guerra e piazza il 14-9. Ancora Cetrullo e ancora Dolfo con un attacco pazzesco dalla seconda linea su servizio di uno straordinario Marchiani vanno a portare la Conad sul 16-12. Ortona però si avvicina sul 16-14, a meno 2. Ma Reggio allunga ancora sul 19-15. Ortona non demorde nel momento clou della gara e si porta ancora a meno 2: 19-17. Cantagalli tiene tutti sulla corda, chiama time-out e inserisce Tom D.P. per spaccare la partita. Ma gli abruzzesi sono sempre lì: 21-19. E addirittura dopo scambi incredibili, arriva ad impattare sul 21-21. Cantagalli richiama ancora i suoi in panchina e chiede un ultimo sforzo. E poi ci pensa Tom D.P.: 22-21. Di Meo dalla seconda linea pareggia ancora i conti, ma Tondo piazza il 23-22. Ed ecco il colpo del Kangaroo Killer: Tom D.P. mette a terra un ace supersonico e fa 24-22 venendo osannato dai tifosi che addirittura accompagnano la battuta successiva dell’australiano battendo le mani. Match ball. Cetrullo fa invasione prima di scaricare a terra la palla che fa esultare il PalaBigi, l’arbitro fischia e l’urlo si strozza in gola: il 24-23 diventa un pazzesco 24-24 e si va ai vantaggi. Cetrullo trova un mani fuori (di un niente) del muro avversario e poi Dolfo chiude pure questo set: 26-24. Una super vittoria per 3-0 che lancia la Conad nella storia e ai playoff da quinti in classifica.

Il tabellino

CONAD VOLLEY TRICOLORE REGGIO EMILIA  3
SIECO SERVICE IMPAVIDA ORTONA                     0
(25-21; 25-22; 26-24)

REGGIO: Benaglia 6, Cetrullo 19, Silva 4, Tondo 12, Marchiani, Dolfo 18; Tom D.P. 3, Kody. Libero: Morgese. Non entrati: Cargioli, Bonante, Bevilacqua e Scaltriti. Allenatore: Cantagalli
ORTONA: Fiore 7, Sesto 1, Paoletti 20, Di Meo 9, Simoni 2, A. Lanci; Guidone 2, Matricardi. Libero: Cortina. Non entrati: Borgogno, Orsini e Toscani (2° libero). Allenatore: Nunzio Lanci
Arbitri: Maurina Sessolo e Lorenzo Mattei
Note: spettatori 718. Dopo il primo servizio del match, è stato osservato un minuto di silenzio per le vittime degli attentati terroristici in Belgio.

PASQUA DI PASSIONE: LA CONAD ATTENDE ORTONA PER DIFENDERE IL 5° POSTO PLAYOFF

By | News | No Comments

PASQUA DI PASSIONE PER LA CONAD: DOMANI ALLE 18 L’ULTIMA GIORNATA DI CAMPIONATO CONTRO ORTONA. UNA SFIDA CHE VALE IL 5° POSTO E PLAYOFF SULLA CARTA PIU’ “TRANQUILLI”: BASTANO DUE PUNTI PER LA MATEMATICA
SILVA E CARGIOLI CARICANO I COMPAGNI: “NON FACCIAMO CALCOLI, VINCIAMO E NON SE NE PARLA PIU’. DOBBIAMO RITROVARE LA TESTA E LA MENTALITA’ VINCENTE IN VISTA DEI PLAYOFF”
ECCO TUTTE LE COMBINAZIONI POSSIBILI PER LA GRIGLIA PLAYOFF 

Ci vorrà la grinta di tutta la Conad contro Ortona per difendere il 5° posto

Ci vorrà la grinta di tutta la Conad contro Ortona per difendere il 5° posto

Una domenica di Pasqua di passione per la Conad che domani alle ore 18 al PalaBigi affronta, nell’ultima giornata di regular season di campionato di Serie A2 UnipolSai, la Sieco Service Ortona. Una partita fondamentale per il Volley Tricolore perché il risultato andrà a definire la posizione nella griglia playoff che la Conad ha già conquistato in anticipo tre giornate fa e quindi a determinare gli avversari. L’obiettivo è difendere il 5° posto attuale che garantirebbe agli uomini di coach Cantagalli di evitare le prime tre della classe e di giocarsi il passaggio alle semifinali playoff contro la 4a classificata.
Volley Tricolore che comunque vada festeggerà un risultato storico: mai è arrivata in A2 al termine della regular season più in alto dell’8° posto. E nella peggiore delle ipotesi, al termine della giornata di domani arriverebbe al 7° posto. Insomma, una stagione più che positiva, anche in virtù di una partenza falsa che però poi ha dato seguito a una cavalcata straordinaria risultando essere una delle squadre che ha guadagnato più punti nel girone di ritorno da incorniciare.

La Conad è al 5° posto a +2 dall’accoppiata Siena e Cantù che giocheranno contro proprio domani. Un incrocio che (con qualsiasi risultato) permette alla Conad di evitare a priori l’8° posto che avrebbe voluto dire giocare contro la prima classificata (Vibo Valentia o Sora che giocano contro domani in un big match da brividi), dunque la sfida almeno sulla carta col coefficiente di difficoltà maggiore. Ma se la Conad perdesse senza conquistare nemmeno un punto, potrebbe sprofondare al 7° posto e incontrare la 2a in classifica.
Insomma, l’unica cosa da fare è vincere conquistando almeno 2 punti (quindi anche al tie-break) che garantirebbero la conquista del 5° posto e di giocarsi la prima partita dei playoff contro la 4a: o contro Civita Castellana o contro Tuscania che battagliano per il 3° posto e anch’esse giocheranno contro domani.

Giulio Silva suona la carica ai suoi compagni coi proverbiali ruggiti

Giulio Silva suona la carica ai suoi compagni coi proverbiali ruggiti

Lo sa bene la banda Giulio Silva che sprona i compagni a portare a casa una vittoria a tutti i costi e con qualsiasi punteggio: “Cosa ci è successo nelle ultime partite? Abbiamo avuto una leggera flessione, ma che ci può anche stare. Ricordiamoci che abbiamo affrontato Civita e Sora che sono tra le squadre più forti del campionato e comunque contro i marchigiani abbiamo perso al tie-break. Certo, la sconfitta di Alessano è stata inaspettata, ma non abbiamo fatto drammi. Abbiamo riflettuto sugli errori e l’importante è ripartire. Domani arriva Ortona che non ha nulla da chiedere alla classifica e perciò non ha nulla da perdere; giocheranno liberi da ogni pressione e noi non dobbiamo pensare a fare i calcoli, ma vincere e basta. Solo così possiamo ritrovare quella serenità che si è un po’ intaccata con questi risultati negativi. Chi preferirei ai playoff? Civita e Tuscania sono entrambe forti, hanno punti di forza e punti deboli entrambe. Però forse fra le due sceglierei Tuscania perché l’anno scorso giocavo con loro e sono rimasto in ottimi rapporti sia con la società sia con la tifoseria, quindi mi piacerebbe incontrarli di nuovo. Se dovessimo arrivare settimi, meglio Vibo o Sora? Preferisco trovare una delle due in semifinale…”.

Il centrale Antonio Cargioli è alla prima stagione in serie A2 e il suo bilancio è più che positivo

Il centrale Antonio Cargioli è alla prima stagione in serie A2 e il suo bilancio è più che positivo

Anche il centrale Antonio Cargioli prova a scuotere la squadra e lancia la sfida per i playoff: “Sicuramente le ultime tre sconfitte non ci volevano, anche perché abbiamo perso la possibilità di puntare al 4° posto che ci avrebbe permesso di avere il vantaggio di giocare in casa il primo match, davanti al nostro splendido pubblico. Però ora dobbiamo concentrarci per mantenere il 5° posto. Secondo me il gioco non ci è mai mancato, la testa forse ci ha un po’ abbandonato e dobbiamo ritrovarla per i playoff. Chi preferisco affrontare? Abbiamo vinto contro la prima in classifica in campionato 3-0, quindi non ci spaventa nessuno. Sarebbe azzardato dire che arriveremo in finale, ma questo non vuol dire che non dobbiamo provarci, anzi…”.

ECCO TUTTE LE COMBINAZIONI POSSIBILI IN VISTA DEI PLAYOFF

Turno di domani delle qualificate ai playoff (le prime otto sono già tutte matematiche, da definire solamente la posizione in classifica):

Conad vs Ortona
Castellana Grotte vs Potenza Picena
Sora vs Vibo Valentia
Cantù vs Siena
Tuscania vs Civita Castellana

La classifica

Squadra – punti  – vinte –  q.zte set – q.zte punti 
1° Vibo V.          57            19            1,91                  1,10
2° Sora              55             20           2,00                1,11
3° Civita C.       48            15             1,30                1,02
4° Tuscania      47            17              1,56                 1,04
5° Reggio       41            13            1,04               0,98   
6° Siena            39             13             1,08                 1,04
7° Cantù           39             13              1,06                1,01
8° Potenza P.   38             12             1,00                 0,99

In caso di parità si guardano:
– il numero di incontri vinti
– in caso di ulteriore parità, il quoziente set
– in caso di ulteriore parità, il quoziente punti

La Conad si classifica al 5° posto se…

  • Vince con qualsiasi risultato (3-0, 3-1, 3-2) che faccia guadagnare 2 o 3 punti in classifica. Il 5° posto garantirebbe alla Conad di giocare contro la 4a in classifica: o Civita Castellana o Tuscania

La Conad si classifica al 6° posto se…

  • Perde contro Ortona coi risultati di 0-3 o 1-3, quindi senza guadagnare nemmeno un punto e se contemporaneamente la vincente di Siena-Cantù guadagna 3 punti e se contemporaneamente Potenza Picena guadagna vince 3-0 o 3-1 contro Castellana Grotte, ma il suo quoziente set o il quoziente punti è inferiore a quello della Conad (con cui invece il numero di vittorie, con questa combinazione, sarebbe pari 13 a 13), oppure se Potenza Picena guadagna solo 2 punti.
  • Se la Conad perde al tie-break 2-3 contro Ortona guadagnando un solo punto e la vincente fra Siena e Cantù guadagna 2 o 3 punti (in questo caso il numero di incontri vinti farebbe la differenza) e se contemporaneamente Potenza Picena guadagna solo 2 punti o se guadagna 3 punti, ma non ha il quoziente set migliore rispetto alla Conad o in caso di parità il quoziente punti (si guarderebbero i quozienti perché il numero di vittorie sarebbero 13 a 13 con questa combinazione)

La Conad si classifica al 7° posto se…

  • Perde contro Ortona coi risultati di 0-3 o 1-3, quindi senza guadagnare nemmeno un punto e se contemporaneamente la vincente di Siena-Cantù guadagna 2 o 3 punti (numero di vittorie 14-13 farebbe comunque la differenza) e se contemporaneamente Potenza Picena guadagna 3 punti contro Castellana Grotte, ma ha il quoziente set migliore della Conad (e in caso di parità di questo, se ha il quoziente punti migliore della Conad); si guarderebbero i quozienti perché il numero di vittorie sarebbero in parità con questa combinazione 13-13.

La Conad non può classificarsi all’8° posto, perché affrontandosi Cantù e Siena, a pari punto al 5° e 6° posto, la perdente con qualsiasi risultato resterebbe comunque dietro a Reggio Emilia

KODY E TOM D.P. DA RECORD, TRA CIFRE E COLPI DA ARTISTA…

By | News | No Comments

KODY E TOM D.P., I DUE STRANIERI DELLA CONAD CON CIFRE E NUMERI DA “ARTISTI” DELLA PALLAVOLO E NON SOLO… ECCO LE ARMI IN PIU’ DI COACH CANTAGALLI
IL CAMERUNENSE, VICINO AI 500 PUNTI IN A2, E’ POP QUANDO CANTA (PER DAVVERO), MA E’ ROCK QUANDO SCHIACCIA: I SUOI 36 PUNTI CONTRO BRESCIA DELLA 2A GIORNATA E’ LA SECONDA MIGLIOR PRESTAZIONE ASSOLUTA DEL CAMPIONATO; SOLO MICHALOVIC HA FATTO MEGLIO.
L’AUSTRALIANO INVECE E’ UNO SPIETATO KILLER NEI FINALI DI SET: QUANDO ENTRA E’ SEMPRE DECISIVO 

Tom D.P. e Kody si danno il "cinque" dopo un punto

Tom D.P. e Kody si danno il “cinque” dopo un punto

La Conad si appresta alla “battaglia” finale di regular season. Nell’ultima giornata di campionato di Serie A2 UnipolSai, domenica alle ore 18 al PalaBigi, riceverà Ortona. E sarà un match importantissimo ai fini della griglia playoff (che cominceranno domenica 3 aprile) che il Volley Tricolore ha guadagnato matematicamente con tre giornate di anticipo. Serviranno due punti per la certezza della conquista del 5° posto che permetterebbe agli uomini di coach Cantagalli di affrontare una tra Civita Castellana e Tuscania che si giocano il terzo posto e soprattutto eviterebbe il pericoloso incrocio, in caso di 7° posto (l’ottavo posto è già scongiurato aritmeticamente) con Sora o Vibo Valentia.

E dando uno sguardo alle cifre, Cantagalli ha due assi nella manica importanti e validi. Si tratta dei due stranieri del roster reggiano, Kody e Tom Douglas-Powell.

Il camerunense Kody in attacco ad Alessano domenica scorsa, dove ha siglato 29 punti, top scorer della partita e seconda miglior prestazione individuale in stagione per lui dopo i 36 contro Brescia all'andata. Al numero 10 mancano 12 punti per toccare quota 500

Il camerunense Kody in attacco ad Alessano domenica scorsa, dove ha siglato 29 punti, top scorer della partita e seconda miglior prestazione individuale in stagione per lui dopo i 36 contro Brescia all’andata. Al numero 10 mancano 12 punti per toccare quota 500

Il camerunense numero 10 è a quota 241 punti in stagione, a soli 12 punti dal traguardo dei 500 in A2 (sommando quelli della scorsa stagione). Aveva iniziato il campionato con prestazioni eccellenti, sorreggendo la fase realizzativa in un momento non proprio positivo di squadra, mettendo a segno 25 punti contro Siena (6a di andata), 20 contro Cantù (8a di andata), ma soprattutto i 36 registrati a referto contro Brescia nella 3a giornata di andata. Uno score che ancora tutt’oggi, a una giornata dal termine, è la seconda miglior prestazione assoluta individuale del campionato 2015-2016 (regular season). Meglio di lui ha fatto solo l’opposto di Vibo Peter Michalovic (37 punti nella 1a di ritorno). A ruota seguono Da Silva di Civita Castellana con 35 punti (5a di ritorno), Cisolla di Brescia con 35 punti (13a di andata), Mladen di Siena con 35 punti (11a di ritorno) e Mrdak di Tuscania con 34 (5a e 9a di ritorno). E se andassimo a prendere anche le statistiche della SuperLega – certo il coefficiente di difficoltà è diverso – meglio di Kody e Michalovic ha fatto solo il fenomeno di Molfetta, Hernandez Ramos con 39 punti, mentre anche Atanasjievic (Perugia) e Torres (Cmc Romagna) hanno fatto “solo” 33 punti.
Kody contro Sora alla 10a giornata di andata e contro Civita Castellana all’11a giornata di andata, ha messo a segno 22 e 20 punti, dando il via alla grande cavalcata della Conad dall’ultimo posto fino ai playoff odierni. Poi è partito per il Congo, dove ha giocato le qualificazioni alle Olimpiadi con la sua nazionale del Camerun con cui ha sfiorato il pass. Dopodiché al suo ritorno con Cetrullo titolare, Kody non ha più toccato la doppia cifra, ma è diventato un’arma importantissima a gara in corsa per Cantagalli, diventando spesso letale nei finali di set. Come contro Club Italia dove ha messo a segno 7 punti totali, segnando però quello decisivo dell’1-0 e portando Reggio con 3 punti sul 24-22 del 2° set poi vinto. Stessa cosa a Siena quando con 3 punti ha siglato prima il 23-21 nel 1° set e poi ha contribuito alla conquista del 2-0. Idem con Potenza Picena e Cantù: contro i marchigiani gli ultimi due punti finali sono valsi il 3° set, contro i canturini 3 punti importantissimi per conquistare il 2° set. Nell’impresa contro la capolista Vibo Valentia (3-0 per Reggio) poi ha siglato 9 punti, uno più bello dell’altro: il colpo del 25-24 nel 2° set poi vinto ai vantaggi e il 23-22 che portato successivamente al 3-0 finale. Ma soprattutto un colpo magico sul 2-0 nel 3° set quando con una schiacciata pazzesca ha incantato PalaBigi e pure SporTube che ha selezionato l’azione come una delle più belle del campionato, diffondendo il video in rete titolato “Siluro Galattico” (clicca qui per vederlo) che ha avuto una marea di “like” sui social. Proprio come le sue canzoni. Kody è un bravo e apprezzato cantante e si diverte nel tempo libero a duettare con star come Adele e la baby star inglese Jasmine Thompson grazie all’applicazione Smule, che permette di farlo. Non ci credete? Date un occhio, anzi un orecchio alla sua pagina facebook…
Per poi arrivare ai 29 punti di Alessano domenica scorsa dove è tornato titolare nella starting six; seconda prestazione stagionale individuale assoluta per lui e record dei 500 in A2 nel mirino: ne gliene mancano solamente 12 per un’assolo da rock n’ volley…

L'australiano Tom D.P. esulta ad Alessano dopo uno dei suoi 18 punti di domenica scorsa. Il "kangaroo-killer" è uno spietato realizzatore  nei finali di set

L’australiano Tom D.P. esulta ad Alessano dopo uno dei suoi 18 punti di domenica scorsa. Il “kangaroo-killer” è uno spietato realizzatore nei finali di set

Ma la vena artistica non manca per nulla pure a Thomas Ewen Douglas-Powell. L’australiano ha pure il “nome d’arte”, perché dietro la sua maglietta c’è scritto Tom D.P., così come sua sorella Emma Ishta, modella e attrice che è una star nella terra dei canguri.
Dopo una buona partenza di campionato dove è andato spesso in doppia cifra – 19 punti all’andata contro Castellana Grotte (suo top score personale in A2), poi 16 contro Mondovì, 12 contro Club Italia, 17 contro Siena e 14 contro Potenza Picena – ha accusato una lieve flessione dovuta un po’ a qualche problemino fisico e un po’ allo scotto dell’ambientamento in un campionato nuovo e non sempre facile. Ma dopo un po’ di “letargo”, ecco che Tom con la primavera comincia a saltare come un canguro, guadagnandosi in questi mesi l’appellativo di “kangaroo killer”. Perché? Perché Tom quando entra in campo è capace come pochi di entrare in partita subito con grande impatto ed è in grado di “ammazzare” il set in bilico. E le cifre lo dimostrano. Cantagalli lo sa e lo butta spesso sul palcoscenico nei finali di frazione. A Siena è entrato sul 18-16, siglando 4 punti che hanno portato alla conquista del 1° set e a fine gara sul referto scriverà 12 punti. A Cantù invece 2 punti col 100% in attacco coi colpi del ko sia nel 2° set sia nel 4° set decisivo per la vittoria di 3-1. Contro Vibo altri 4 punti, tra cui quello del 21-20 e quello del 23-23 nel 2° set che portò poi al 2-0 per Reggio. E ancora contro Civita il colpo del 23-21 nel 1° set. Ma il vero boom è stato contro Alessano, anche se purtroppo no è bastato a vincere: Tom stavolta è entrato al posto di Dolfo sul finale di primo set e poi non è più uscito, risultando poi il migliore insieme a Kody, con 18 punti (seconda prestazione individuale personale in stagione). Ma il come è stato impressionante: 3 ace consecutivi in battuta (uno dei suoi punti di forza) che hanno riportato Reggio sul 21-20, poi 4 punti sul finire di 2° set per l’1-1 temporaneo e 4 punti che hanno mandato la Conad in fuga sul 15-19 valso poi il 2-2 e il colpo del 17-17 nel tie-break che ha fatto però solo illudere il Volley Tricolore. Per lui in totale sono 155 i punti in stagione.
Insomma, due frecce importanti nell’arco di Cantagalli che può utilizzarli anche a partita in corso, sicuro che possono tirare fuori entrambi assoli di musica degni delle migliori star. Di quelle che fanno sognare stadi e palazzetti…

CANTAGALLI: “DOBBIAMO ESSERE TRANQUILLI E GIOCARE SENZA PRESSIONI”

By | News | No Comments

NULLA E’ PERDUTO: LA CONAD, GRAZIE AI RISULTATI DELLE INSEGUITRICI, MANTIENE IL 5° POSTO. MA DOMENICA CONTRO ORTONA SERVE ASSOLUTAMENTE UNA VITTORIA
COACH CANTAGALLI: “NON CAPISCO PERCHE’ IN QUESTE ULTIME PARTITE SIAMO ENTRATI IN CAMPO POCO SERENI. SIAMO SENZA PRESSIONI E DOVREMMO DIVERTIRCI E GIOCARE CON LA MENTE SGOMBRA. DOBBIAMO FARCI UN ESAME DI COSCIENZA IN VISTA DEI PLAYOFF” 

Luca Cantagalli prova a rasserenare la sua Conad in vista dei playoff

Luca Cantagalli prova a rasserenare la sua Conad in vista dei playoff

Niente drammi, ma ritrovare la serenità. È l’obiettivo che deve porsi la Conad che nonostante la sconfitta di Alessano, ha mantenuto comunque il 5° posto a una giornata dal termine della regular season. Quarto e terzo posto sono irraggiungibili, ma ora bisogna guardarsi alle spalle. Siena e Cantù, sconfitte rispettivamente da Mondovì e Civita Castellana sono a -2 dal Volley Tricolore. Mentre Potenza Picena, che è riuscita nella piccola impresa di strappare un punticino contro Sora, è ottava, è a -3 dai reggiani. Insomma, inseguitrici che possono tutte potenzialmente balzare davanti alla Conad, nell’ultima giornata di campionato.
Anche se al massimo la Conad potrebbe sprofondare al 7° posto, perché domenica Cantù e Siena si sfideranno e solo una delle due ovviamente potrà sperare nel sorpasso.
In caso di parità di punteggio in classifica, il primo criterio che si guarda è la casella delle vittorie: Reggio, Siena e Cantù sono a quota 13, Potenza Picena a 12. Ecco perché la Conad non può permettersi di perdere contro Ortona (che non ha più ambizioni essendo out dai playoff, ma che giustamente non regalerà nulla e la lezione di Alessano può servire in quest’ottica) domenica prossima; rischierebbe di essere scavalcata da una delle due inseguitrici, ma anche da Potenza Picena (in caso di parità di numero di vittorie, si guarderebbero il quoziente set e il quoziente punti).
Ma per evitare di ricorrere alla calcolatrice e soprattutto al rischio di trovare in griglia playoff Sora o Vibo Valentia o la terza in classifica, la Conad deve vincere. E guadagnare almeno due punti per avere la matematica certezza del 5° posto (che sarebbe un traguardo storico per la storia della Conad, mai arrivata così in alto) e dunque di trovare la 4a classificata agli spareggi.
Insomma, nulla è perduto. E alla fine, in virtù dei risultati delle rivali, anche il punticino conquistato ad Alessano fa brodo. Ma bisogna ritrovare l’atteggiamento, la grinta, ma allo stesso tempo la tranquillità di due settimane fa. E coach Luca Cantagalli lo sa bene e vuole rasserenare la squadra.

Ad Alessano doppia missione: tornare a vincere dopo due sconfitte consecutive e difendere il 5° posto in ottica playoff

Servirà una Conad unita contro Ortona domenica

“Davvero difficile fare un analisi di questa partita strana – ha detto il tecnico – Non è sicuramente un momento positivo e di serenità perché sbagliare 27 battute non ci capitava da inizio campionato. Tra cui otto solo nel tie-break. È evidente che non siamo in una situazione mentale tranquilla. E non non capisco perché. Abbiamo raggiunto gli obiettivi e volendo vedere il lato positivo, il punticino conquistato ad Alessano ci fa comodo in ottica playoff. Però ora dobbiamo ritrovare serenità e il nostro gioco. In questo momento la ricezione non ci sta aiutando ed è da qui che partono le nostre insicurezze, non riuscendo poi a sviluppare il gioco che abbiamo fatto negli ultimi mesi. Poi ultimamente ci sta capitando troppo spesso di non entrare in partita subito e questo aspetto sarà da correggere. Però credo che le motivazioni bisogna trovarle dentro di sé, soprattutto in vista dei playoff. E questo è un aspetto individuale, che va al di là di ciò che possa dire io, della tecnica e della tattica. Dobbiamo dare qualcosa in più ed essere sereni. E’ paradossale, ma prima che avevamo tanta pressione nel dover fare risultati, giocavamo bene; ora invece che dovremmo divertirci e affrontare partite più serenamente, non riusciamo a entrare in campo tranquilli con l’aggressività e la grinta giusta. Mi pongo la questione anche io e credo che tutti quanti dobbiamo farci un piccolo esame di coscienza. Domenica abbiamo Ortona e poi giocheremo i playoff. Nessuno ha mai detto che dobbiamo vincere il campionato, però sarebbe bello affrontare i playoff con lo spirito giusto, senza pressioni e dando il 100% sempre per provare a stupire e fare qualcosa d’importante. Ma questo deve essere nella testa di ognuno di noi, una motivazione che ciascuno deve trovare da solo”.

MEZZOGIORNO INDIGESTO AD ALESSANO: CONAD SCONFITTA AL TIE-BREAK

By | News | No Comments

LA CONAD ESCE SCONFITTA AL TIE BREAK DA ALESSANO. NON BASTANO I 29 PUNTI STRAORDINARI DI KODY E I 18 DI TOM D.P., UN CERNIC FORMATO NAZIONALE CASTIGA LA SQUADRA DI COACH CANTAGALLI. UN VOLLEY TRICOLORE POCO BRILLANTE E CHE RUGGISCE MENO RISPETTO A CIO’ CHE HA FATTO VEDERE FINO A DUE SETTIMANE FA.
E’ IL TERZO K.O. CONSECUTIVO E ORA IN CLASSIFICA IL 5° POSTO SCRICCHIOLA E INCOMBE L’INCUBO DI FINIRE OTTAVI IN GRIGLIA PLAYOFF 

Luca Cantagalli e Paolo Zambolin durante un timeout contro Alessano, provano a scuotere i ragazzi dopo il 2-1 di svantaggio. Ma purtroppo i salentini vinceranno al tie-break

Luca Cantagalli e Paolo Zambolin durante un timeout contro Alessano, provano a scuotere i ragazzi dopo il 2-1 di svantaggio. Ma purtroppo i salentini vinceranno al tie-break

Pazza Reggio. Non ci sono altri aggettivi per descriverla, se non quello stesso coniato dai giocatori stessi. Una brutta sconfitta ad Alessano, al tie-break conquistato dopo aver sempre inseguito. E non sono bastati i 29 punti di Kody (sua seconda miglior prestazione realizzativa stagionale, dopo i 36 contro Brescia all’andata – pure allora si finì al tie-break e pure allora Reggio uscì sconfitta) e i 18 di un indiavolato Tom D.P., entrato con un impatto pazzesco sul match. Dall’altra parte del campo rispetto alla Conad c’era chi aveva forse più fame, nonostante non avesse più ambizioni di classifica ma solamente la grande motivazione di regalare l’ultima gioia casalinga del campionato al suo pubblico. E tutto questo ha fatto la differenza, così come Matej Cernic (20 punti) in formato nazionale, uno da cui prendere esempio visti i suoi 38 anni suonati, ma con la voglia di un ragazzino, e l’opposto Jeliazkov (18 punti).
Un ko, il terzo consecutivo, che rischia fortemente di mettere a repentaglio la buona posizione conquistata finora con quella cavalcata straordinaria di cui si parlava fino a due settimane fa. E che potrebbe anche servire a poco in fatto di griglia playoff, perché il punto comunque portato via dal Salento nel lunch match di oggi porta Reggio a non essere per nulla tranquilla, con l’incubo dell’ottavo posto ad incombere. Il terzo (Tuscania a +6) e il quarto posto (Civita a +4) se già erano quasi impossibili da raggiungere, oggi sono aritmeticamente imprendibili. Ma la squadra di coach Cantagalli deve guardarsi alle spalle e se alla fine di questo penultimo turno di regular season si troverà ancora al 5° posto sarà un mezzo miracolo e anche “fortuna” perché Cantù (-2 da Reggio) affronta Civita, compito non facile, Siena (-2 dalla Conad) ha perso clamorosamente con Mondovì e Potenza Picena invece attende Sora, seconda della classe. Insomma, deve sperare che tutto resti così e poi però vincere domenica nel giorno di Pasqua contro Ortona al PalaBigi per evitare conti e quozienti per stabilire la griglia playoff. Ma soprattutto per evitare negli accoppiamenti le più forti e non vanificare quelle 11 vittorie in 12 gare…

Tom D.P. e Kody si danno il cinque dopo un punto. I 18 punti dell'australiano e i 29 del camerunense non sono bastati purtroppo a portare a casa una vittoria

Tom D.P. e Kody festeggiano dopo un attacco vincente. I 18 punti dell’australiano e i 29 del camerunense non sono bastati purtroppo a portare a casa una vittoria

Il primo punto del match lo mette giù la Conad, ma non è per niente il “sintomo” di una passeggiata a casa di Alessano che nonostante non abbia più ambizioni di classifica non molla nulla e vuole regalare l’ultima gioia casalinga stagionale al suo pubblico. E infatti si comincia a combattere punto a punto fino al 5-5. Ma proprio quando il muro reggiano domina con Tondo-Benaglia-Kody (il camerunense ritorna da titolare, partendo nella “starting six” dopo tre mesi in cui Cetrullo aveva sempre iniziato nel sestetto), ecco che le certezze si sgretolano. I padroni di casa cominciano a diventare arrembanti e prima si portano sul 7-5 e poi allungano sul 10-7 e ancora sul 12-8. Kody prova a rispondere e a restare in scia, ma non ha grande collaborazione in fatto di realizzazione: Dolfo non sembra in palla (solo un punto per lui) e dall’altra parte invece l’opposto bulgaro Jeliazkov e Matej Cernic cominciano a divertirsi portando l’Aurispa sui parziali di 15-12, 18-13 e poi 20-14. Quattro ace subìti da parte del Volley Tricolore nel primo set, che soffre troppo in ricezione, mette coach Cantagalli nella condizione di correre subito ai ripari: fuori Dolfo e dentro il “killer kangaroo” Tom D.P., che ha la straordinaria qualità di entrare subito con grande impatto nel match. E l’australiano non si fa pregare: spara tre siluri dalla battuta, tutti a bersaglio e la Conad torna sotto fino al 21-20. Kody segna il suo 7° punto nel primo set ed è 22-21. Alessano resta sempre sopra di uno con la maestria dell’esperto palleggiatore brasiliano Lamb (arrivato a gennaio) che si guadagna almeno due set point: 24-21. Kody ne annulla uno, ma poi la chiude Jeliazkov: 25-22 e 1-0 per i salentini.

La Conad è scossa da questa energia pazzesca dei pugliesi e Cantagalli suona la sveglia ai suoi, a cui chiede di cominciare a fare sul serio. Il capitano Alessandro Tondo, che ha tanta voglia di far vedere cosa sa fare alla sua terra natìa, suona la riscossa e segna il primo punto del secondo set. Ecco finalmente il Tondo che conosciamo. Cernic e Jeliazkov per dimostrano che oggi è la loro giornata e portano ancora sopra Alessano: 6-4. Kody comincia a martellare, Silva a ruggire e Tondo a bombardare con due ace: 9-12 per Reggio. Cernic però sembra indiavolato come ai livelli della nazionale e riporta prima sull’11-12 i suoi e poi assieme a Piscopo che scalda la mano ecco il sorpasso: 15-14. Da qui si battaglia sul filo dell’equilibrio, con Kody e Benaglia che salgono in cattedra: il camerunense poi centra un bell’ace ed è 16-18. Ma Bolla e ancora Cernic con un ace rispondono: 18-18. Silva riporta sopra Reggio che vuole pareggiare i conti e capitan Tondo erge un muro imperforabile per poi andare a segno con uno dei suoi ace a cui ci ha abituato: 19-21. I finali di set sono roba per “animali dominanti” e così il canguro Tom (9 punti per lui sul referto di fine secondo set) e il leone Silva confezionano il 20-23. Alessano deve forzare se vuole recuperare e sbaglia qualcosa: 22-25 e 1-1!

Per il nostro Kody è la seconda miglior prestazione stagionale dopo i 36 punti siglati contro Brescia nella 2a giornata di campionato. Ma anche allora non bastarono con la Conad che uscì sconfitta al tie-break

Per il nostro Kody è la seconda miglior prestazione stagionale dopo i 36 punti siglati contro Brescia nella 2a giornata di campionato. Ma anche allora non bastarono con la Conad che uscì sconfitta al tie-break

Nel terzo set Cantagalli inizia con Cetrullo al posto di Kody nel ruolo di opposto, mantenendo però sempre Tom D.P. che sembra piuttosto in forma. E l’abruzzese numero uno va subito a segno, aprendo la frazione. Ma Alessano, se ancora Reggio non l’avesse capita, la vuol vincere e centra un break spaventoso: 7-1, con Cernic, Jeliazkov e Piscopo sugli scudi. Cetrullo e Benaglia reagiscono portando la Conad a -3: 8-6. Benaglia poi con un ace sale in cattedra e accorcia il gap a una lunghezza: 9-8. Poi però si spegne la luce giallorossa. E se Cernic stacca un attimo la spina, ci pensano Jeliazkov e Torsello che mandano l’Aurispa in fuga: 14-8 e successivamente 18-10. La reazione del Volley Tricolore è troppo timida e il 20-13 induce Cantagalli a inserire immediatamente Kody; il camerunense prova il miracolo, mettendo giù 3 punti consecutivi, ma è troppo tardi. Cernic torna protagonista e il terzo set si chiude senza storia: 25-16 e 2-1.

Il quarto set è l’ultima chance per Reggio di poter almeno ambire a conquistare tie-break e due punti. Ma il primo punto lo mette a terra ancora Cernic (14° per lui fino a qui), poi Tondo e l’australiano Douglas-Powell, tra i più in forma della Conad, provano a indirizzarla sui binari giusti: 2-3. Kody, Benaglia e Silva prendono in mano le redini e assieme portano prima il parziale sul 5-8, poi tentano di imbastire la fuga: 7-12 e 10-15. Alessano non molla e Jeliazkov ne ha ancora: 13-16. Silva e Tom D.P. mettono la marcia più alta (15-19), Kody segna il suo 18° punto personale ed è 16-20. Un +4 che però si dimezza presto, con Jeliazkov e Cernic che proprio non ci stanno: 18-20.
Allora Kody riprova l’allungo decisivo: 18-23, ma ancora l’ex azzurro Cernic riavvicina Alessano a Reggio: 20-23. Ma il Black Mamba della Conad guadagna almeno tre set ball: 20-24. Benaglia spreca il primo, ma non il secondo e il Pirata porta a casa il 21-25 e il 2-2! Si va al tie-break!

L'australiano Tom D.P. è entrato con un grandissimo impatto sul match: qui esulta assieme a capitan Alessandro Tondo  che ha messo a segno 13 punti nella terra salentina dov'è nato: per lui è stato un ritorno a casa amaro però

L’australiano Tom D.P. è entrato con un grandissimo impatto sul match: qui esulta assieme a capitan Alessandro Tondo che ha messo a segno 13 punti nella terra salentina dov’è nato; per lui però è stato un ritorno a casa amaro vista la sconfitta maturata

Ci si gioca tutto ai 15. La Conad riesce sempre e comunque, nel bene e nel male, a regalare emozioni forti e match al cardiopalma. Dopo la vittoria del 4° set, la logica vorrebbe che l’inerzia propendesse per Reggio, invece no. Alessano parte meglio e si porta prima sul 2-1 e poi sul 5-3. Ma Tom D.P. e capitan Tondo tengono accese le speranze e agguantano il 5-5. Cernic però continua ad essere ispiratissimo e allunga sull’8-6 per i salentini. Ma la premiata ditta afro-australiana Kody&Douglas-Powell confezionano il break del sorpasso: 8-9. Emozioni a non finire: Alessano ribalta tutto e si porta sull’11-10. Kody non ci sta e spara il suo 26° punto sul parquet: 11-11. Jeliazkov e Torsello controsorpassano ancora ed è 13-12. Kody però entra in trance agonistica e in versione 007, combatte contro tutto e tutti: pareggia il 13-13 e poi agguanta pure il 14-14 dopo il vantaggio momentaneo di Piscopo. Si va ai vantaggi. Ora diventa una battaglia di nervi e soprattutto un duello a distanza tra Cernic che segna il 15-14 e Kody che pareggia sul 15-15. Poi arriva qualche errore, soprattutto al servizio, da ambedue le parti. Alessano si porta sul 17-16, ma Tom D.P. (18 ottimi punti per lui sullo score) segna il 17-17. Poi però ancora un errore, ma soprattutto ancora Matej Cernic, intramontabile talento a 38 anni, la va a chiudere sul 19-17 col suo 20° punto e regala ad Alessano la vittoria per 3-2.

Il tabellino

AURISPA ALESSANO                                                        3
CONAD VOLLEY TRICOLORE REGGIO EMILIA    2
(25-22; 22-25; 25-16; 21-25; 19-17)

ALESSANO: Bolla 2, Torsello 10, Lamb 3, Cernic 20, Piscopo 12, Jeliazkov 18; Marzo 3, Piazza 2, Pellegrino. Liberi: Russo e Bisanti. Non entrato: Muccio. Allenatore: Livio Bramato
REGGIO: Dolfo 1, Benaglia 10, Kody 29, Silva 8, Tondo 13, Marchiani; Cetrullo 3, Bonante, Scaltriti, Tom D.P. 18. Libero: Morgese. Non entrati: Cargioli e Bevilacqua. Allenatore: Cantagalli
Arbitri: Curto e Vecchione

LA CONAD AD ALESSANO PER RITORNARE A VINCERE

By | News | No Comments

LA CONAD DI SCENA DOMANI A MEZZOGIORNO NELLA TANA DI ALESSANO. L’OBIETTIVO E’ RISCATTARSI DOPO LE DUE SCONFITTE CONSECUTIVE IL VICE ALLENATORE PAOLO ZAMBOLIN: “NON DOBBIAMO ESSERE COME QUEI PUGILI CHE DOPO AVER SFERRATO DIVERSI COLPI VINCENTI, ABBASSANO LA GUARDIA. NON CI REGALA NIENTE NESSUNO E STIAMO ATTENTI, PERCHE’ L’OTTAVO POSTO DISTA SOLO A TRE PUNTI, BASTA UNO SCIVOLONE…”.
LA BANDA ALESSANDRO BEVILACQUA CARICO: “VOGLIAMO CONQUISTARE 6 PUNTI NELLE PROSSIME DUE GARE E CONSOLIDARE ALMENO IL 5° POSTO PER ARRIVARE A GIOCARCI I PLAYOFF IN UNA BUONA POSIZIONE”. 

Ad Alessano doppia missione: tornare a vincere dopo due sconfitte consecutive e difendere il 5° posto in ottica playoff

Ad Alessano doppia missione: tornare a vincere dopo due sconfitte consecutive e difendere il 5° posto in ottica playoff

Ultima trasferta della regular season per la Conad. Uno dei viaggi più lunghi e tra i più affascinanti del campionato nel meraviglioso Salento. Ma non bisogna farsi ammaliare dalle bellezze pugliesi e nemmeno specchiarsi nel mare, metafora di quel pizzico di presunzione che ha caratterizzato il Volley Tricolore nelle ultime due uscite, forse troppo sicura dopo la serie impressionante di 11 vittorie in 12 gare. Due sconfitte, una a Sora senza aver praticamente giocato e una in casa, domenica scorsa, contro Civita Castellana al tie-break dopo essere stati raggiunti per due volte con l’incapacità di chiudere il match quando era ora.

Insomma, due débâcle che non sono piaciute a coach Cantagalli che vuole un pronto riscatto. A partire da domani dove il menu del 24° turno di Serie A2 UnipolSai, penultimo di campionato, comincia proprio con la Conad a mezzogiorno (diretta streaming ore 12 su SporTube) che affronta l’Aurispa Alessano, fanalino di coda in classifica e senza più ambizioni, ma che di sicuro proverà sia a chiudere in bellezza l’ultima partita in casa, ma soprattutto a cercare di terminare la regular season non all’ultimo posto.

Ma oltre al riscatto in sé, per la Conad invece è una partita fondamentale per la graduatoria. Sì, perché il 5° posto che occupano i giallorossi è tutto da difendere. Se l’aggancio al 4° (Tuscania a +4) e al 3° (Civita Castellana a +5), sono missioni piuttosto proibitive, bisogna invece guardarsi alle spalle dove Cantù a -1, Siena a -2 e Potenza Picena a -3 premono e possono in un amen far cascare i reggiani in caso di passi falsi all’ottavo posto che significherebbe sfidare la prima della classe nella griglia playoff, vanificando pure così la cavalcata da record che aveva portato a sognare addirittura il terzo posto.

Luca Cantagalli assieme al suo vice Paolo Zambolin

Luca Cantagalli assieme al suo vice Paolo Zambolin

Incubi però che si scacciano solo andando a vincere domani ad Alessano. Ecco perché Cantagalli ha “tirato le orecchie” alla squadra in settimana. Ed ecco perché anche il suo vice Paolo Zambolin, tiene alta l’attenzione su questo match. “Cosa ci ha portato a perdere queste due partite? La stanchezza no. Abbiamo giocato anche 5 partite in 15 giorni, vincendole e allora non dicevamo di essere stanchi. Credo ci sia stata un po’ di presunzione. Siamo stati come quei pugili che prendono tanti pugni e non vanno a terra, poi magari riescono a darne qualcuno vincente ed ecco che abbassano la guardia e tornano indietro ganci che fanno male. Siamo stati semplicemente questi. E dobbiamo capire che non possiamo abbassare la guardia e che nessuno ci regala niente; non è che se vinciamo 11 partite su 12, le altre arrivano di conseguenza, ma dobbiamo sudarcele. L’importante ora è fare 6 punti nelle prossime ultime due partite, l’obiettivo minimo è quello di arrivare quinti. Ad Alessano non sarà facile, complice anche l’orario di mezzogiorno che crea sempre qualche sfasamento, ma anche perché loro giocano l’ultima partita in casa e vogliono congedarsi dal loro pubblico con una vittoria. Playoff? Vedremo dove ci piazzeremo, anche se penso che tutto si azzera e che parta un torneo a sé”.

E la banda classe ’94, Alessandro Bevilacqua non vede l’ora di giocare i playoff, anche se chiede alla squadra di essere concentrata sulle ultime due gare di regular season. “Il morale negli spogliatoi è buono, siamo tutti abbastanza sereni. La scorsa settimana è stata difficile perché abbiamo giocato due partite ravvicinate con due squadre toste, però dobbiamo ritrovare lo spirito giusto ad Alessano. Servono tre punti che sono fondamentali per la nostra posizione di classifica in virtù dei playoff. Dove possiamo arrivare? Credo che sia un campionato a parte, dove tutto può succedere. Ed è la fase più bella che un pallavolista possa giocare, non vediamo l’ora e sono sicuro che saremo tutti all’altezza. Però dobbiamo pensare alle ultime due gare ora. Dobbiamo centrare 6 punti e dare il massimo, perché dietro di noi le tre rivali viaggiano molto forte e vogliono strapparci il quinto posto. Dobbiamo giocare sempre aggressivi”.

Ad Alessano ci sarà bisogno anche della freschezza esplosiva di Alessandro Bevilacqua

Ad Alessano ci sarà bisogno anche della freschezza esplosiva di Alessandro Bevilacqua

E la tradizione è comunque favorevole alla Conad. Nei precedenti contro Alessano in serie A2, Reggio è avanti per 2 confronti a uno. Oltre alla vittoria dell’andata al PalaBigi per 3-2, il Volley Tricolore nella scorsa stagione 2014-2015 espugnò il fortino pugliese vincendo per 3-1. E domani vuole cercare il bis anche con l’aiuto di Ludovico Dolfo a cui mancano 10 punti per arrivare a toccare i 200 stagionali.

“SPONSOR IN PANCHINA, CHE SUCCESSO”

By | News | No Comments

L’INIZIATIVA “SPONSOR IN PANCHINA” CONTINUA A RISCUOTERE SUCCESSO
MATTEO CUGINI, PRESIDENTE DI REGGIANA GOURMET, OSPITE DOMENICA SCORSA AL PALABIGI: “UN’ESPERIENZA DAVVERO COINVOLGENTE. MI HA COLPITO L’ATTENZIONE PER I DETTAGLI CURATI DALLO STAFF TECNICO”  

Matteo Cugini, presidente di Reggiana Gourmet, dietro a Luca Cantagalli e di fianco al dottor Massimo Pantaleoni, medico della squadra, durante il match contro Civita Castellana

Matteo Cugini, presidente di Reggiana Gourmet, dietro a Luca Cantagalli e di fianco al dottor Massimo Pantaleoni, medico della squadra, durante il match contro Civita Castellana

Continua a piacere moltissimo l’iniziativa ideata dalla Legavolley “L’Ospite in Panchina”, che permette appunto di far vivere direttamente a pochi passi dal campo di gioco un’esperienza a una persona che proviene da fuori.
E il Volley Tricolore ha pensato di dedicarlo soprattutto agli sponsor che fanno parte del nostro pool. Un po’ per dare l’opportunità di una bella esperienza a chi ci aiuta, ma soprattutto perché il concetto della società è quello di far sentire tutti quanti come fossero all’interno di un’unica e grande famiglia.

Domenica scorsa, in panchina, ad assistere al match contro Civita Castellana, c’era Matteo Cugini, presidente di Reggiana Gourmet, azienda leader per quanto riguarda la produzione di pasta fresca e prodotti della tradizione emiliana distribuiti nei grandi supermercati e non solo.
E come tutti coloro che si sono seduti in panchina, sono rimasti folgorati in positivo dall’esperienza.
«A parte il risultato che non è stato positivo – ha detto – è stata un’esperienza molto coinvolgente e interessante sotto tanti punti di vista. Essere così vicino al campo permette di capire gran parte dei meccanismi di una partita. Cosa mi ha colpito di più? L’attenzione ai dettagli che c’è attorno a una partita. Soprattutto la cura da parte dello staff. Non credevo che addirittura si contasse quante volte un avversario schiaccia in una determinata zona di campo per poi adottare le contromisure difensive. Sono rimasto piacevolmente sbalordito. Mi ha fatto davvero piacere anche perché sono cresciuto guardando la pallavolo e la mitica Santal, perciò è uno sport che mi ha sempre intrigato. E poi essere seduto per un giorno al fianco di Luca Cantagalli che è stato un giocatore tra i più rappresentativi a livello nazionale, è stato emozionante».

Intanto la squadra sta procedendo la preparazione verso l’impegno di domenica in trasferta ad Alessano, dove giocherà a mezzogiorno per la penultima giornata di regular season. Poi l’ultima in casa il giorno di Pasqua (domenica 27 alle ore 18) contro Ortona. E dopo saranno playoff, già guadagnati con tre giornate d’anticipo da parte del Volley Tricolore.

COACH CANTAGALLI INDICA LA ROTTA: “DOBBIAMO RITORNARE UMILI”

By | News | No Comments

PLAYOFF GUADAGNATI, MA CANTAGALLI NON SI ACCONTENTA E LANCIA IL MONITO AI SUOI: “LA SCONFITTA CON CIVITA NON MI E’ PIACIUTA, POTEVAMO VINCERLA. NON CI ABBIAMO MESSO IL CUORE E STIAMO DIVENTANDO UN PO’ PRESUNTUOSI. CI FANNO MEGLIO LE CRITICHE CHE GLI ELOGI. RIVOGLIO QUELLA SQUADRA UMILE DI UNA SETTIMANA FA”
MARCHIANI E MORGESE DELUSI: “L’UNICA COSA POSITIVA E’ IL PUNTO CHE CI REGALA LA CERTEZZA DEI PLAYOFF. ORA DOBBIAMO RIMETTERCI IN SESTO PER ALESSANO E FARE TESORO DEGLI ERRORI COMMESSI CONTRO CIVITA” 

Luca Cantagalli "tira" le orecchie alla sua squadra

Luca Cantagalli “tira” le orecchie alla sua squadra dopo la sconfitta contro Civita Castellana

La sconfitta contro Civita Castellana al tie-break non è piaciuta al coach Luca Cantagalli che tira le orecchie alla sua Conad. Un modo per richiamare all’ordine i ragazzi ed evitare il rischio di “sedersi sugli allori” dopo la cavalcata di grandi vittorie e la conquista dei playoff arrivata matematicamente proprio ieri. Insomma, Cantagalli è sempre stato abituato a vincere nella sua carriera da giocatore e la fame non gli manca pure in veste da allenatore. E così arriva la strigliata. “Abbiamo lasciato andare questa partita – dice il tecnico – che paradossalmente nonostante siamo stati in vantaggio due volte, non abbiamo mai avuto in mano; abbiamo sempre rincorso con grande difficoltà in ricezione anche sui palloni facili, con tanti errori in attacco che hanno compromesso il risultato. Ma soprattutto abbiamo giocato con poco cuore e con poco entusiasmo. E questo atteggiamento non mi piace, non è ciò che voglio vedere dalla mia squadra. Al di là delle grande prestazioni fatte finora, la tanta fatica fatta per arrivare qui, ora non dobbiamo mollare o trovare alibi come “perché siamo stanchi o perché non ci siamo allenati tanto. Non voglio essere catastrofico, ma critico. Perché di critiche ne abbiamo bisogno, a partire da me sia chiaro. Abbiamo ricevuto solo elogi in questo periodo, ma evidentemente vedo che ci fanno male perché siamo diventati presuntuosi. Parliamo e parliamo, ma in campo facciamo poco e questo è lo specchio della partita con Civita Castellana. Potevamo vincerla questa partita che era assolutamente nelle nostre corde, ma non abbiamo voluto. Non abbiamo dato tutto, è mancato il cuore. Questo non mi piace e dobbiamo subito invertire la rotta”.
Domenica c’è la penultima giornata di campionato ad Alessano (Lecce) dove la Conad giocherà l’anticipo alle 12. E Cantagalli vuole subito il riscatto: “Avremo una settimana per prepararla. Ripeto, non sono catastrofico perché ci sono anche cose positive, ma se andiamo ad Alessano con l’atteggiamento di chi si accontenta di ciò che abbiamo fatto finora e dei playoff raggiunti, rischiamo di andare in difficoltà. Dobbiamo capire che ora abbiamo la parte più bella del campionato. Tra poco inizieranno i playoff e dobbiamo giocare con l’entusiasmo di chi vuole provare a fare qualcosa di importante”.

Il palleggiatore Manuele Marchiani invita i compagni a reagire subito a partire da domenica prossima ad Alessano

Il palleggiatore Manuele Marchiani invita i compagni a reagire subito a partire da domenica prossima ad Alessano

E sui volti dei giocatori c’è delusione. A partire dal palleggiatore Manuele Marchiani: “Forse abbiamo accusato un po’ di tensione. Ma comunque loro sono una bella squadra che costringe all’errore e poi hanno un opposto di categoria superiore (Da Silva, 33 punti ieri). Forse con qualche errore in meno saremmo riusciti a portarla a casa questa partita. Consoliamoci col punto che vale i playoff e comunque aver conquistato 4 punti in 3 gare con le prime in classifica non era facile. Ci siamo allenati poco e la stanchezza si è vista negli ultimi set. Ora però vogliamo ripartire a vincere contro Alessano. Sarà una lunga trasferta e per loro sarà l’ultima partita in casa della stagione e daranno l’anima. Noi vogliamo fare punti per arrivare al meglio ai playoff. Sarà una battaglia”.

Anche il libero Davide Morgese non è per nulla soddisfatto e invita i compagni a reagire.

Domenica ci sarà bisogno del miglior Davide Morgese per tornare a vincere

Domenica ci sarà bisogno del miglior Davide Morgese per tornare a vincere

“E’ stata una partita strana e allo stesso tempo spettacolare. Non siamo riusciti a imporre il nostro gioco e abbiamo avuto parecchi blackout nei fondamentali. Poi bisogna fare i complimenti a loro e soprattutto un opposto così ce l’hanno in pochi. L’unica cosa positiva, se vogliamo prendere ciò che di buono abbiamo fatto in questa gara, è il punto che ci permette di avere la certezza che disputeremo i playoff. Però dobbiamo fare tesoro di questa sconfitta: abbiamo subito troppi punti, un po’ po per la stanchezza che ci ha portato ad essere meno lucidi, ma soprattutto perché non abbiamo dato quel qualcosa in più. E dobbiamo farlo già dalla prossima gara ad Alessano domenica”.

LA CONAD SI ARRENDE AL TIE-BREAK CON CIVITA, MA SI PUO’ SORRIDERE: ORA I PLAYOFF SONO CERTI

By | News | No Comments

LA CONAD SI ARRENDE AL TIE-BREAK CONTRO CIVITA CASTELLANA CHE VINCE IN RIMONTA DOPO ESSERE STATA SOTTO DUE VOLTE. NON BASTANO I 18 PUNTI DI CETRULLO, I 17 DI TONDO E I 15 DI DOLFO, DALL’ALTRA PARTE C’ERA UNO STRATOSFERICO DA SILVA CHE SEGNA 33 PUNTI. 
MA NIENTE LACRIME: IL VOLLEY TRICOLORE GUADAGNA IL PUNTO NECESSARIO PER DISPUTARE I PLAYOFF! MISSIONE COMPIUTA PER COACH CANTAGALLI 

Luca Cantagalli consola Alessandro Tondo dopo la sconfitta sfuggita per un soffio contro Civita: i 17 punti e una prestazione maiuscola del capitano non sono bastati purtroppo

Luca Cantagalli consola Alessandro Tondo dopo la sconfitta sfuggita per un soffio contro Civita: i 17 punti e una prestazione maiuscola del capitano non sono bastati purtroppo

La Conad si arrende a Civita Castellana al tie-break dopo una battaglia durata due ore al PalaBigi. Uno spettacolo di due ore che ha deliziato il pubblico. Perché queste due squadre “se le sono date di santa ragione”, provocando emozioni fortissime. Come quelle del terzo set, al cardiopalma e inadatto ai deboli di cuore, finito 33-31 dopo quasi 40 minuti di batti e ribatti. Ha ragione Davide Benaglia quando dice che questa è una “squadra pazza”. In vantaggio per due volte ai set durante il match, la Conad subisce la rimonta dei viterbesi e poi al tie-break, con qualche pizzico di sfortuna e un Da Silva devastante che dalla parte ospite ha fatto il fenomeno stasera (33 punti a referto per lui). Ma le grandi prestazioni di Cetrullo (18 punti), di capitan Tondo (17) e di Dolfo (15) non sono per niente inutili. Anzi. Perché la Conad andando al tie-break ha guadagnato quel punto in classifica che serviva per centrare la missione playoff che ora finalmente sono aritmetici. Insomma, non c’è da disperarsi affatto, perché ha la certezza di far parte dell’élite delle fantastiche otto che si giocheranno la promozione in SuperLega, con tre turni d’anticipo. Certo, ora bisogna fare più punti possibili nelle prossime giornate per tentare la scalata a qualche altra posizione di classifica: ora la Conad è quinta da sola, grazie alla sconfitta di Cantù. Anche se Tuscania (+4) e Civita (+5) al quarto e terzo posto si allontanano. E pazienza se il record di vittorie casalinghe si è fermato a 7 e pazienza pure se le sconfitte di file ora sono due, interrompendo il magic moment. Perché stasera e in queste settimane, Cantagalli ha avuto la consapevolezza di potersela giocare con le prime tre della classe. E i playoff saranno un campionato a parte… E poi, se lo spettacolo che la squadra offre al pubblico è questo, nello sport si vince sempre.

Iniziano meglio gli ospiti, mettendosi avanti sullo 0-2 e poi sul 1-3. Ma arrivano i primi squilli della Conad che va ad impattare sul 5-5 con un grande Tondo prima con un attacco a rete, poi con un potentissimo ace. Civita Castellana torna avanti e si porta sul massimo vantaggio di +3: 7-10, ma Reggio pian piano rosicchia il gap con Dolfo e Benaglia. E dopo aver nuovamente agguantato il pari, Cetrullo porta in vantaggio per la prima volta il Volley Tricolore: 12-10 e il coach dei viterbesi Spanakis è costretto a chiamare timeout. Bell’avvio di gara al PalaBigi ben popolato dai tifosi oggi. Si scatena Cetrullo con un fendente che trafigge la difesa di Civita ed è 15-12, +3 per la Conad. Tornano sotto i laziali a -1, poi Silva pesca il jolly dopo un recupero difficoltoso su un attacco ospite e poi Dolfo allunga ancora sul +2: 17-15, fase cruciale del primo set. E ancora Dolfo con un gran servizio accompagna la Conad verso la conquista della prima frazione: 20-17. Coach Cantagalli inserisce il “kangaroo killer” Tom D.P. al posto di Silva: l’australiano spesso e volentieri infatti decide i finali di set. Tondo, assoluto dominatore a rete, con un primo tempo pazzesco mette giù il 22-19 e dà l’illusione che l’1-0 sia vicino, ma due errori di Cetrullo riportano tutto ancora in discussione: 22-21. E poi ecco il canguro Douglas-Powell che segna il 23-21 e poi con una sua schiacciata bolide, permette a Dolfo di guadagnare il primo set ball. Da Silva sul contrattacco sbaglia e la Conad va sull’1-0!

Leano Cetrullo ha messo a segno 18 punti che hanno comunque contribuito a guadagnare il punto in classifica valido per la qualificazione ai playoff per la Conad

Leano Cetrullo ha messo a segno 18 punti che hanno comunque contribuito a guadagnare il punto in classifica valido per la qualificazione ai playoff per la Conad

Parte meglio la Conad nel secondo set con un bel 2-0, ma Civita reagisce subito con un break che porta il parziale sul 2-4, grazie a un ace e alle battute insidiose di Puliti. Reggio però non molla e torna sotto, prima con Cetrullo e poi con Dolfo: si gioca punto a punto ed è 6-7 per i laziali. Che però centrano un buon break e si piazzano sul 7-10. Per poi allungare ancora: 7-12, momento di difficoltà per la Conad e Cantagalli chiama il timeout. E la riscossa al ritorno sul parquet la suona, anzi la ruggisce, Giulio Silva che spezza il trend negativo: 8-12. Ma è solo un piccolo passo che però non trova continuità: Civita va a segno altre due volte (8-14) e Cantagalli richiama ancora i suoi in panchina per dare la carica, la stessa che Tondo scarica a terra prima col 9-14 e poi il 10-14 con un muro impressionante. Non si passa dalle parti del capitano. La Conad arriva fino al -3 sul 12-15, ma Civita non molla di un centimetro e viaggia a forza di mini break e soprattutto grazie ai colpi dell’opposto brasiliano Da Silva, il miglior realizzatore del campionato, sul 15-20. Si fa durissima per Reggio e coach Cantagalli prova il tutto per tutto inserendo Bevilacqua per Silva in banda. Accorcia lo svantaggio più che può la Conad, arrivando al 18-22, ma i viterbesi pian piano guadagnano ben cinque set ball: 19-24. Reggio ne neutralizza una, ma poi Tondo sbaglia il servizio e Civita Castellana pareggia: 1-1.

Terzo set molto equilibrato in avvio, si gioca palla su palla: 3-3, con la Conad rientrata col piglio di chi vuole tornare immediatamente in vantaggio ai set. L’equilibrio regna sempre sovrano, con Tondo e l’opposto carioca di Civita, Da Silva sugli scudi: 8-8. Poi salgono in cattedra Cetrullo e Dolfo: 10-8, +2 per Reggio. Civita impatta sull’11-11, ma la Conad mette sempre un piedino avanti: 12-11 e coach Cantagalli potenzia la ricezione inserendo Scaltriti per Dolfo, con la missione di contenere gli attacchi di Da Silva. Gli effetti sono quelli sperati e il Volley Tricolore allunga sul +3: 14-11. Un margine che aumenta nel momento cruciale: 19-15. Civita però torna sotto a -1: 20-19, frazione apertissima. Dolfo con uno straordinario attacco dalla seconda linea riporta a +2 Reggio (21-19) e Cantagalli come da copione manda dentro il kangaroo killer Douglas-Powell. I laziali tornano a meno uno, ma fortunatamente per Reggio non riescono mai a sferrare il colpo per agguantare il pareggio forzando e sbagliando il servizio e la Conad dopo un miracoloso doppio salvataggio Morgese-Marchiani e un altro muro pazzesco di Tondo va sul 23-21. Civita si riporta a -1, Cantagalli chiama timeout e Cetrullo si guadagna almeno due set ball: 24-22. Clamorosamente annullati entrambi con una cannonata di Da Silva in battuta. Si va ai vantaggi. Ora vince chi tira fuori gli attributi. Civita impatta ancora, ma Dolfo riporta i suoi al set ball, ma sempre Da Silva lo neutralizza. Il Pirata Benaglia poi segna il 27-26, poi dopo uno scambio lunghissimo, Cetrullo mette fuori. Tutto da rifare. Finale al cardiopalma. Silva rimette in mano alla Conad il pallino, poi però viene murato ed è ancora 28-28. Set interminabile. Cetrullo trova il mani-fuori del 29-28, ma il solito Da Silva (14 punti per lui in questo set: chapeau) fa 29-29. Ora però grazie al muro di Marinelli è Civita a servire per il set, ma poi spreca tutto con una battuta out di Menicali: 30-30. Dolfo spara fuori un diagonale, la stessa cosa fa Da Silva dal servizio: 31-31! Poi capitan Tondo con grande coraggio rischia forzando la battuta e fa ace, poi Dolfo con una bordata la chiude: 33-31! Un set pazzesco che la Conad si mette in saccoccia: 2-1! Prova di carattere enorme degli uomini di Cantagalli.

La Conad vuole chiuderla qui e intascarsi 3 punti che sarebbero fondamentali, ma Civita comincia meglio il quarto set: 3-5. Reggio prova a reagire, ma le energie fisiche consumate nel lunghissimo set precedente fanno perdere qualche colpo in fatto di lucidità: 5-9 per i viterbesi. Che allungano sul +5: 7-12. E Cantagalli decide che è arrivato il momento dell’arma segreta: sul parquet entra il puma camerunense Kody al posto di Leano Cetrullo. E l’opposto numero 10 va subito a segno e si scalda le mani: 9-13. Reggio prova a rosicchiare qualcosa con Dolfo, ma il distacco resta sempre tale: 12-16. Le bordate di Kody sembrano non bastare perché Civita è determinata a portare il match al tie-break, forte di un vantaggio considerevole: 15-21. Da Silva continua a bombardare, Kody prova a rispondere e tenta il miracolo per riaprire il set: 18-22. Spanakis chiama il minuto di tempo per spezzare il momento favorevole reggiano. E ci riesce: 18-24 al ritorno sul parquet complice anche un errore di formazione fischiato alla Conad. Poi Kody spara fuori e Civita pareggia i conti: 2-2. Ora si decide tutto al tie-break.

Il Pirata Benaglia sigla il primo punto dell’ultimo set, ma Civita va subito a segnare l’1-1. Pasticciano Dolfo e Marchiani in ricezione, Kody spara fuori e poi sul muro, Civita va sul 2-5. Momento non favorevole al camerunense anche un pizzico sfortunato e Cantagalli si affida a Cetrullo che rientra. E poi entra pure Tom D.P. per Dolfo. Civita segna altri due punti (2-7) e il coach reggiano chiama i suoi al timeout per chiedere loro l’impresa. Ma Civita non molla nulla e si porta sul 5-10. È davvero dura vincerla ora per la Conad, ma Tondo con due super ace prova a rimettere il set sui binari di Reggio: 7-10. Da Silva però non ha ancora finito le cartucce e spara su Morgese l’8-12. Alla Conad serve un miracolo. Cetrullo e Benaglia provano a travestirsi da Santi del giorno e portano Reggio a -2: 10-12! Gara riaperta e Civita nervosa, con Paolucci che si prende un giallo per aver protestato chiedendo l’out sul punto di Benaglia. Dolfo però sbaglia la battuta, ma Benaglia riporta tutto a -2: 11-13. Che finale di gara in via Guasco. Lo stesso Pirata però manda sulla rete il servizio e ora Civita Castellana batte per il match (11-14). Poi l’arbitro fischia un fallo a Marchiani e i viterbesi si portano a casa la vittoria: 2-3, ma la Conad guadagna il punto che le dà il diritto di disputare i playoff.

Il tabellino

CONAD VOLLEY TRICOLORE REGGIO EMILIA   2
GLOBO SCARABEO CIVITA CASTELLANA              3
(25-21; 20-22; 33-31; 18-25; 11-15)

REGGIO EMILIA: Dolfo 15, Benaglia 9, Cetrullo 18, Silva 9, Tondo 17, Marchiani; Tom D.P. 5, Bevilacqua, Kody 5, Scaltriti. Libero: Morgese. Non entrati: Bonante e Cargioli. Allenatore: Cantagalli
CIVITA CASTELLANA: Alborghetti 6, Paolucci 4, Puliti 7, Menicali 10, Da Silva 33, Marinelli 11; Sacripanti, Rau, Marsili, De Matteis 5, Tataru. Libero: Cesarini. Non entrati: Santilli. Allenatore: Spanakis
Arbitri: Nicolazzo e Bassan