Monthly Archives

Aprile 2014

Secondo ko in fila a Tuscania, A2 ancora rinviata per la Conad

By | News | No Comments

Pallavolo Tuscania-Conad Reggio Emilia 3-2 (23-25, 25-21, 18-25, 25-19, 15-9)
Pallavolo Tuscania: Buzzelli 25, Di Felice, Guglielmana ne, Vanini 1, Straino ne, Vitangeli 11, Ottaviani 8, Figliolia 11, Anselmi ne, Mantovani ne, Skuodis ne, Moretti 10, Benedetto (L). All. Tofoli
Conad Reggio Emilia: Dordei 13, Catellani (L), Bassoli ne, Magnani ne, Guemart 1, Tiozzo 3, Tondo 11, Bartoli 12, Sideri ne, Cuda 9, Benaglia 13, Santini, Tataru 3. All. Cantagalli
Arbitri: Donati e Marotta
Durata set: 28′, 26′, 27′, 28′, 17′. Tot. 2h06′
Note Tuscania: ace 7, service error 15, muri 12, ricezione 62%, attacco 41%.
Note Conad: ace 5, service error 21, muri 13, ricezione 54%, attacco 38%.

Verdetto ancora rinviato.
Il secondo ko consecutivo, dopo 17 vittorie in fila in campionato, non permette alla Conad di festeggiare con 3 turni d’anticipo il ritorno in serie A2.
Nessun dramma, anche se la sconfitta patita al tie-break sul campo di Tuscania (dove nessuno vince da oltre un anno) lascia l’amaro in bocca, dopo che Guemart e compagni erano stati avanti 2-1 e, quindi, ad un solo set dalla promozione.
Cagliari vincerà 3-1 ad Iglesias, portandosi così a -7 dai giallorossi, che proveranno a prendersi la serie A dopo la pausa pasquale, nel match del 26 aprile al Pala Bigi contro la stessa Iglesias, già retrocessa.
Probabilmente una formalità, ma ora c’è da pensare a ripartire dalla Coppa Italia.
Venerdì 18 e sabato 19 infatti si gioca infatti la Final Four a Motta di Livenza, con la semifinale che opporrà la Conad a Brescia.

LA PARTITA

Cantagalli schiera Dordei titolare in luogo di Tiozzo, con Cuda in diagonale.
Tutto confermato per il resto, con Guemart-Bartoli, Tondo-Benaglia, Catellani libero.
Tofoli risponde col sestetto atteso, ovvero schierando subito il neo acquisto Moretti al centro a far coppia con Vitangeli.
Ottaviani e Figliolia i due martelli, Vanini al palleggio, Buzzelli opposto e Benedetto libero.
E’ battaglia sin dal primo pallone, nell’arena di Tuscania.
La Conad parte bene, c’è equilibrio sino al 15 pari, quando un turno al servizio di Tondo prova a spezzare l’equilibrio.
E’ Benaglia a scrivere il mini-break (19-21) che regge sino al 23-25 che vale l’1-0 giallorosso.
Dal secondo set però si capisce che sarà ancor più dura di quel che si potesse pensare.
Buzzelli esalta Tuscania, che fugge subito 3-0 e poi 7-3.
I padroni di casa arrivano sino al +5 (13-8), Bartoli prova a ricucire (14-11), Dordei è gran protagonista (19-17), ma non basta. E’ 25-21 viterbese e 1 pari.
La miglior Conad è quella del terzo set, capace di fuggire in avvio (5-8) e di sfruttare il servizio dello stesso Dordei per il +6 sul 9-15.
Tuscania torna sino al -3 (17-20), ma ci pensano Tondo e Benaglia: 18-25 e, con Cagliari sotto 1-0 ad Iglesias, l’A2 è ad un solo set.
Il quarto parziale però vede i giallorossi sbagliare tanto, soprattutto al servizio (21 errori in totale dai 9 metri), e Tuscania riparte alla grande anche con l’apporto di Moretti.
6-3, 14-9 con super Ottaviani e la Conad non riesce mai ad avvicinarsi troppo. Il 25-19 dei padroni di casa costringe al tie-break.
Ed è qui che si spegne la luce, con Tuscania che parte a razzo (5-2) ed è già al +5 al cambio campo.
Dordei ridà una speranza (10-8), ma è un’illusione.
Vincono 15-9 i laziali, l’A2 è ancora possibile ma Cagliari va a prendersi i 3 punti ad Iglesias, rinviando ancora il verdetto.

Forza Conad, vola in A2 prima della Coppa!

By | News | No Comments

Chiudere i conti prima della Coppa, per pensare esclusivamente alla Final Four in programma a Motta di Livenza venerdì e sabato prossimi.
E’ questo l’obiettivo della Conad, al secondo match-ball per la promozione in A2, il primo che dipende esclusivamente dalla propria partita.
Sì, perchè a dispetto di sabato scorso, quando la squadra di Cantagalli è caduta per la prima volta in campionato dopo 17 vittorie per mano di Olbia, i giallorossi possono anche non guardare al risultato di Cagliari, a meno 9 dalla vetta quando mancano 4 turni alla fine.
Serve una vittoria da 3 punti sul campo di Tuscania per brindare, oppure ottenere lo stesso risultato di Cagliari, impegnata alle ore 18.00 nel derby di Iglesias (ultima della classe e ormai retrocessa).
Un’ora prima rispetto ai rivali, con inizio alle ore 17.00 (arbitrano Donati e Marotta), Guemart e compagni scenderanno nell’arena viterbese per provare a farla finita.
La sfida però è di quelle da brividi, perchè la Tuscania guidata da Paolino Tofoli, che dopo il match d’andata (vinto 3-1 dalla Conad) ritrova l’ex compagno Luca Cantagalli, con il quale c’è un grande rapporto d’amicizia, è terza nel girone con 34 punti (uno in più rispetto ad Olbia) ed è forse la vera rivelazione del torneo.
In più, i laziali sono imbattuti in casa da un anno intero, segnale inequivocabile di una squadra che può battere chiunque tra le mura amiche.
Per Tuscania è la gara dell’anno, così è stata presentata da quelle parti, e sarà certamente un grande spettacolo che può valere l’A2 con tre turni d’anticipo.
Come detto, sarebbe un toccasana per i giallorossi in vista della Final Four di Coppa Italia, ma è un obiettivo non semplice da conquistare.
Anche perchè, notizia di questa settimana, Tuscania ha inserito nel motore un giocatore come Daniele Moretti, centrale con tanta esperienza in serie A e arrivato per inseguire il sogno play-off.
Il 37enne ex Sora si sta allenando da qualche giorno con i nuovi compagni e verosimilmente potrebbe essere schierato in coppia con Vitangeli, mentre Vanini (reggiano d’adozione con la sua esperienza ai Vigili del Fuoco) e Buzzelli comporranno la diagonale palleggiatore-opposto.
In banda ecco Ottaviani e Figliolia, libero Benedetto.
In casa Conad, probabile venga riproposto il classico sestetto composto da Guemart-Bartoli, Tiozzo-Cuda, Tondo-Benaglia e Catellani libero.
A disposizione Dordei, Magnani, Bassoli, Sideri, Santini e Tataru, per far sì che il 12 aprile rappresenti un giorno storico per il Volley Tricolore.

FORMAZIONI IN CAMPO

Palazzetto dello Sport di Tuscania (VT) – sabato ore 17.00
Tuscania Volley: Vanini-Buzzelli, Ottaviani-Figliolia, Vitangeli-Moretti, Benedetto (L). A disposizione Di Felice, Guglielmana, Campanini, Straino, Anselmi, Mantovani, Skuodis. All. Tofoli
Conad Reggio Emilia: Guemart-Bartoli, Tiozzo-Cuda, Tondo-Benaglia, Catellani (L). A disposizione Dordei, Bassoli, Magnani, Sideri, Santini, Tataru. All. Cantagalli
Arbitri: Donati e Marotta

PROGRAMMA 19° TURNO

Arno-Civita Castellana, S. Croce-S. Antioco, Olbia-Ferrara, Tuscania-Conad, Iglesias-Cagliari, Monterotondo-Forlì.

CLASSIFICA

Conad Reggio Emilia 49 punti, Cagliari 40, Tuscania 34, Olbia 33, S. Croce e Civita Castellana 26, Forlì 25, S. Antioco 23, Ferrara 22, Monterotondo 21, Arno 16, Iglesias 9.

Sabato a Tuscania il secondo match-ball per la Conad. Benaglia ci crede: “Ora le 3 gare decisive”

By | News | No Comments

Tre punti, da ottenere nelle ultime quattro giornate di campionato.
Sono quelli che mancano alla Conad Reggio Emilia per brindare al ritorno in serie A2, con il secondo match-ball a disposizione già sabato in quel di Tuscania, quando alle ore 17 Guemart e compagni sfideranno la squadra di Paolo Tofoli in terra viterbese.
In realtà, è la prima vera occasione per chiudere i conti, visto che la sconfitta di sabato scorso contro Olbia, la prima in questo torneo, non è stata quella decisiva per rinviare il verdetto.
La vittoria di Cagliari su Santa Croce avrebbe comunque tenuto in vita le speranze dei sardi, capaci di passare da -11 a -9 dai giallorossi.
In ogni caso, sabato a Tuscania basterà una vittoria da 3 punti per brindare.
Sì, perchè in caso di 3-1 (o 3-0) e vittoria di Cagliari ad Iglesias (contro l’ultima della classe), la Conad rimarrebbe a +9 con 3 giornate da disputare, verrebbe al massimo raggiunta nel numero di punti e di vittorie, ma rimarrebbe in ogni caso in vantaggio sugli isolani nel quoziente set (nel peggiore dei casi, 1 set di vantaggio).
Ovviamente, per festeggiare l’A2 è sufficiente mantenere il +9 in classifica, quindi ottenere lo stesso risultato di Cagliari.
Guarda già avanti, nonostante il rammarico per un record d’imbattibilità al quale la truppa di Cantagalli teneva particolarmente, Davide Benaglia.
Il posto 3 piacentino indica le prossime tre gare come le più importanti della stagione.
“Sì, a Tuscania possiamo chiudere i conti per il campionato e a Motta di Livenza vogliamo prenderci anche la Coppa – dichiara deciso il centrale classe ’89.
Olbia è stata più cattiva e ha voluto più di noi la vittoria, noi dobbiamo ritrovare le nostre certezze e la convinzione che abbiamo sempre avuto.
Sono sicuro ce la faremo, questo gruppo ha dimostrato di poter compiere la doppietta campionato-coppa.
Mantenere anche l’imbattibilità era un nostro ulteriore obiettivo, ma quel che conta sono i 9 punti di margine su Cagliari e la voglia di arrivare alla Final Four di Coppa Italia (in programma il 18-19 aprile, nel week-end pasquale che prevede lo stop del campionato prima delle ultime tre giornate, ndr) al massimo della condizione”.
La Conad è di nuovo pronta.

La Conad cade per la prima volta: Olbia vince al tie-break al Pala Bigi

By | News | No Comments

Conad Reggio Emilia-Meridiana Olbia 2-3 (25-18, 25-23, 28-30, 18-25, 13-15)
Conad Reggio Emilia: Dordei 14, Catellani (L) 1, Bassoli ne, Magnani (2° L), Guemart 4, Tiozzo 2, Tondo 16, Bartoli 20, Sideri ne, Cuda 18, Benaglia 12, Santini ne, Tataru. All. Cantagalli
Meridiana Olbia: Mannecchia ne, Cavaccini (L), Calonico 15, Di Tommaso 3, Damaro, Marinelli 17, Miscione 4, Muccione ne, Conti ne, Trova 19, De Rosas P. 18. All. Fortunati
Arbitri: Merli e Toni
Durata set: 24′, 33′, 37′, 28′, 18′. Tot. 2h20′
Note Conad: ace 11, service error 16, muri 15, ricezione 60%, attacco 46%.
Note Olbia: ace 4, service error 14, muri 11, ricezione 66%, attacco 54%.

Prima o poi, doveva capitare.
L’invincibile Conad che perde una partita di campionato, dopo 17 vittorie in 17 gare.
E’ la Meridiana Olbia a violare il Pala Bigi con un 3-2 in rimonta per certi versi inaspettato, ma che ci può anche stare.
Certo è che sul 2-0 e con quattro match-ball (non consecutivi ovviamente) nel finale ai vantaggi del terzo set, la Conad era davvero ad un passo dall’ennesimo 3-0.
E invece Olbia si prende 2 punti e lotta ancora per i play-off, mentre la Conad rinvia il sogno della promozione diretta con 4 turni d’anticipo.
In realtà, a causa della vittoria di Cagliari su Santa Croce, sarebbe stato comunque tutto rinviato a sabato prossimo a Tuscania.
Ora, con 9 punti di margine su Cagliari, bisognerà vincere contro la formazione di Tofoli per volare verso l’A2.
Compito non semplice, ma la Conad delle meraviglie saprà ripartire dopo il primo ko.

LA PARTITA

Cantagalli senza sorprese, con Guemart-Bartoli, Tiozzo-Cuda, Tondo-Benaglia, Catellani libero.
La risposta di Fortunati: Di Tommaso-De Rosas, Trova-Marinelli, Calonico-Miscione, Cavaccini libero.
C’è anche l’ex Andrea Ippolito sulle tribune del Pala Bigi, anche perchè “Ippo” ha vestito pure la maglia di Olbia in passato.
E’ una Conad attenta, praticamente perfetta come nella maggior parte delle esibizioni di una stagione da favola.
Il 5-2 iniziale lo firma Bsrtoli, il punto del 9-4 addirittura Luca Catellani, non nuovo a trovare punti diretti con le sue difese.
Guemart diverte e si diverte, tutti gli attacchi vanno che è un piacere e la Conad domina, senza mai soffrire.
Tiozzo e Cuda lanciano il +7 alla seconda pausa tecnica assieme al gran muro del capitano su Marinelli, Olbia prova a tornare a -5 con un buon Trova, ma è 25-18 rapido con l’ace finale ancora di Guemart.

SECONDO SET

La reazione di Olbia arriva, 0-3 in avvio di 2° set.
La Conad risponde subito, 4 pari con l’ace di Cuda, ma la Meridiana prova ad accelerare ancora con Trova e De Rosas.
Sul 7-10, Cantagalli si gioca la carta Dordei per Tiozzo.
Il primo aggancio giallorosso arriva sul 15 pari col servizio di Tondo, prima del nuovo allungo sardo (16-19).
A quel punto, è proprio Dordei a dare la sterzata decisiva al set.
Quattro battute strepitose del martello romano (con 1 ace) e Conad a +2 sul 21-19, ma non è finita.
Olbia è ancora viva, aggancia la Conad sul 22-22 e con Marinelli ha la palla per sorpassare, ma Bartoli è strepitoso a muro.
E’ la svolta, sullo scambio successivo Cuda beffa tutti col pallonetto del 24-22 e, dopo l’errore al servizio di Bartoli, è lo stesso oppostone giallorosso a scrivere da seconda linea il 2-0: 25-23.

TERZO SET

Come nel secondo set, la Meridiana parte a tutta.
Il 5-1 sardo indica come la strada verso la vittoria sia ancora lunga.
E’ una lunga rincorsa come nel 2° set, quando sul 16-20 i giallorossi riescono a chiudere e sorpassare con l’ace di Tondo per il 23-22, sembra davvero fatta.
Si va ai vantaggi però, la Conad ha 4 match-ball a disposizione, ma Olbia rimane in vita e finisce 28-30 per i sardi sull’errore finale di Cuda.
Si va al quarto set.

QUARTO SET

C’è equilibrio in avvio di quarto set, perchè adesso è davvero una battaglia.
Olbia alza sempre più l’asticella, la Conad risponde ma si soffre, dovendo sempre rimontare dal primo punto.
E’ 6-8 sardo al primo stop tecnico, con tanti errori giallorossi e Tataru in campo per Bartoli.
C’è tensione in campo, Olbia si carica e scappa sino al +3 sull’11-14 con Trova, ma la Conad rientra ancora una volta.
Tondo e Dordei per il 14 pari, poi la mancata intesa tra Di Tommaso e Miscione per il sospirato sorpasso sul 15-14.
E non finisce qua, con Cuda che prosegue il martellamento al servizio e scrive un parziale di 5-0 importantissimo.
Il contro parziale sardo però è tremendo, con l’8-0 nato dal servizio di Di Tommaso che lancia gli ospiti sino al 17-23 e, di fatto, porta tutti al tie-break.
Finisce 18-25 con l’ace di Trova.

TIE-BREAK

Come all’andata, la Meridiana porta la Conad al quinto.
Guemart e compagni vogliono mantenere l’imbattibilità ad ogni costo, lo dimostra il gran primo tempo di Tondo ad aprire il set decisivo.
Olbia però è in trance agonistica, trova due punti incredibili e prova subito a scappare, ma la Conad c’è.
Bartoli torna ad accendersi (3-3), Dordei d’astuzia per il 4 pari, ma la Meridiana trova il gran muro di Calonico su Cuda per la prima mini-fuga: 4-6.
Tondo è monumentale a muro e cancella prima Calonico, poi Marinelli per il sorpasso giallorosso al cambio campo: 8-7.
Che finale, signore e signori, con Cuda che accende il turbo con la sassata dai 9 metri che vale il +2 (10-8) e costringe Fortunati al time out.
Olbia riparte subito, il muro su Dordei costringe Cantagalli a reinserire Tiozzo sul 10 pari.
Bartoli regala l’ultimo vantaggio (12-11), ma la notte è di olbia.
Trova è il killer della capolista, finisce 13-15 e, per la prima volta in campionato, la Conad è battuta.

Primo match-ball per la Conad: vincere con Olbia può valere l’A2

By | News | No Comments

Due formazioni sarde, tra la Conad e l’immediato ritorno tra i grandi.
Sono Olbia e Cagliari gli ultimi ostacoli per la formazione di Luca Cantagalli, dominatrice assoluta del girone B di un campionato di B1 mai in discussione.
Ok, ma c’è una gran voglia di chiudere i conti il prima possibile, anche per potersi concentrare sul possibile “double”, con la Final Four di Coppa Italia il prossimo 18-19 aprile a Motta di Livenza.
Si riparte dopo la pausa con gli ultimi 5 turni di campionato, ma può bastare già quello in programma questo sabato per volare in A2.
Undici i punti di margine su Cagliari, grazie alle 17 vittorie in 17 gare di campionato, con soli 3 punti lasciati per strada.
Uno, proprio in quel di Olbia lo scorso 14 dicembre, con la Meridiana che si è poi confermata squadra di ottimo livello (è terza in coabitazione con Tuscania e lotta per un posto nei play-off) e al Pala Bigi proverà a rovinare la festa ai giallorossi.
In realtà però, non dipende tutto dal match in programma in via Guasco alle ore 21.
Per lanciare i brindisi, la Conad deve guadagnare 1 punto nei confronti di Cagliari, impegnata in casa alle ore 19 contro Santa Croce. A +12, gli isolani potrebbero raggiungere Guemart e compagni per punti e numero di vittorie, ma rimarrebbero alle spalle nel computo del quoziente set.
Ad inizio match, la Conad saprà quindi se battendo Olbia sarà serie A, ma in ogni caso i ragazzi di Cantagalli dovranno rimanere concentrati sull’obiettivo dei 3 punti, anche perchè in ogni caso sabato prossimo a Tuscania basterebbe solo un punticino per la matematica.
Olbia, come detto, arriverà al Pala Bigi con stimoli importanti.
Guidata da coach Andrea Fortunati, la Meridiana è una squadra costruita sin dalla scorsa estate con l’obiettivo di lottare per il vertice. La diagonale composta dal palleggiatore Di Tommaso e da Paolo De Rosas (da quest’anno in posto 2 dopo una carriera da martello) è di livello assoluto, ma anche capitan Trova e Damaro in banda sanno far male.
Al centro Calonico e Miscione dovranno vedersela con due totem come Tondo e Benaglia, il libero è il giovanissimo Filippo Derosas.
La Conad, pur dovendo gestire qualche guaio fisico, proporrà il sestetto base con Guemart-Bartoli, Tiozzo-Cuda, appunto Tondo-Benaglia e Catellani libero.
Ad arbitrare l’incontro, Maurizio Merli e Fabio Toni.

FORMAZIONI IN CAMPO

Pala Bigi di Reggio Emilia – sabato ore 21.00
Conad Reggio Emilia: Guemart-Bartoli, Tiozzo-Cuda, Tondo-Benaglia, Catellani (L). A disp. Dordei, Bassoli, Magnani, Sideri, Santini, Tataru. All. Cantagalli
Meridiana Olbia: Di Tommaso-De Rosas P., Damaro-Trova, Calonico-Miscione, Derosas F. A disp. Manecchia, Marinelli, Muccione, Conti, Valla. All. Fortunati
Arbitri: Merli e Toni

PROGRAMMA 18° TURNO

Ferrara-Arno 1-3 (giocata in anticipo), Conad Reggio Emilia-Olbia, Cagliari-S. Croce, Forlì-Iglesias, S. Antioco-Tuscania, Civita Castellana-Monterotondo.

CLASSIFICA

Conad Reggio Emilia 48 punti, Cagliari 37, Tuscania e Olbia 31, S. Croce 26, S. Antioco e Civita Castellana 23, Forlì e Ferrara 22, Monterotondo 21, Arno 16, Iglesias 9.

Sabato la grande notte con Olbia: sarà decisiva per l’A2

By | News | No Comments

Potrebbe già essere la grande notte della Conad, capace di dominare questo campionato di B1 con 17 vittorie in 17 gare, quella di sabato sera che metterà di fronte ai giallorossi la Meridiana Olbia nell’appuntamento in programma alle ore 21.00 al Pala Bigi.
Mancano 5 giornate al termine della fase di regular season, ma la squadra di coach Cantagalli è già ad un passo dal grande obiettivo, l’immediato ritorno in serie A2.
Gli 11 punti di margine su Cagliari dicono infatti che già sabato notte potrebbe finire tutto, se Guemart e compagni riusciranno a guadagnare un punto nel confronto a distanza con i sardi, in campo alle 19.00 contro Santa Croce.
A quel punto infatti, con 12 punti di margine e 4 vittorie in più, gli isolani potrebbero sì raggiungere la Conad, ma sarebbero comunque alle spalle nel computo del quoziente set. Bisogna però battere Olbia, rivale tosta nella notte del Pala Bigi.
Terza forza del torneo con 31 punti (in coabitazione con Tuscania), la Meridiana si sta giocando i play-off e già all’andata fece penare i giallorossi. La squadra di coach Andrea Fortunati è stata infatti una delle tre compagini capaci di levare punti a questa super Conad, pur cedendo 3-2 nel match dello scorso 14 dicembre.
Formazione interessante quella sarda, con tre esterni di assoluto valore come il capitano Andrea Trova, da anni protagonista con la maglia biancorossa, Umberto Damaro e il bomber Paolo de Rosas. Al palleggio comanda Simone Di Tommaso, lo scorso anno protagonista in A2, con Calonico e Miscione al centro e Filippo De Rosas libero.
L’ex della gara è Alessandro Dordei, recuperato dopo l’infortunio alla caviglia patito nella battaglia di Sant’Antioco. Non dovesse chiudere i conti sabato, la Conad ci riproverà il 12 aprile a Tuscania.
L’altra trasferta da segnare col circoletto rosso sul calendario è quella del 18-19 aprile a Motta di Livenza, dove andrà in scena la Final Four di Coppa Italia con la Conad impegnata venerdì 18 (ore 17.30) nella semifinale contro Brescia.